Covid-19, che fare se...? 20 Luglio 2021 16:05

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Quanti di chi si è vaccinato contro il Covid-19 o si appresta a farlo avranno pensato: «Poi però si festeggia». Un atto semplice come quello di restare seduti per qualche secondo, giusto il tempo di ricevere una punturina (tutt’altro che dolorosa) sulla spalla è diventata, dopo un anno e mezzo di pandemia, un evento importante da celebrare, tanta è la stanchezza di continuare a vivere nella paura e nell’incertezza. Un evento importante, dunque, che può diventare una scusa per un cicchetto in compagnia. Ma siamo sicuri che dopo aver ricevuto una dose di vaccino ci si possa lasciar andare completamente all’alcol? Esiste qualche effetto indesiderato, qualche controindicazione nel “mischiare” vaccino e bevande alcoliche?

«Niente alcolici nelle due settimane precedenti e nei 42 giorni successivi»

Una delle prime “uscite” sul tema è stata quella di un funzionario sanitario russo che (secondo quanto riportato dall’Agenzia Ansa), lo scorso dicembre ha avvertito i futuri vaccinati della necessità di evitare alcolici nelle due settimane precedenti la vaccinazione e, successivamente, astenersi per altri 42 giorni. Una indicazione pesante, in particolare se pensiamo a quanto sia diffuso in Russia il consumo di alcol. A questa dichiarazione, però, non sono seguite prove scientifiche che la suffragassero.

L’alcol potrebbe compromettere la risposta immunitaria dell’organismo

Sebbene alcuni studi scientifici sostengano che l’assunzione di quantità di alcol molto ridotte o moderate potrebbe, a lungo termine, far bene al sistema immunitario, un consumo eccessivo di bevande alcoliche rischia di sopprimerlo e potenzialmente interferire con la risposta immunitaria data dai vaccini. Lo sostengono diversi studiosi attraverso le pagine del prestigioso New York Times. Secondo questi ciò accadrebbe perché gli anticorpi al SARS-CoV-2 non vengono prodotti dal nostro corpo a breve lasso di tempo dall’inoculazione. Come ben sappiamo, invece, occorrono diverse settimane affinché il vaccino faccia effetto.

E tutto ciò che, almeno in potenza, può interferire con la risposta immunitaria andrebbe evitato: «Se si è veramente bevitori moderati – ha spiegato Ilhem Messaoudi, direttrice del Center for Virus Research presso l’Università della California Irvine – allora non c’è un rischio particolare. Ma occorre essere molto consapevoli di cosa significhi veramente bere moderatamente. È pericoloso assumere grandi quantità di alcol perché gli effetti sui sistemi biologici, compreso quello immunitario, sono piuttosto gravi e si verificano abbastanza rapidamente dopo essere usciti dalla zona moderata».

Una sbornia post-vaccino potrebbe amplificare eventuali effetti collaterali

Opinione comune tra gli esperti è che prendersi una sbronza dopo aver effettuato la vaccinazione potrebbe compromettere il fisico. Certo, non c’è bisogno di una laurea in Medicina per intuire che forse è una tesi corretta. Ma un corpo già debilitato dai postumi dell’alcol potrebbe reagire male se dovessero insorgere eventuali effetti collaterali dovuti alla vaccinazione.

Insomma, un brindisi per festeggiare l’avvenuta vaccinazione ci può stare. L’importante, come sempre, è non esagerare.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»
Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale
Arriva il freddo, l’Iss identifica i primi due casi di influenza per la stagione 2021-2022
Gli esperti hanno rilevato i primi casi legati al virus influenzale su due bambini, a Torino e Milano. Il picco si attende tra fine novembre e inizio dicembre
Covid, trend in continuo miglioramento: 4 Regioni a rischio moderato
Rt a 0.83, variante delta predominante in Italia. Incidenza sotto i 50 casi su 100mila abitanti. Sicilia torna in zona bianca
Che percentuale di diffusione ha raggiunto la variante Delta in Italia?
Una volta minoritaria nel nostro Paese (in cui dominava largamente la variante Alfa), la variante ex indiana ha da tempo preso il sopravvento. Cosa dicono le ultime rilevazioni
Malattie cardiovascolari prima causa di morte in Italia. Il 63% dei medici cerca nuove forme di connessione con pazienti
Lo studio IQVIA-Sanofi, in collaborazione con la Fondazione Italiana per il Cuore, fotografa l'impatto del Covid nelle malattie cardiovascolari. In conseguenza alla riduzione delle visite, anche l’aderenza alle terapie è diminuita in modo significativo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?