Covid-19, che fare se...? 13 Settembre 2022 10:50

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L’ipotesi è che la durata dell’infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Succede molto spesso che i sintomi del Covid durino più a lungo della positività di una persona. Anche se non si tratta di Long Covid. Sintomi come febbre e tosse, infatti, possono perdurare qualche giorno o una settimana anche se il test antigenico rapido risulta negativo. Gli scienziati stanno cercando di capire se, in questi casi, si possono contagiare altre persone. Secondo Emily Bruce, microbiologa e genetista molecolare presso l’Università del Vermont a Burlington, la risposta è no.

I sintomi possono durare più a lungo dell’infettività

Bruce è convinta che, anche se i sintomi perdurano, nonostante il test antigenico rapido sia risultato negativo, non significa che si è ancora contagiosi. Puoi sicuramente avere sintomi più a lungo di quanto risulti positivo al test», spiega sulla rivista Nature. «E penso che sia perché molti dei sintomi sono causati dal sistema immunitario e non direttamente dal virus stesso», aggiunge Bruce. Quello su cui gli scienziati concordano è che i tamponi molecolari, cioè i test PCR, possono risultare positivi anche dopo che una persona non è più infetta. Questo si verifica probabilmente quando i test, che rilevano l’RNA virale, individuano i resti non infettivi, dopo che la maggior parte del virus vivo è stata eliminata.

I test antigenici rapidi sono i migliori nel misurare l’infettività

Per certi versi, i test antigenici rapidi offrono una guida migliore all’infettività, poiché rilevano le proteine ​​prodotte dalla replicazione attiva del virus. «Ci sono ancora tutte queste cose di cui non siamo esattamente sicuri», dice Bruce. «Ma se dovessi riassumerle in un messaggio molto conciso, sarebbe che se sei positivo all’antigenico, non dovresti uscire e interagire da vicino con persone che non vorresti infettare», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...