Covid-19, che fare se...? 24 Maggio 2022 11:31

Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?

La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso

Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?

Molto spesso accade che una persona positiva non si negativizzi nei tempi sperati. Del resto con Omicron, così come con molte altre varianti del virus Sars-CoV-2, non c’è un decorso uguale per tutti. C’è chi risulta positivo al test solo per pochissimi giorni e chi per un mese. Di certo, ci sono dei fattori che influiscono. La durata della positività è di solito proporzionale alla gravità della malattia, mentre persone asintomatiche o con pochi sintomi tendono a negativizzarsi prima. Inoltre, i vaccinati tendono a rimanere positivi per meno tempo rispetto ai non vaccinati.

Si raccomanda di ripetere il test dopo 7 giorni, ma non è una regola inderogabile

Per cui le regole, anzi le raccomandazioni, sulle tempistiche per l’esecuzione dei test rimangono invariate a quelle previste quando erano dominanti altre varianti prima di Omicron. «Nel caso in cui si risulti ancora positivi dopo 7 giorni dal primo test si consiglia di ripeterlo dopo altri 7 giorni», spiega a Sanità Informazione il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all’Università Statale di Milano. Tuttavia, la «regola dei 7 giorni» è stata prevista al fine di evitare un sovraccarico delle strutture della sanità pubblica, che garantiscono l’accesso ad un tampone gratuito quando prescritto dal medico di famiglia.

Si può ripetere il tampone «privatamente» quante volte si vuole

Ma se un privato cittadino vuole accedere a pagamento alla rete delle farmacie che eseguono i tamponi validi per la certificazione dell’avvenuto superamento della malattia, nulla vieta al diretto interessato di sottoporsi a nuovo test anche dal giorno seguente all’inattesa conferma di positività. E lo può ripetere tutte le volte che lo ritiene. E in caso di negatività, l’esito ha pienamente effetto su Green Pass, conclusione dell’isolamento, ecc. Tuttavia, si raccomanda di aspettare almeno un paio di giorni per evitare test inutili. Rimane invece immutato il dettato ministeriale secondo cui a 21 giorni dall’acclarata positività, in assenza di sintomi, l’isolamento si ritiene comunque concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa