Covid-19, che fare se...? 24 Maggio 2022 11:31

Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?

La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso

Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?

Molto spesso accade che una persona positiva non si negativizzi nei tempi sperati. Del resto con Omicron, così come con molte altre varianti del virus Sars-CoV-2, non c’è un decorso uguale per tutti. C’è chi risulta positivo al test solo per pochissimi giorni e chi per un mese. Di certo, ci sono dei fattori che influiscono. La durata della positività è di solito proporzionale alla gravità della malattia, mentre persone asintomatiche o con pochi sintomi tendono a negativizzarsi prima. Inoltre, i vaccinati tendono a rimanere positivi per meno tempo rispetto ai non vaccinati.

Si raccomanda di ripetere il test dopo 7 giorni, ma non è una regola inderogabile

Per cui le regole, anzi le raccomandazioni, sulle tempistiche per l’esecuzione dei test rimangono invariate a quelle previste quando erano dominanti altre varianti prima di Omicron. «Nel caso in cui si risulti ancora positivi dopo 7 giorni dal primo test si consiglia di ripeterlo dopo altri 7 giorni», spiega a Sanità Informazione il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all’Università Statale di Milano. Tuttavia, la «regola dei 7 giorni» è stata prevista al fine di evitare un sovraccarico delle strutture della sanità pubblica, che garantiscono l’accesso ad un tampone gratuito quando prescritto dal medico di famiglia.

Si può ripetere il tampone «privatamente» quante volte si vuole

Ma se un privato cittadino vuole accedere a pagamento alla rete delle farmacie che eseguono i tamponi validi per la certificazione dell’avvenuto superamento della malattia, nulla vieta al diretto interessato di sottoporsi a nuovo test anche dal giorno seguente all’inattesa conferma di positività. E lo può ripetere tutte le volte che lo ritiene. E in caso di negatività, l’esito ha pienamente effetto su Green Pass, conclusione dell’isolamento, ecc. Tuttavia, si raccomanda di aspettare almeno un paio di giorni per evitare test inutili. Rimane invece immutato il dettato ministeriale secondo cui a 21 giorni dall’acclarata positività, in assenza di sintomi, l’isolamento si ritiene comunque concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...