Covid-19, che fare se...? 27 Settembre 2022 13:54

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

Ormai è noto da tempo che le reinfezioni da Covid-19 sono piuttosto frequenti. L’ultimo report sull’andamento dell’epidemia diffuso dall’Istituto superiore sanità mostra una risalita dei casi di reinfezioni, che sfiorano negli ultimi sette giorni un aumento del 16% (15,8%) rispetto al 14,9% della settimana precedente. Reinfezioni che in un anno hanno raggiunto 1.089.184 di casi segnalati, pari al 6,2% del totale dei casi notificati nello stesso periodo. La buona notizia è che i sintomi dovrebbero essere più lievi dell’infezione precedente, anche se questa non è una regola assoluta.

Nella maggior parte delle reinfezione i sintomi sono più lievi

Alcuni studi hanno osservato che una prima infezione può fornire protezione contro una seconda infezione più grave. E’ più probabile infatti che i sintomi di una seconda, terza o quarta reinfezione siano più leggeri o addirittura inesistenti. Tuttavia, sono stati registrati anche casi in cui la reinfezione si è manifestata in maniera più intensa rispetto all’infezione primaria. Ma questi casi sembrano essere, per fortuna, poco diffusi. La possibilità di contrarre una reinfezione in forma severa e richiedere l’ospedalizzazione è piuttosto bassa.

Affaticamento, tosse, febbre e mal di gola sono i sintomi più comuni

In caso di presenza di sintomi, questi sono sostanzialmente simili a quelli già noti per la variante Omicron, oggi quella dominante. Si va da problemi di affaticamento a tosse, febbre e mal di gola. Tuttavia, si tratta di disturbi che durano pochi giorni. Mediamente 4 giorni o anche meno, specialmente se le reinfezioni riguardano le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Tuttavia, più volte ci si infetta e più probabilità ci sono di sviluppare il Long Covid. Per questo gli esperti raccomandano di completare la vaccinazione che, anche se non annulla il rischio infezione, lo riduce significativamente.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’antivirale Paxlovid riduce il rischio di Long Covid
L'antivirale Paxlovid sviluppato contro Covid-19, non solo riduce le probabilità di ospedalizzazione e morte, ma diminuisce anche il rischio di sviluppare il Long Covid. Almeno questo è quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento Veterans Affairs degli Stati Uniti
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
Cosa succede se ho il Long Covid e mi reinfetto?
Le reinfezioni mentre si è alle prese con il Long Covid saranno sempre più comuni. E questo può portare a un peggioramento dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa