Covid-19, che fare se...? 24 Maggio 2022 11:31

Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?

La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso

Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?

Molto spesso accade che una persona positiva non si negativizzi nei tempi sperati. Del resto con Omicron, così come con molte altre varianti del virus Sars-CoV-2, non c’è un decorso uguale per tutti. C’è chi risulta positivo al test solo per pochissimi giorni e chi per un mese. Di certo, ci sono dei fattori che influiscono. La durata della positività è di solito proporzionale alla gravità della malattia, mentre persone asintomatiche o con pochi sintomi tendono a negativizzarsi prima. Inoltre, i vaccinati tendono a rimanere positivi per meno tempo rispetto ai non vaccinati.

Si raccomanda di ripetere il test dopo 7 giorni, ma non è una regola inderogabile

Per cui le regole, anzi le raccomandazioni, sulle tempistiche per l’esecuzione dei test rimangono invariate a quelle previste quando erano dominanti altre varianti prima di Omicron. «Nel caso in cui si risulti ancora positivi dopo 7 giorni dal primo test si consiglia di ripeterlo dopo altri 7 giorni», spiega a Sanità Informazione il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all’Università Statale di Milano. Tuttavia, la «regola dei 7 giorni» è stata prevista al fine di evitare un sovraccarico delle strutture della sanità pubblica, che garantiscono l’accesso ad un tampone gratuito quando prescritto dal medico di famiglia.

Si può ripetere il tampone «privatamente» quante volte si vuole

Ma se un privato cittadino vuole accedere a pagamento alla rete delle farmacie che eseguono i tamponi validi per la certificazione dell’avvenuto superamento della malattia, nulla vieta al diretto interessato di sottoporsi a nuovo test anche dal giorno seguente all’inattesa conferma di positività. E lo può ripetere tutte le volte che lo ritiene. E in caso di negatività, l’esito ha pienamente effetto su Green Pass, conclusione dell’isolamento, ecc. Tuttavia, si raccomanda di aspettare almeno un paio di giorni per evitare test inutili. Rimane invece immutato il dettato ministeriale secondo cui a 21 giorni dall’acclarata positività, in assenza di sintomi, l’isolamento si ritiene comunque concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali