Covid-19, che fare se...? 1 Agosto 2022 15:24

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c’è una riposta univoca…

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

Da quando la variante Omicron, in tutte le sue versioni, ha iniziato a essere quella dominante ci sono molti interrogativi a cui la scienza non riesce a rispondere in modo univoco. Tra questi c’è quello che riguarda la durata della contagiosità di una persone positiva al virus Sars-CoV-2. Quello che oggi tutti si chiedono è per quanto tempo si rimane contagiosi? In effetti, gli studi sull’argomento sono piuttosto contraddittori: si va da posizioni molto ottimistiche a posizioni completamente contrarie, cioè molto pessimistiche. Non stupisce, dunque, l’estrema variabilità con cui i Paesi del mondo stanno agendo, specialmente sul fronte della durata dell’isolamento.

Per CDC si è contagiosi all’inizio della malattia fino a un massimo di 5 giorni

A fare un’ampia rassegna della letteratura scientifica sull’argomento è stato un articolo pubblicato sulla rivista Nature, dal quale emergono tanti dubbi e interrogativi. Lo scorso dicembre i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno dimezzato la durata dell’isolamento raccomandato portandolo a 5 giorni. I CDC hanno spiegato che la maggior parte della trasmissibilità del virus Sars-CoV-2 si verifica all’inizio della malattia, precisamente da uno a due giorni prima dell’insorgenza dei sintomi e da due a tre giorni dopo. Tuttavia, ci sono una serie di studi i quali suggeriscono che molte persone con Covid-19 rimangono infettive anche la seconda settimana dopo aver manifestato i primi sintomi.

Alcuni individui sono contagiosi anche al settimo o decimo giorno

Una ricerca condotta da Amy Barczak, specialista in malattie infettive presso il Massachusetts General Hospital di Boston, suggerisce che un quarto delle persone che hanno contratto la variante Omicron di Sars-CoV-2 potrebbe essere ancora contagiosa dopo otto giorni. Lo studio è stato pubblicato sul sito medRxiv. Mentre una ricerca del Crick Institute e dall’University College Hospital, entrambi a Londra, suggerisce che un numero significativo di persone mantiene una carica virale sufficientemente alta da poter infettare altre persone dai 7 ai 10 giorni, indipendentemente dal tipo di variante o dal numero di dosi di vaccino ricevute. Anche questo studio è stato pubblicato sul sito medRxiv.

Il fenomeno di rimbalzo dopo la cura cin Paxlovid

Yonatan Grad, specialista in malattie infettive presso la Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, Massachusetts, ritiene che dieci giorni siano una regola pratica utile da considerare quando si tratta di determinare la contagiosità di una persona. Ma avverte che un piccolo numero di persone potrebbe essere ancora contagioso oltre quella finestra temporale. Alcuni di questi casi, negli Stati Uniti, sono stati collegati al farmaco antivirale Paxlovid. «C’è un fenomeno di rimbalzo in cui le persone vedono i loro sintomi risolversi e potrebbero anche risultare negativi a un test rapido, ma poi pochi giorni dopo i sintomi e il virus si ripresentano», spiega Grad.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quando le infezioni ripetute sono pericolose?
Si stima che la maggior parte della popolazione mondiale sia stata contagiata dal virus Sars-CoV-2 almeno una volta. Quanto danno causeranno queste infezioni ripetute è ancora oggi oggetto di dibattito
Covid: allarme reinfezioni, possono aumentare il rischio di malattia grave e di Long Covid
Dopo più di tre anni di pandemia i casi di reinfezione si sono moltiplicati in tutto il mondo e anche in Italia. Secondo le attuali evidenze scientifiche le reinfezioni potrebbero essere tutt'altro che innocue, soprattutto per le persone più fragili
Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?
I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola
Cosa succede se ho il Long Covid e mi reinfetto?
Le reinfezioni mentre si è alle prese con il Long Covid saranno sempre più comuni. E questo può portare a un peggioramento dei sintomi
Quanto durano i sintomi del Long Covid?
La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...