Covid-19, che fare se...? 28 Giugno 2022 14:05

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

«Da quando la variante Omicron è diventata dominante, capita spesso che la positività al test Covid ritardi qualche giorno rispetto alla comparsa dei sintomi». Lo conferma a Sanità Informazione il virologo Fabrizio Pregliasco dell’Università degli Studi di Milano. «Può succedere anche di avere la febbre a causa del Covid e di risultare negativi nello stesso momento», aggiunge, spiegando questa nuova tendenza riscontrata con la versione del virus Sars-CoV-2 che oggi circola di più.

Pregliasco: «Meglio ripetere il test dopo 24 ore, anche se i sintomi scompaiono»

Per questo non ci si può affidare all’esito negativo di un solo test Covid. «Specialmente se si ricorre a quelli ‘fai da te‘ o a quelli che si eseguono in farmacia», precisa Pregliasco. «Sappiamo infatti che sono meno sensibili dei tamponi molecolari e quindi non è raro imbattersi in un falso negativo», aggiunge. Il consiglio per coloro che hanno i sintomi del Covid-19 e che sono risultati negativi al test è quello di ripetere la procedura dopo almeno 24 ore, a prescindere dal miglioramento o peggioramento dei sintomi. Il rischio di ignorare la propria positività è quello di contribuire alla diffusione del virus fra i propri cari.

Molte le ipotesi sullo scarto temporale tra positività e manifestazioni della malattia

Sul perché ci sia spesso questo scarto temporale tra sintomi e positività, al momento, abbiamo solo ipotesi. Ad esempio, c’è quella secondo cui la versione Omicron del virus Sars-CoV-2 tende ad accumularsi poco nel naso, dove avviene solitamente il tampone. Poi c’è l’ipotesi che tra vaccinati e i guariti da Covid-19 il sistema immunitario sia più reattivo in caso di contagio e che quindi agisce anticipando la diffusione del virus nell’organismo, determinando in questo modo la negatività al test. Per risposte più precise saranno necessari studi approfonditi sul tema.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale