Salute 25 Agosto 2021 10:41

Record 5 miliardi di vaccini, ma nel mondo la distribuzione è iniqua

Il mondo ha stabilito un record: 5 miliardi di dosi di vaccino anti-Covid somministrate in soli nove mesi. Ma mentre in Portogallo l’81% della popolazione è completamente protetto e si parla già di terza dose, in Africa il record è dell’1,34%

Record 5 miliardi di vaccini, ma nel mondo la distribuzione è iniqua

Cinque miliardi di vaccini somministrati nel mondo, cifre che l’anno scorso in questo stesso periodo sarebbero state definite fantascientifiche. Eppure, i vaccini contro Covid-19 sono arrivati con successo in 183 Paesi, raggiungendo queste cifre in soli nove mesi. Ma le disuguaglianze sono ancora troppe e la parte più povera del mondo resta anche la meno immunizzata.

Sono 27 i Paesi in cui la soglia del 60% di protetti con due dosi è stata superata, tra cui l’Italia (70%). Poi però basta guardare la mappa realizzata da Our World in Data per notare come l’Africa sia quasi tagliata fuori dalla campagna vaccinale rispetto ai risultati degli altri stati. Il risultato migliore è quello del Portogallo (81% di immunizzati con due dosi) contro l’1,34% della Tanzania, che ancora una volta mostra quanto le disuguaglianze stiano dominando anche in una situazione da cui si esce solo “tutti insieme”.

Terza dose mentre in Africa nemmeno la prima

Se i Paesi più poveri attendono l’arrivo delle dosi fornite da COVAX, il programma dell’OMS per la distribuzione di solidarietà dei vaccini anti-Covid, Israele ha già cominciato a distribuire le terze dosi. A breve seguiranno anche gli Stati Uniti, che le offriranno prima a fragili e anziani, e in seguito a tutti i cittadini. Anche il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato che la terza dose sarà realtà in Italia: «C’è una discussione all’interno del Cts – ha detto – sicuramente si partirà con la terza dose per i fragili, gli immunodepressi, i trapiantati. Poi si arriverà agli over 80 e gradualmente anche a tutti gli altri».

 

Sull’utilità effettiva e le tempistiche necessarie per la terza dose è comunque ancora in corso un dibattito. L’Organizzazione mondiale della Sanità si è detta contraria a dare inizio così presto a questa pratica quando una parte del mondo non ha nemmeno la protezione di base. Con il mondo globalizzato in cui viviamo, l’immunità di gregge è reale solo se collettiva. «Invece di passare alla terza dose di vaccino – è stato il messaggio – è meglio condividere ciò che verrebbe utilizzato per i richiami, in modo tale che altri Paesi possano aumentare la loro prima o seconda copertura, la copertura vaccinale, e poi sarà possibile fare la terza dose. Ecco perché chiediamo una moratoria di due mesi sui richiami».

Si continua a produrre

Intanto le case farmaceutiche continuano a investire nella produzione di vaccini e sono oltre 150 le sperimentazioni in corso per nuovi prodotti. Quello di Pfizer-BioNTech è stato il primo a ricevere l’autorizzazione definitiva dalla Food and Drugs Administration, liberandosi dell’etichetta di “prodotto sperimentale” così spesso usata dai no vax per metterne in discussione la sicurezza. Con ogni probabilità nei prossimi mesi seguiranno anche Moderna, AstraZeneca e Johnson&Johnson. A testimonianza che i vaccini, così come Covid-19, resteranno ancora per qualche tempo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Speranza su quarta dose: «Ue assuma posizione unitaria su tempi e fasce d’età»
Il ministro Speranza, intervenendo al Consiglio dei ministri europei della Salute, si rivolge all’UE: «Fare in tempi stretti una proposta su quarta dose basata esclusivamente sull'evidenza scientifica»
Vaccinare tutto il mondo si può? Il maggiore ostacolo sono le terze dosi
Finora solo il 2% dei paesi più poveri ha ricevuto un dose di vaccino contro Covid-19, nella riunione delle Nazioni Unite i leader hanno stabilito il 70% come obbiettivo entro settembre 2022. Ad oggi sembra impossibile
Report Iss: dopo 7 mesi vaccini mRna ancora efficaci all’89%
Nei primi mesi di vaccinazione rimane elevata la protezione del rischio di infezione nella popolazione generale mentre è stata osservata una riduzione di efficacia nel tempo per immunocompromessi e fragili
Speranza: «Italia in ripartenza, ben oltre 80% vaccinati con prima dose»
Il numero delle vaccinazioni e la ripresa economica del Paese legati a filo doppio secondo il Ministro Speranza, che ora invita all'ultimo sforzo nel superare l'80% anche per le seconde dosi: «Una delle scoperte più straordinarie della storia dell'umanità»
G20 Salute, approvato Patto di Roma. Impegno di tutti per vaccini ai Paesi più poveri
Il progetto COVAX non sta funzionando, o meglio non corre quanto il virus nella gara che il mondo intero affronta da oltre un anno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto