Salute 25 Agosto 2021 10:41

Record 5 miliardi di vaccini, ma nel mondo la distribuzione è iniqua

Il mondo ha stabilito un record: 5 miliardi di dosi di vaccino anti-Covid somministrate in soli nove mesi. Ma mentre in Portogallo l’81% della popolazione è completamente protetto e si parla già di terza dose, in Africa il record è dell’1,34%

Record 5 miliardi di vaccini, ma nel mondo la distribuzione è iniqua

Cinque miliardi di vaccini somministrati nel mondo, cifre che l’anno scorso in questo stesso periodo sarebbero state definite fantascientifiche. Eppure, i vaccini contro Covid-19 sono arrivati con successo in 183 Paesi, raggiungendo queste cifre in soli nove mesi. Ma le disuguaglianze sono ancora troppe e la parte più povera del mondo resta anche la meno immunizzata.

Sono 27 i Paesi in cui la soglia del 60% di protetti con due dosi è stata superata, tra cui l’Italia (70%). Poi però basta guardare la mappa realizzata da Our World in Data per notare come l’Africa sia quasi tagliata fuori dalla campagna vaccinale rispetto ai risultati degli altri stati. Il risultato migliore è quello del Portogallo (81% di immunizzati con due dosi) contro l’1,34% della Tanzania, che ancora una volta mostra quanto le disuguaglianze stiano dominando anche in una situazione da cui si esce solo “tutti insieme”.

Terza dose mentre in Africa nemmeno la prima

Se i Paesi più poveri attendono l’arrivo delle dosi fornite da COVAX, il programma dell’OMS per la distribuzione di solidarietà dei vaccini anti-Covid, Israele ha già cominciato a distribuire le terze dosi. A breve seguiranno anche gli Stati Uniti, che le offriranno prima a fragili e anziani, e in seguito a tutti i cittadini. Anche il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato che la terza dose sarà realtà in Italia: «C’è una discussione all’interno del Cts – ha detto – sicuramente si partirà con la terza dose per i fragili, gli immunodepressi, i trapiantati. Poi si arriverà agli over 80 e gradualmente anche a tutti gli altri».

 

Sull’utilità effettiva e le tempistiche necessarie per la terza dose è comunque ancora in corso un dibattito. L’Organizzazione mondiale della Sanità si è detta contraria a dare inizio così presto a questa pratica quando una parte del mondo non ha nemmeno la protezione di base. Con il mondo globalizzato in cui viviamo, l’immunità di gregge è reale solo se collettiva. «Invece di passare alla terza dose di vaccino – è stato il messaggio – è meglio condividere ciò che verrebbe utilizzato per i richiami, in modo tale che altri Paesi possano aumentare la loro prima o seconda copertura, la copertura vaccinale, e poi sarà possibile fare la terza dose. Ecco perché chiediamo una moratoria di due mesi sui richiami».

Si continua a produrre

Intanto le case farmaceutiche continuano a investire nella produzione di vaccini e sono oltre 150 le sperimentazioni in corso per nuovi prodotti. Quello di Pfizer-BioNTech è stato il primo a ricevere l’autorizzazione definitiva dalla Food and Drugs Administration, liberandosi dell’etichetta di “prodotto sperimentale” così spesso usata dai no vax per metterne in discussione la sicurezza. Con ogni probabilità nei prossimi mesi seguiranno anche Moderna, AstraZeneca e Johnson&Johnson. A testimonianza che i vaccini, così come Covid-19, resteranno ancora per qualche tempo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
G20 Salute, approvato Patto di Roma. Impegno di tutti per vaccini ai Paesi più poveri
Il progetto COVAX non sta funzionando, o meglio non corre quanto il virus nella gara che il mondo intero affronta da oltre un anno
Vaccini, Ianaro (M5S): «Italia e Ue appoggino sospensione brevetti al WTO o si rischia catastrofe»
«Meno dell'1% della popolazione dei Paesi più poveri è stato vaccinato, serve un impegno chiaro e deciso dell’Unione europea in questo senso» sottolinea la deputata e farmacologa del Movimento Cinque Stelle
Vaccini Covid, Figliuolo: «Dal 3 giugno prenotazioni aperte a tutte le classi di età»
L'annuncio del Commissario straordinario per l'emergenza Covid durante la visita all'Umbria Fiere. Dal 3 giugno ogni Regione potrà permettere a chi ha più di 16 anni di prenotare il vaccino, 20 milioni le dosi a disposizione. Figliuolo però insiste sugli over 60: solo il 60% è immunizzato
Vaccini Covid, Provenza (M5S): «Programmazione attenta per immunizzare i più giovani»
«Ho sollecitato il ministro ad assicurare azioni adeguate ed efficaci anche per la fascia di età 12-15 anni», ha spiegato l'onorevole Nicola Provenza intervenuto nel corso di un Question time
Seconde dosi AstraZeneca, Pfizer a 42 giorni e l’idea di un terzo shot: Guido Rasi commenta le novità sui vaccini
Oltre le 500mila vaccinazioni al giorno, l'Italia di Figliuolo accelera. Ma ci sono dei nodi da sciogliere sulle seconde dosi di AstraZeneca e Pfizer, e sulle eventuali "terze". Li analizziamo con l'ex direttore esecutivo dell'Ema Guido Rasi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...