Covid-19, che fare se...? 31 Agosto 2021 12:55

Perché così tanti vaccinati si ammalano comunque di Covid-19?

L’ISS spiega il paradosso, «atteso e ben conosciuto, che bisogna saper riconoscere per evitare preoccupazioni e perdita di fiducia nella vaccinazione»

Perché così tanti vaccinati si ammalano comunque di Covid-19?

Lo strano caso dei vaccinati che si ammalano comunque. Perché anche chi ha fatto il vaccino prende il Covid? E perché sono così tanti i casi positivi al Covid-19 nella popolazione vaccinata? Come si spiega il fatto che anche chi ha completato il ciclo vaccinale può ammalarsi ed essere ospedalizzato? Qual è la reale copertura dei vaccini attualmente disponibili per contrastare il SARS-CoV-2? Sono domande che un po’ tutti i meno esperti si saranno posti almeno una volta da quando i vaccini anti-Covid sono stati messi in circolo. E sono domande legittime, dato che le risposte dipendono da un vero e proprio paradosso. Paradosso che, però, l’Istituto Superiore di Sanità definisce come «atteso e ben conosciuto». Niente di strano, dunque, e tutto ampiamente previsto. Ma vediamo cosa dice l’ISS in merito.

Vaccinati che si ammalano di Covid-19, perché così tanti?

Se le vaccinazioni nella popolazione raggiungono livelli alti di copertura si verifica un effetto (paradossale, per l’appunto), per cui i numeri in termini assoluti relativi ad infezioni, ricoveri e decessi possono risultare simili tra la popolazione non vaccinata e quella vaccinata. In questi casi, però, l’incidenza (intesa come il rapporto tra il numero dei casi e la popolazione), è «circa dieci volte più bassa nei vaccinati rispetto ai non vaccinati. Questi numeri – spiega ancora l’ISS – se letti correttamente, quindi, ribadiscono quanto la vaccinazione sia efficace».

Ma perché accade questo?

«La vaccinazione anti-Covid, come accade per tutte le vaccinazioni, non protegge il 100% degli individui vaccinati. Attualmente – spiega l’Istituto – sappiamo che la vaccinazione anti-Covid-19, se si effettua il ciclo vaccinale completo, protegge all’88% dall’infezione, al 94% dal ricovero in ospedale, al 97% dal ricovero in terapia intensiva e al 96% da un esito fatale della malattia». È quindi possibile (ed anche atteso) che si verifichi «un limitato numero di casi di infezione, di ricoveri ospedalieri, di ricoveri in terapia intensiva e di decessi anche tra i vaccinati, in numero estremamente più basso se confrontati a quelli che si verificano tra i soggetti non vaccinati».

Più è alta la copertura vaccinale, più i pochi casi tra vaccinati possono apparire proporzionalmente numerosi

Con l’aumentare della copertura vaccinale «decresce il numero dei casi proprio per l’efficacia della vaccinazione». Ciò comporta che «i pochi casi tra i vaccinati possano apparire proporzionalmente numerosi». In gruppi di popolazione con una copertura vaccinale altissima, la maggior parte dei casi segnalati si potrebbe verificare in soggetti vaccinati «solo perché la numerosità della popolazione dei vaccinati è molto più elevata di quella dei soggetti non vaccinati. Questo è un paradosso – spiega l’ISS –, atteso e ben conosciuto, che bisogna saper riconoscere per evitare preoccupazioni e perdita di fiducia nella vaccinazione». I sistemi di sorveglianza, inoltre, non rendono evidenti i casi di malattia evitati dalla vaccinazione ma fanno emergere solo quelli che si ammalano malgrado la vaccinazione.

I rischi di una copertura vaccinale non ottimale

Il vaccino, quando somministrato con l’intero ciclo, è «efficace a proteggere la popolazione». Tuttavia, più il virus circola, ad esempio, «per una copertura vaccinale non ottimale in tutte le fasce di età e/o per il non rispetto delle restrizioni, maggiore è il rischio che il virus venga trasmesso a soggetti a rischio di malattia severa anche se vaccinata e favorire il fenomeno della comparsa di nuove varianti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto