Covid-19, che fare se...? 9 Febbraio 2021 15:45

Esistono farmaci efficaci contro il Covid-19?

Qual è lo stato dell’arte relativo alle cure contro il SARS-CoV-2, sia in ambito domestico che ospedaliero? Risponde l’AIFA

Esistono farmaci efficaci contro il Covid-19?

Esistono farmaci per contrastare il Covid-19? È recente la notizia che in Israele è in fase di sperimentazione un medicinale che, alle prime risultanze, sembrerebbe avere una efficacia superiore al 90%. Ma, oltre questo, qual è lo stato attuale delle terapie per contrastare il SARS-CoV-2?

Principi di gestione dei casi Covid-19 a livello domiciliare

Secondo l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), rispetto al trattamento farmacologico «non è ad oggi disponibile alcun farmaco che abbia dimostrato in modo solido un’efficacia nel prevenire la comparsa di sintomi o modificare l’evoluzione della malattia nei soggetti asintomatici». Allo stesso modo, «non esiste attualmente alcun trattamento che abbia dimostrato di essere efficace nei soggetti sintomatici nelle fasi iniziali dell’infezione nel migliorare il decorso clinico o la sua evoluzione». Per provare a contrastare l’infezione in pazienti asintomatici o con sintomi lievi possono essere formulate solo alcune raccomandazioni generali: «vigile attesa, trattamenti sintomatici (ad es. il paracetamolo), idratazione e nutrizione appropriate, non modificare terapie croniche in atto (ad es. terapie antiipertensive o anticoagulanti o antiaggreganti, non utilizzare supplementi vitaminici o integratori alimentari (ad es. vitamine, lattoferrina), non  somministrare farmaci mediante aerosol se in isolamento c on altri conviventi per il rischio  di diffusione del virus nell’ambiente».

Trattamenti utilizzabili nei pazienti Covid-19 a livello ospedaliero

L’AIFA evidenzia come, «sulla base delle numerose evidenze scientifiche accumulatesi negli ultimi mesi […] per il trattamento dei soggetti ospedalizzati con Covid-19 l’attuale standard di cura è rappresentato dall’utilizzo di corticosteroidi ed eparina».

Nello specifico, l’uso dei corticosteroidi «dovrebbe essere considerato uno standard di cura nei pazienti ricoverati per Covid grave che necessitano di ossigenoterapia supplementare (con o senza ventilazione meccanica). Sulla base di una metanalisi degli studi disponibili ed in particolare dei dati provenienti da importanti studi randomizzati», si può leggere ancora, «è l’unico trattamento farmacologico che ha dimostrato un beneficio in termini di riduzione della mortalità». Lo scorso 18 settembre l’Ema (Agenzia europea per i medicinali) ha «approvato l’utilizzo del desametasone nel trattamento di soggetti, adulti e negli adolescenti (dai 12 anni di età e con un peso di almeno 40 kg) affetti da Covid-19 che necessitano di ossigenoterapia supplementare (sia ossigenoterapia standard sia in ventilazione meccanica)».

Per quanto riguarda invece l’utilizzo delle eparine, questo può essere fatto in due diverse condizioni: uso a dosaggio profilattico e a dosi intermedie/alte.

Discorso diverso per il Redemsivir, un farmaco antivirale approvato dall’Ema per il trattamento del Covid-19 negli adulti e negli adolescenti con polmonite che richiede ossigenoterapia supplementare. Questo farmaco, però, «non può essere considerato uno standard di cura consolidato in quanto i dati attualmente disponibili non sono concordanti e complessivamente non dimostrano un chiaro beneficio clinico in termini di mortalità o ricorso alla ventilazione meccanica». L’AIFA ha dunque stabilito che il suo utilizzo «può essere considerato esclusivamente in casi selezionati, dopo una accurata valutazione del rapporto benefici/rischi, nei soggetti con polmonite da Covid-19 in ossigenoterapia che non richiedono ossigeno  ad alti flussi o ventilazione meccanica o ECM e con insorgenza dei sintomi da meno di 10 giorni».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale