Contributi e Opinioni 16 Giugno 2020

Alzheimer: un promettente aiuto dalle cellule staminali

Il Morbo di Alzheimer fa paura a tutti, ma oggi la ricerca scientifica accende una nuova speranza: le cellule staminali mesenchimali.  Uno studio tutto italiano pubblicato il mese scorso sulla importante rivista internazionale Stem Cells Traslational Medicine  indica le cellule staminali mesenchimali come protagoniste di una ricerca molto interessante. Il gruppo della Dott.ssa Silvia Coco, Centro di Neuroscienze dell’ Università […]

di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells

Il Morbo di Alzheimer fa paura a tutti, ma oggi la ricerca scientifica accende una nuova speranza: le cellule staminali mesenchimali. 

Uno studio tutto italiano pubblicato il mese scorso sulla importante rivista internazionale Stem Cells Traslational Medicine  indica le cellule staminali mesenchimali come protagoniste di una ricerca molto interessante. Il gruppo della Dott.ssa Silvia Coco, Centro di Neuroscienze dell’ Università Milano-Bicocca, ha analizzato ciò che le cellule staminali mesenchimali sono in grado di produrre in laboratorio. Le cellule staminali mesenchimali sono in grado di produrre delle microvescicole dette esosomi. Gli esosomi contengono molte molecole con proprietà antiinfiammatorie. I ricercatori sono in grado coltivare le cellule staminali mesenchimali e di modificare la composizione delle molecole presenti negli esosomi. Diversi studi avevano dimostrato che in modelli animali inoculare gli esosomi nel circolo sanguigno o nel sito di studio poteva abbattere la infiammazione cerebrale.  In questo studio, per la prima volta, i ricercatori hanno somministrato per via intranasale gli esosomi di cellule staminali mesenchimali condizionate, in un modello animale di Alzheimer. La risposta di questi animali è stata sorprendente. Gli esosomi raggiungono il cervello con una somministrazione non invasiva e generano immunomodulazione ed effetti neuroprotettivi.

La somministrazione della terapia intranasale e la sua importanza

È una  pratica molto utilizzata nell’ambito dell’emergenza-urgenza. Permette di somministrare alcuni farmaci in maniera rapida e sicura. Non tutti i farmaci, tuttavia, possono essere somministrati per questa via.

Ha numerosi vantaggi:

  • Permette un adeguato assorbimento dei farmaci: la terapia intranasale viene assorbita dalla mucosa nasale che ha un flusso sanguigno elevato dovuto alla grande vascolarizzazione e che permette un assorbimento rapido. Non passando per il fegato entrano immediatamente in circolo.  L’assorbimento dei farmaci inoltre non avviene solamente tramite la mucosa nasale, ma anche tramite la mucosa olfattoria, che è in diretta comunicazione con il bulbo olfattorio e quindi con il sistema nervoso centrale.
  • Non è cruenta: non essendo traumatica, né dolorosa.
  • Efficace: la velocità di assorbimento di alcuni farmaci per via intranasale è equiparabile alla somministrazione per via endovenosa.
  • Sicura: permette una tranquilla somministrazione di farmaco anche nel caso in cui il paziente sia agitato.
  • Immediata: non richiede alcuna competenza specifica e questo spiega perché in alcuni paesi stranieri venga utilizzata dal personale sanitario, ma anche da tecnici, paramedici e personale laico (es. guardaspiaggia).

Perché è stata pensata per il Morbo di Alzheimer? Cos’è, quali sono i sintomi, il decorso e le terapie.

La demenza di Alzheimer oggi colpisce circa il 5% delle persone con più di 60 anni e in Italia si stimano circa 500mila ammalati. È la forma più comune di demenza senile, uno stato provocato da una alterazione delle funzioni cerebrali che implica serie difficoltà per il paziente nel condurre le normali attività quotidiane. La malattia colpisce la memoria e le funzioni cognitive, si ripercuote sulla capacità di parlare e di pensare ma può causare anche altri problemi fra cui stati di confusione, cambiamenti di umore e disorientamento spazio-temporale.

Nei pazienti affetti da demenza di Alzheimer si osserva una perdita di cellule nervose nelle aree cerebrali vitali per la memoria e per altre funzioni cognitive. Si riscontra, inoltre, un basso livello di quelle sostanze chimiche, come l’acetilcolina, che lavorano come neurotrasmettitori e sono quindi coinvolte nella comunicazione tra le cellule nervose. Si formano, infine, degli agglomerati proteici, dette placche di amiloide, che impediscono la funzione cerebrale.

Decorso e sintomi

Il decorso della malattia è lento e in media i pazienti possono vivere fino a 8-10 anni dopo la diagnosi della malattia.

La demenza di Alzheimer si manifesta con lievi problemi di memoria, fino a concludersi con grossi danni ai tessuti cerebrali, ma la rapidità con cui i sintomi si acutizzano varia da persona a persona. Nel corso della malattia i deficit cognitivi si acuiscono e possono portare il paziente a gravi perdite di memoria, a porre più volte le stesse domande, a perdersi in luoghi familiari, all’incapacità di seguire delle indicazioni precise, ad avere disorientamenti sul tempo, sulle persone e sui luoghi, ma anche a trascurare la propria sicurezza personale, l’igiene e la nutrizione.

I disturbi cognitivi possono, tuttavia, essere presenti anche anni prima che venga formulata una diagnosi di demenza di Alzheimer.

Terapie farmacologiche

Oggi purtroppo non esistono farmaci. In alcuni pazienti, in cui la malattia è in uno stadio lieve o moderato, farmaci come tacrina, donepezil, rivastigmina e galantamina possono aiutare a limitare l’aggravarsi dei sintomi per alcuni mesi. Questi principi attivi funzionano come inibitori dell’acetilcolinesterasi, un enzima che distrugge l’acetilcolina, il neurotrasmettitore carente nel cervello dei malati di Alzheimer. Perciò inibendo questo enzima, si spera di mantenere intatta nei malati la concentrazione di acetilcolina e quindi di migliorare la memoria. Altri farmaci, inoltre, possono aiutare a contenere i problemi di insonnia, di ansietà e di depressione.

La messa a punto di nuovi farmaci per la demenza di Alzheimer è un campo in grande sviluppo, nei laboratori di ricerca si sta lavorando a principi attivi che aiutino a prevenire, a rallentare la malattia e a ridurne i sintomi.

Altra via di ricerca attiva è quella che punta sullo sviluppo di una risposta immunologica contro la malattia cercando di sviluppare un vaccino in grado di contenere la produzione di b-amiloide (il peptide che si aggrega a formare le placche).

Importanza delle terapie non farmacologiche. La scommessa delle cellule staminali mesenchimali

Fra le varie terapie non farmacologiche proposte per il trattamento della demenza di Alzheimer, la terapia di orientamento alla realtà (ROT) è quella per la quale esistono maggiori evidenze di efficacia (seppure modesta). Questa terapia è finalizzata ad orientare il paziente rispetto alla propria vita personale, all’ambiente e allo spazio che lo circonda tramite stimoli continui di tipo verbale, visivo, scritto e musicale.

In un quadro del genere è chiaro come prenda forma e importanza uno studio come quello che vi abbiamo appena descritto.

Lo studio, infatti, sebbene preclinico apre degli scenari molto importanti. Sostiene che la somministrazione intranasale di esosomi condizionati e derivati da cellule staminali mesenchimali in coltura possa diminuire l’infiammazione e i processi ossidativi in stati precoci di Alzheimer. Ma non solo. Questo miglioramento genererebbe l’attivazione delle cellule nervose della glia e l’aumento di densità delle spine dendritiche che normalmente nell’Alzheimer diminuiscono interferendo nella memoria. Questi effetti benefici, inoltre, erano visibili dopo solamente due inoculazioni per via nasale.

La scoperta è sorprendente sia per la facilità di realizzazione, che per la rapidità di efficacia e per la efficacia stessa. Sebbene sia uno studio che coinvolge un modello animale e non l’uomo fa pensare alla necessità di approfondimento. La diminuzione dell’infiammazione e l’attivazione delle cellule nervose prima della formazione delle placche dendritiche responsabili degli effetti peggiori dell’Alzheimer, fa sempre di più pensare che si debba agire anche in maniera diversa rispetto alla eliminazione delle placche di amiloide. Le cellule staminali mesenchimali possono essere un valido aiuto per questo. La possibilità di somministrare esosomi attraverso una via non invasiva e la dimostrazione della loro efficacia anti-infiammatoria può accelerare la possibilità di un approfondimento traslazionale di questo studio.

La terapia cellulare, e i suoi derivati, perciò in aiuto per tanti tipi differenti di malattie fa pensare a rivedere i regolamenti che sottendono questi tipologie di terapie lanciando uno sguardo ad un futuro in cui le cellule staminali saranno sempre più protagoniste.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Le cellule staminali nella lotta alla Sclerosi Multipla: una realtà
La notizia dei giorni scorsi riprende lo studio iniziato lo scorso anno e terminato il 20 maggio con le dimissioni dell’ultimo paziente trattato: la sperimentazione di Fase I sull’utilizzo delle cellule staminali cerebrali umane in pazienti con sclerosi multipla condotta dal dottor Angelo Vescovi dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo è conclusa. E nessuno […]
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
Dalla riduzione dei farmaci al reinserimento lavorativo: ecco come curare ansia e disturbi cognitivi con il verde
I giardini terapeutici riducono sintomi ed effetti di patologie come Autismo, Alzheimer e Sindrome di Down. Ma ritrovare il contatto con la natura attenua stress e stati depressivi in tutti noi. Andrea Mati (paesaggista): «Progettare ospedali e RSA integrati e immersi nei parchi»
Staminali da cordone ombelicale e Covid-19
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Giovedì 30 gennaio inizia “Conoscere l’Alzheimer 2020”
La malattia di Alzheimer è la forma di demenza più frequente nei paesi occidentali e il progressivo invecchiamento della popolazione ha favorito un incremento dell’incidenza di tale patologia. Giovedì 30 gennaio, alle ore 15.00, presso il centro di Formazione dell’Ospedale S.Corona si terrà il primo incontro del ciclo “Conoscere l’Alzheimer 2020” organizzato da AFMAponentesavoneseODV – […]
Malattie neurodegenerative, calcio e colpi di testa sul banco degli imputati. Cosa c’è di vero
I risultati di una ricerca condotta dall’Università di Glasgow associano la pratica agonistica di sport di contatto a un maggior rischio di sviluppare demenza, Sla e Parkinson. L’intervista al neurologo Massimo Napolitano (Ospedale Cardarelli di Napoli)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)