Contributi e Opinioni 30 Aprile 2021 12:34

Passaporto e cocktail di vaccini. La posizione di Cisl medici Lazio

di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Cisl Medici Lazio

di Luciano Cifaldi, oncologo, segretario Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

mi siano consentiti alcuni pensieri in libera uscita. Pensieri comunque elaborati prima delle ore 22 ad evitare di essere sanzionato, perché dalle ore 22 tutto deve rientrare incomprensibilmente in un ambito domestico.

Del passaporto verde che fissa a sei mesi la validità vaccinale ed offre ai vaccinati di ambire ad un anelito di temporanea libertà ne ho già scritto.

Perché poi proprio sei mesi e non otto o dodici? Sei sembra un numero buttato lì un pochino alla cieca senza prendere in alcuna considerazione, ad esempio, la verifica nel vaccinato della presenza o meno di un titolo anticorpale auspicabilmente protettivo. Lungi da me l’idea di suggerire che se un soggetto ha un titolo anticorpale ancora elevato potrebbe non avere alcun senso sottoporlo ad una ulteriore vaccinazione, la terza nel mio caso. Sempre che, ammesso e non concesso, non giunga ancora una volta l’ennesima rivisitazione sulla tempistica vaccinale. Mi ami? E quanto mi ami? Mi protegge? E quanto mi protegge? Leggevo che non più tardi di pochi giorni fa qualcuno ha buttato li con nonchalance addirittura l’ipotesi della somministrazione di un cocktail di vaccini. A me il termine cocktail fa venire in mente il Bloody Mary o il Daiquiri. Forse ad altri fa venire in mente il Black Russian che è sì un cocktail con vodka e liquore al caffè, ma che di questi tempi potrebbe in maniera subliminale evocare un vaccino prodotto al di là della ex cortina di ferro.

L’alcool fa male anche se non ci si mette alla guida e non bisognerebbe mai abusarne. Il rischio è poi quello di fare dichiarazioni che possono avere conseguenze immediate sulla capacità di scelta dei detentori di tale potestà.

Volendo dunque ricapitolare, e citando me stesso per non offendere chicchessia, il prossimo 24 luglio andrà in scadenza il mio fortunato semestre vaccinale. Abbandonata sin da ora la speranza di evitare una terza dose chiedo a qualche star della telepandemia se esiste un razionale scientifico per inocularmi la terza dose senza prevedere ad esempio, in via prioritaria, la definizione del mio titolo anticorpale. Se così non dovesse essere allora devo pensare che si tratterà di una somministrazione coatta, imposta in forza di un provvedimento di pubblica autorità. L’ennesimo.

Coatta come è la permanenza al proprio domicilio dopo le ore 22.

Ah, bei tempi quando, in età giovanile, il termine coatto almeno qui a Roma lo si applicava al buzzurro ignorante. È innegabile che l’attuale pensiero dominante risente in maniera eccessiva delle dichiarazioni a ruota libera delle tante star televisive che fanno del pessimismo cosmico la propria essenza di vita. Lancio un’idea alle donne e agli uomini di buona volontà: raccogliere in un libro le dichiarazioni contraddittorie e le perle di saggezza profuse a quintali nell’ultimo anno dai soliti noti. Il successo di vendita ritengo sarebbe assicurato e non si correrebbe neanche il rischio di doverlo ritirare dalla distribuzione addirittura prima dell’entrata in commercio.

Ne avremmo di cose interessanti da leggere. Una per tutte le famose mascherine. Ma questo è argomento sin troppo conosciuto e per fortuna sui dispositivi di protezione individuali le autorità inquirenti hanno acceso fari illuminanti.

La nuova ed ormai prossima frontiera sarà il passaporto verde per partire e viaggiare. Si, con te partirò perché “quando sono solo sogno all’orizzonte e manca le parole”.

Ma posso sognare fino al 24 luglio sperando che sull’argomento non ci si risvegli nell’incubo della ennesima improvvisata approssimazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...