Contributi e Opinioni 15 Aprile 2021 09:28

Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Rendere giustizia al personale sanitario»

di Luciano Cifaldi, oncologo, segretario Cisl Medici Lazio

di Luciano Cifaldi, oncologo, segretario Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

se noi della Cisl Medici Lazio dovessimo iniziare a fare l’elenco delle cose che nella galassia pandemia non hanno funzionato ebbene sono certo che non riusciremmo mai a completarlo.

Dalle carenze dei dispositivi ai dichiarati e mai realizzati posti letto di terapia intensiva; dalle consulenze pagate a spese della collettività ed in maniera molto profumata per incarichi assistenziali, che di assistenziale hanno pressoché nulla, ai troppi atti deliberativi che nelle Asl possono nascondere ben altro ma trovano ampia motivazione nelle premesse che, guarda caso, fanno sempre riferimento alla necessità di fronteggiare l’emergenza pandemica con decisioni straordinarie e temporanee.

Le primule? Archiviate, e meno male. Forse non era un atto di politica da basso Impero Romano ma un tenero omaggio all’ottimismo e a sentimenti di speranza, una specie di inno alla gioia. Il simbolo di un fiore ad identificare i luoghi, tutti da costruire dopo assegnazione a seguito di regolarissimo appalto, dove fare confluire i cittadini per consentire loro di potersi vaccinare e di non ammalarsi. Commovente direi.

Nell’Italia dei cinema e dei teatri, delle palestre e dei campi sportivi chiusi per il confinamento delle persone e il lockdown del cervello, nell’Italia delle caserme quasi spopolate ma pur sempre presidiate, qualcuno si era inventato solo poche settimane fa i prefabbricati con le primule. Nell’Italia dove nei prefabbricati ci sono donne e uomini sopravvissuti a recenti terremoti e ancora in attesa di una casa degna di tale nome, cosa si inventa qualcuno? Un progetto architettonico con l’uso di padiglioni prefabbricati da usare per la somministrazione del vaccino. Il costo di questa roba? Molti milioni di euro ma tanto avrebbe pagato Pantalone.

In una Capitale dove esiste il Roma Convention Center La Nuvola e ad un paio di centinaia di metri un palazzo dello sport, in una città dove si trova un Auditorium ed un numero quasi infinito di strutture in grado di ospitare centri vaccinali, ebbene avremmo dovuto assistere al proliferare di questi costosi padiglioni prefabbricati. Chissà perché. E magari, si spera quanto prima, qualcuno svelerà anche questo mistero, ed auspicabilmente lo farà “In nome del popolo italiano”.

Però, a volere essere realisti, a noi medici della Cisl delle primule non ce ne frega nulla, e neanche del bonus per i monopattini e men che meno dei banchi a rotelle che dovrebbero girare, le rotelle, innanzitutto nei cervelli. Questi potrebbero essere argomento da Corte dei conti o da magistratura inquirente.

Gentile Direttore, qui il tema più urgente è quello di rendere giustizia al personale sanitario. A chi si è ammalato, a chi è morto, ai loro familiari. Abbiamo vissuto un inizio della pandemia dove i dispositivi di sicurezza scarseggiavano e ci siamo dovuti accontentare di quello che ci passavano. E tra le mascherine che ci hanno fornito ricordo ancora quei pannucci, quelle schifezze rese note al grande pubblico da un video del presidente della regione Campania che le contestava egli stesso. E ricordo la mia rabbia e la rabbia dei miei colleghi alla vista di quella robaccia.

Ma ad oltre un anno da quella emergenza clinica e di approvvigionamento di forniture oggi monta la rabbia nel dover assistere ai sequestri di mascherine inutili, inefficaci e dunque pericolose, frutto di un cervellotico meccanismo, che ancora sembra protrarsi, per il quale basta l’autocertificazione del produttore, solitamente di un paese orientale, per entrare nell’elenco dei dispositivi accettati in “deroga”. Ma in deroga di cosa? Qualcuno si è fumato il cervello per realizzare questa cosa allucinante? Ma che significa in deroga? Che non si fanno test, che non si fa una analisi merceologica e che ci siamo messi in faccia qualsiasi cosa che ci è stata rifilata negli ospedali. E questo è potuto accadere perché un qualsivoglia comitato di esperti, e in Italia c’è sempre un comitato o una commissione a rendere meno chiaro ciò che di per sè magari lo sarebbe, ha detto che andava bene e che le mascherine soddisfacevano tutti i requisiti previsti dalla normativa. Le mascherine FFP2 KN95 anche se riportavano la scritta “medical use prohibited” oppure “non medical usage” erano dunque conformi. Ma conformi a cosa? Ad una autodichiarazione del produttore o di chi le ha vendute.

Oste come è il tuo vino? Ostia se l’è bon.

Tutto questo dopo un anno di chiusure e di clausura dove, vuoi per l’incapacità di troppi governanti parolai e vuoi per la legge di Murphy, quello che poteva andare storto è davvero andato storto.

Ora vogliamo giustizia. Il tempo è scaduto. Chi ha sbagliato deve pagare. E se gli inquirenti dovessero accertare che qualcuno si è arricchito senza “sbagliare”, ma proprio perché ha seguito i propri disegni delinquenziali, allora dovrebbe pagare due volte se ciò fosse possibile. Noi della Cisl Medici Lazio, ed è tutto pubblico e tutto tracciato, avevamo chiesto di verificare che le mascherine forniteci fossero veramente idonee. Nessuno ci ha risposto, siamo rimasti inascoltati. Troppe le inaugurazioni da presenziare per trovare il tempo di ascoltarci e rispondere. E allora applausi scroscianti al Settimo Cavalleggeri che oggi non porta più la divisa blu dell’epopea del Far West. Ma sapeste quanto fa bene al cuore vederli arrivare nelle loro divise grigio-verde o rosso-nere ed anziché sentire gli squilli di una tromba li riconosciamo per le fiamme gialle che portano sul cappello di ordinanza oppure per la granata sormontata dalla fiamma con tredici punte piegata dal vento.

Lealtà e fedeltà sono i sentimenti che avrebbero dovuto ispirare i sentimenti di chi ha avuto nelle proprie mani il destino di tanti operatori sanitari che oggi non sono più in vita.

Non erano eroi ma professionisti caduti nell’adempimento del proprio dovere lavorativo.

Nel loro nome ritengo si debba chiedere, anzi pretendere, che venga fatta giustizia e chi ha sbagliato debba pagare.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Ma le campagne vaccinali funzionano sui social?
Con l’espressione shitstorm (letteralmente “tempesta di cacca”) si intende quel fenomeno con il quale un numero piuttosto consistente di persone manifesta il proprio dissenso nei confronti di un’altra persona (o di un gruppo), di una organizzazione o di una azienda. Questa tempesta di insulti e/o commenti denigratori si realizza in rete, generalmente sui social media, sui blog o su altre piattaforme che consentono l’interazione
di Nicola Draoli, Consigliere Comitato Centrale FNOPI
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...