Contributi e Opinioni 3 Dicembre 2018

Aids, Massimo Galli: «Infezione non cala, piano di contrasto fermo in molte regioni»

Il Presidente Simit e Consigliere nazionale ANLAIDS lancia l’allarme: «Negli ultimi anni il numero di nuove infezioni si stima che sia rimasto stabile, ma lo scarso e nella maggior parte dei casi tardivo ricorso al Test HIV in Italia e l’evidente caduta d’attenzione sul tema prevenzione suscitano preoccupazione»

«Negli ultimi anni il numero di nuove infezioni si stima che sia rimasto stabile, ma lo scarso e nella maggioranza dei casi tardivo ricorso al Test HIV in Italia e l’evidente caduta d’attenzione sul tema prevenzione suscitano preoccupazione». L’allarme lo lancia il Presidente della Simit – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali e Consigliere Nazionale ANLAIDS Massimo Galli.

LEGGI ANCHE: GIORNATA MONDIALE CONTRO AIDS, FERNANDO AIUTI: «NON RICORDIAMO LA MALATTIA SOLO UN GIORNO ALL’ANNO, IL CONTAGIO NON È FINITO»

«Il Piano Nazionale AIDS è stato elaborato come preludio alla auspicabile revisione delle Legge 135/90, “Piano degli interventi urgenti in materia di prevenzione e lotta all’AIDS”, ormai superata, ed è espressione di un forte coinvolgimento con le associazioni di volontariato, il cui ruolo è fondamentale per raggiungere con interventi di prevenzione efficaci le popolazioni chiave, nelle quali il rischio di trasmissione è più elevato. A distanza di quasi 30 anni dalla Legge 135, la situazione è profondamente cambiata non solo in termini epidemiologici, ma anche per quanto attiene alla realtà socio-assistenziale. Rimangono ancora questioni irrisolte, prima fra tutte il persistere della diffusione dell’infezione: negli ultimi anni il numero di nuove infezioni si stima che sia rimasto stabile, ma lo scarso e nella maggior parte dei casi tardivo ricorso al Test HIV in Italia e l’evidente caduta d’attenzione sul tema prevenzione suscitano preoccupazione. E questo in una situazione in cui lo stigma, frutto anche del ritorno dell’ignoranza, continua ad imperversare».

«Ad un anno dall’approvazione del Piano Nazionale Aids – continua Galli – la sua applicazione è ancora ferma in gran parte delle Regioni italiane: ai quattro gruppi di lavoro costituiti presso il Ministero della Salute, che stanno procedendo validamente per il coordinamento degli interventi d’omogeneizzazione della raccolta e del flusso dei dati, della formazione degli operatori, degli interventi di prevenzione e dei percorsi di assistenza e di mantenimento in cura partecipano una parte delle Regioni. La richiesta inoltrata dal Ministero per la costituzione in ogni Regione delle Commissioni AIDS, strumento importante richiesto dal piano e fondamentale per la sua applicazione, è ancora ampiamente inevasa. Gli interventi di prevenzione nelle scuole richiedono un lavoro comune con il ministero dell’Istruzione (MIUR) che non sembra prendere il via».

LEGGI ANCHE: AIDS, NEL 2017 SONO 3443 LE NUOVE DIAGNOSI DA INFEZIONE HIV. PIÙ COLPITA LA FASCIA DI ETA’ 25-29 ANNI

 

 

Articoli correlati
L’impatto del Covid su chi convive con l’Hiv e il rischio di recrudescenze causate dalla chiusura dei centri. L’appello di Anlaids
Riaprire ambulatori e centri community based, garantire continuità assistenziale e diagnosi e non dimenticare la prevenzione. La vicepresidente Anlaids Valeria Calvino: «Per Hiv la strada del vaccino è ancora lunga, i più fragili sono i primi a perdersi»
di Gloria Frezza
OMS: «In Africa i morti per AIDS potrebbero raddoppiare. 500mila persone a rischio a causa del Covid-19»
La sospensione dei servizi e delle terapie antiretrovirali per i malati di AIDS provocata dalla pandemia da Covid-19 potrebbe causare la morte di oltre 500mila persone nell’Africa subsahariana tra il 2020 ed il 2021. L’allarme arriva dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall’UNAIDS, per i quali gli effetti della pandemia potrebbero portare le lancette della lotta […]
Equivalenza terapeutica dei farmaci anti-HCV, Galli: «Si potevano percorrere altre strade per abbattere i costi»
Presentato al Senato il documento di farmacologia che arriva dopo le decisioni dell’Aifa. Gli esperti d’accordo: «Occorre più confronto»
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, Galli (Sacco): «In Italia situazione sotto controllo, misure assunte stanno contenendo fenomeno»
«Il virus sembra colpire in prevalenza uomini intorno ai 55 anni, mentre risparmia i giovanissimi sotto i 16 anni. Nessun rischio di contagio da cinesi residenti in Italia» così il professor Massimo Galli, Direttore Responsabile Malattie Infettive dell'Ospedale Luigi Sacco di Milano
di Federica Bosco
Hiv, Vice Ministro Sileri: «Serve grande opera di informazione su social, tv, scuole e università»
«Le istituzioni devono fare molto nella lotta contro l’Hiv, tanto che alcuni parlamentari hanno presentato diversi emendamenti ed è previsto anche un emendamento governativo per migliorare quella che è l’informazione e le campagne di educazione sull’Hiv e contro l’AIDS». Così il vice ministro della Sanità, Pierpaolo Sileri. «Il ministero deve fare il suo lavoro, cioè vigilare, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 24 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...