Contributi e Opinioni 30 Aprile 2021 12:34

Passaporto e cocktail di vaccini. La posizione di Cisl medici Lazio

di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Cisl Medici Lazio

di Luciano Cifaldi, oncologo, segretario Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

mi siano consentiti alcuni pensieri in libera uscita. Pensieri comunque elaborati prima delle ore 22 ad evitare di essere sanzionato, perché dalle ore 22 tutto deve rientrare incomprensibilmente in un ambito domestico.

Del passaporto verde che fissa a sei mesi la validità vaccinale ed offre ai vaccinati di ambire ad un anelito di temporanea libertà ne ho già scritto.

Perché poi proprio sei mesi e non otto o dodici? Sei sembra un numero buttato lì un pochino alla cieca senza prendere in alcuna considerazione, ad esempio, la verifica nel vaccinato della presenza o meno di un titolo anticorpale auspicabilmente protettivo. Lungi da me l’idea di suggerire che se un soggetto ha un titolo anticorpale ancora elevato potrebbe non avere alcun senso sottoporlo ad una ulteriore vaccinazione, la terza nel mio caso. Sempre che, ammesso e non concesso, non giunga ancora una volta l’ennesima rivisitazione sulla tempistica vaccinale. Mi ami? E quanto mi ami? Mi protegge? E quanto mi protegge? Leggevo che non più tardi di pochi giorni fa qualcuno ha buttato li con nonchalance addirittura l’ipotesi della somministrazione di un cocktail di vaccini. A me il termine cocktail fa venire in mente il Bloody Mary o il Daiquiri. Forse ad altri fa venire in mente il Black Russian che è sì un cocktail con vodka e liquore al caffè, ma che di questi tempi potrebbe in maniera subliminale evocare un vaccino prodotto al di là della ex cortina di ferro.

L’alcool fa male anche se non ci si mette alla guida e non bisognerebbe mai abusarne. Il rischio è poi quello di fare dichiarazioni che possono avere conseguenze immediate sulla capacità di scelta dei detentori di tale potestà.

Volendo dunque ricapitolare, e citando me stesso per non offendere chicchessia, il prossimo 24 luglio andrà in scadenza il mio fortunato semestre vaccinale. Abbandonata sin da ora la speranza di evitare una terza dose chiedo a qualche star della telepandemia se esiste un razionale scientifico per inocularmi la terza dose senza prevedere ad esempio, in via prioritaria, la definizione del mio titolo anticorpale. Se così non dovesse essere allora devo pensare che si tratterà di una somministrazione coatta, imposta in forza di un provvedimento di pubblica autorità. L’ennesimo.

Coatta come è la permanenza al proprio domicilio dopo le ore 22.

Ah, bei tempi quando, in età giovanile, il termine coatto almeno qui a Roma lo si applicava al buzzurro ignorante. È innegabile che l’attuale pensiero dominante risente in maniera eccessiva delle dichiarazioni a ruota libera delle tante star televisive che fanno del pessimismo cosmico la propria essenza di vita. Lancio un’idea alle donne e agli uomini di buona volontà: raccogliere in un libro le dichiarazioni contraddittorie e le perle di saggezza profuse a quintali nell’ultimo anno dai soliti noti. Il successo di vendita ritengo sarebbe assicurato e non si correrebbe neanche il rischio di doverlo ritirare dalla distribuzione addirittura prima dell’entrata in commercio.

Ne avremmo di cose interessanti da leggere. Una per tutte le famose mascherine. Ma questo è argomento sin troppo conosciuto e per fortuna sui dispositivi di protezione individuali le autorità inquirenti hanno acceso fari illuminanti.

La nuova ed ormai prossima frontiera sarà il passaporto verde per partire e viaggiare. Si, con te partirò perché “quando sono solo sogno all’orizzonte e manca le parole”.

Ma posso sognare fino al 24 luglio sperando che sull’argomento non ci si risvegli nell’incubo della ennesima improvvisata approssimazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La settimana mondiale della Tiroide 2021 promuove la telemedicina
Si svolgerà dal 24 al 30 maggio, con il patrocino di ISS e con la partecipazione delle principali società scientifiche endocrinologiche, mediche e chirurgiche
di Federica Bosco
Vaccini, Locatelli e Magrini: «Ritardare seconda dose Pfizer e Moderna non inficia efficacia. Probabile terzo richiamo»
In audizione in Commissione Sanità, il coordinatore del Cts ricorda come le stesse compagnie farmaceutiche avevano presentato all’EMA un dossier in cui la popolazione studiata aveva avuto richiami fino a 42 giorni
Dl Sostegni bis, Speranza: «500 milioni per accelerare interventi, visite e screening non effettuati»
L’annuncio su Facebook del Ministro della Salute. Le risorse risparmiate grazie ai «primi risultati raggiunti nel contenimento del Covid» andranno «ora a rafforzare ancora di più gli investimenti su tutte le altre patologie e favorire lo scorrimento delle liste d'attesa dei nostri servizi sanitari»
Vaccini, Rasi (Consulcesi): «Criticità per Sputnik e vaccino cinese, non facciamo gli stessi errori di Astrazeneca»
Sputnik, test, numeri dosi e soggetti non responder: ecco cosa vogliono sapere i medici su vaccini e varianti. Le risposte durante la masterclass Consulcesi con Rasi e Andreoni
Pfizer, il parere del dermatologo: «Meglio evitare filler per almeno un mese»
Dopo che Ema ha segnalato gonfiore anomalo del volto tra i possibili effetti collaterali del vaccino, il dottor Marconi, medico specialista in dermatologia e medicina estetica ha spiegato perché accade e come si può evitare
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...