Ambiente 13 Maggio 2022 09:40

Molestie olfattive e inquinamento, ecco l’App per segnalare la puzza sul territorio

Il progetto NOSE del CNR insieme ad ARPA Sicilia consente di mappare e identificare i siti a rischio

Molestie olfattive e inquinamento, ecco l’App per segnalare la puzza sul territorio

L’olfatto umano ha, tra i cinque sensi, un’importante funzione salvavita. Molti odori percepiti come sgradevoli, infatti, possono provenire da agenti velenosi o inquinanti che impattano negativamente sulla salute, nell’immediato o nel tempo. Riconoscere e identificare sul territorio i luoghi fisici dove la concentrazione di cattivo odore viene riferita dagli abitanti come maggiormente invasiva può aiutare a mappare i siti maggiormente inquinati e inquinanti e ad elaborare o implementare programmi di monitoraggio sulle zone a rischio.

Da questi presupposti nasce nel 2019 il progetto NOSE (Network for Odour Sensitivity), sviluppato dall’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-ISAC) insieme ad ARPA Sicilia, che consiste in una web App scaricabile gratuitamente dai cittadini e consente loro di segnalare in tempo reale, in maniera anonima e georeferenziata i miasmi avvertiti nell’aria, con particolare riferimento al tipo di odore percepito, alla sua intensità, e ad eventuali disturbi fisici che ne derivano, con l’obiettivo appunto di mappare e sorvegliare le aree coinvolte attuando strategie di contenimento. L’area di riferimento è, ad oggi, la provincia di Siracusa e parte della provincia di Catania e di Gela.

Nell’ambito del progetto è stato presentato nei giorni scorsi il volume intitolato “Molestie olfattive”, curato dagli esperti del CNR in collaborazione con le Università di Trieste Bari e dalle ARPA di Puglia, Sicilia e Marche per mettere a sistema quanto fino ad oggi svolto in questo campo di ricerca e i dati raccolti.

Ce ne ha parlato nel dettaglio Paolo Bonasoni, Dirigente di ricerca del CNR-ISAC e Responsabile del Progetto NOSE.

La segnalazione delle masse d’aria maleodoranti e le verifiche

«Nello sviluppare la web App del NOSE – spiega – abbiamo applicato una modellistica che permette di tracciare, attraverso un tool, il percorso delle masse d’aria che arrivano al cittadino segnalatore, così da consentire all’ARPA di attuare in modo mirato le azioni di sorveglianza necessarie. È importante capire se la provenienza riguardi, ad esempio, un impianto industriale, petrolchimico o di depurazione delle acque, piuttosto che un impianto agricolo o di smaltimento e recupero di rifiuto».

Quando la puzza significa pericolo di inquinamento

«Un altro aspetto importante del progetto – prosegue Bonasoni – riguarda la messa a sistema di campionatori in grado di “catturare” la massa d’aria odorigena nel momento in cui le segnalazioni dei cittadini superano un certo valore di soglia, allo scopo di analizzarla in base sia a criteri olfattometrici sia chimici. I campionatori sono stati installati quindi nelle aree da dove provengono più segnalazioni, consentendoci di mappare le aree più a rischio. Uno dei primi casi di segnalazioni che abbiamo avuto, infatti, riguardava i miasmi provenienti da un impianto industriale, su cui ARPA ha fatto i controlli necessari. Una volta che si arriva a conoscere l’origine della massa d’aria maleodorante – sottolinea – è fondamentale che si prendano contromisure sul territorio interessato per eliminare o almeno ridurre il disagio».

L’impatto dei miasmi sulla salute e la qualità della vita

«Indipendentemente della tossicità di molte sostanze inquinanti maleodoranti – osserva Bonasoni – è chiaro che vivere immersi nel cattivo odore impatta negativamente sulla qualità della vita. Alcuni composti organici odorigeni sono sicuramente cancerogeni, come il benzene o la formaldeide, mentre altri, pur non essendo collegabili a rischi tossicologici possono comunque arrecare un danno alla salute nella misura in cui possono causare mal di testa, bruciore agli occhi ed altri disturbi. L’applicativo NOSE – conclude Bonasoni – chiede ai cittadini di classificare anche gli eventuali sintomi arrecati dall’esposizione ai miasmi, e i relativi dati raccolti vengono inviati agli epidemiologi per studiare strategie correttive anche in questo senso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’allarme dello scienziato: il cambiamento climatico fa ammalare i bambini
Lo scienziato svedese Tobias Alfvén ha parlato chiaro al Festival della Scienza Medicina 2022: le conseguenze dei cambiamenti climatici impatteranno sulle future generazioni rendendole più vulnerabili alle malattie, e lo stanno già facendo
Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna
Miani (SIMA): «La prima causa d’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici, al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi, al terzo il traffico veicolare. Necessario un cambio di rotta immediato: se dovessimo incentivare da domani l’acquisto di auto elettriche ci vorranno almeno 10 anni prima che ogni italiano ne abbia una»
Green Building. Il primo italiano nel board mondiale dell’IWBI di New York
Alessandro Miani, presidente SIMA, è membro del Governance Council, accanto ai maggiori esperti mondiali di salubrità degli edifici: «La progettazione di questi luoghi, l’attenzione ai metodi e materiali di costruzione, oltre alla qualità dell’aria indoor, rappresentano la sfida cruciale del presente e per il futuro»
World Health Day. Inquinamento killer, Miani (SIMA): «Ogni anno, uccide 13 mln di persone nel mondo»
I dati OMS: 9 persone su 10 respirano aria inquinata, 3,6 miliardi di individui non dispongono di servizi igienici adeguati, 2 miliardi non hanno acqua potabile. Il presidente della SIMA: «In Italia, le patologie cardiovascolari sono la prima causa di morte per inquinamento»
Covid e inquinamento. De Gennaro: «I picchi pandemici coincidono con l’aumento di polveri in atmosfera»
Perché il particolato atmosferico veicola il virus? Il professore di chimica dell’Ambiente dell’Università di Bari: «La polverosità favorisce il galleggiamento e il risollevamento in aria del virus precipitato su pavimenti e strade»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...