Covid-19, che fare se...? 28 Giugno 2022 14:05

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

«Da quando la variante Omicron è diventata dominante, capita spesso che la positività al test Covid ritardi qualche giorno rispetto alla comparsa dei sintomi». Lo conferma a Sanità Informazione il virologo Fabrizio Pregliasco dell’Università degli Studi di Milano. «Può succedere anche di avere la febbre a causa del Covid e di risultare negativi nello stesso momento», aggiunge, spiegando questa nuova tendenza riscontrata con la versione del virus Sars-CoV-2 che oggi circola di più.

Pregliasco: «Meglio ripetere il test dopo 24 ore, anche se i sintomi scompaiono»

Per questo non ci si può affidare all’esito negativo di un solo test Covid. «Specialmente se si ricorre a quelli ‘fai da te‘ o a quelli che si eseguono in farmacia», precisa Pregliasco. «Sappiamo infatti che sono meno sensibili dei tamponi molecolari e quindi non è raro imbattersi in un falso negativo», aggiunge. Il consiglio per coloro che hanno i sintomi del Covid-19 e che sono risultati negativi al test è quello di ripetere la procedura dopo almeno 24 ore, a prescindere dal miglioramento o peggioramento dei sintomi. Il rischio di ignorare la propria positività è quello di contribuire alla diffusione del virus fra i propri cari.

Molte le ipotesi sullo scarto temporale tra positività e manifestazioni della malattia

Sul perché ci sia spesso questo scarto temporale tra sintomi e positività, al momento, abbiamo solo ipotesi. Ad esempio, c’è quella secondo cui la versione Omicron del virus Sars-CoV-2 tende ad accumularsi poco nel naso, dove avviene solitamente il tampone. Poi c’è l’ipotesi che tra vaccinati e i guariti da Covid-19 il sistema immunitario sia più reattivo in caso di contagio e che quindi agisce anticipando la diffusione del virus nell’organismo, determinando in questo modo la negatività al test. Per risposte più precise saranno necessari studi approfonditi sul tema.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...