Ambiente 28 Luglio 2022 13:36

L’inquinamento atmosferico è responsabile dell’aumento delle demenze

Per la prima volta il governo del Regno Unito ha riconosciuto ufficialmente che l’inquinamento atmosferico sta alimentando un aumento dei casi di demenza. Il collegamento è stato messo nero su bianco in un report della Committee on the Medical Effects of Air Pollutants

L’inquinamento atmosferico è responsabile dell’aumento delle demenze

Per la prima volta il governo del Regno Unito ha riconosciuto ufficialmente che l’inquinamento atmosferico sta alimentando un aumento dei casi di demenza. Il collegamento è stato messo nero su bianco, in un report lungo 290 pagine realizzato dalla Committee on the Medical Effects of Air Pollutants (COMEAP), guidata da Frank Kelly dell’Imperial College London. In questa importante revisione di studi indipendenti viene infatti confermato che le particelle tossiche nell’aria, provenienti da automobili e combustibili, sono legate al rapido aumento delle demenze nel mondo sviluppato.

L’inquinamento atmosferico contribuisce al declino delle capacità mentali

I ricercatori concludono che è «probabile che l’inquinamento atmosferico possa contribuire a un declino delle capacità mentali e alla demenza nelle persone anziane». Il processo attraverso il quale questo avverrebbe è tramite l’infiltrazione di minuscole particelle tossiche nel flusso sanguigno dopo essere state inalate nei polmoni. Gli inquinanti quindi irritano i vasi sanguigni e interrompono la circolazione al cervello. Nel tempo, questo può portare a demenza vascolare. È anche probabile che, in rari casi, particelle di inquinamento atmosferico molto piccole possano attraversare la barriera ematoencefalica e danneggiare direttamente i neuroni.

Gli inquinanti tossici restringono e induriscono i vasi sanguigni

Sebbene sia stato stabilito un collegamento, non ci sono ancora prove sufficienti per dire quanti casi di demenza siano stati causati dall’inquinamento atmosferico. Alcuni studi hanno suggerito che fino a un quinto dei casi è legato all’esposizione a inquinanti tossici. Per la realizzazione del nuovo report i ricercatori hanno esaminato 70 studi sull’uomo, che includevano ricerche condotte sulla popolazione ed esperimenti in laboratorio. È noto da decenni che gli inquinanti atmosferici possono contribuire allo sviluppo di malattie cardiache, ictus e altri problemi circolatori, rendendo i vasi sanguigni più stretti e più duri.

L’inquinamento atmosferico compromette l’afflusso di sangue al cervello

Gli scienziati avevano teorizzato che questo processo potesse anche portare alla demenza vascolare, che è causata da danni ai vasi sanguigni nel cervello ed è la seconda forma più comune della malattia dopo l’Alzheimer. Nel report, i ricercatori scrivono che le prove del collegamento tra inquinamento e demenza sono diventate più forti negli ultimi 15-20 anni. «Pensiamo che ci sia un forte argomentazione per gli effetti degli inquinanti atmosferici sul sistema cardiovascolare che hanno un effetto secondario sul cervello», si legge nel report. «Riteniamo probabile che tali effetti abbiano un effetto sull’afflusso di sangue al cervello. Ci sembra probabile che un tale effetto possa portare a danni al cervello», aggiungono gli studiosi.

Le particelle PM2,5 hanno effetto diretto sul cervello

«Riteniamo pertanto che l’associazione tra l’esposizione agli inquinanti atmosferici e gli effetti sul declino cognitivo e la demenza possa essere causale rispetto a questo meccanismo», sottolinea il report. Il tipo più pericoloso di inquinamento atmosferico è noto come PM2,5, che ha un diametro inferiore a 2,5 micrometri, circa il 3 per cento della larghezza di un capello umano. Alcuni scienziati ritengono che il PM2,5 possa anche avere un effetto diretto sul cervello, viaggiando direttamente dai polmoni al cervello attraverso il flusso sanguigno. Secondo il report, le evidenze attuali suggeriscono che solo una piccola parte delle minuscole particelle può superare la barriera ematoencefalica. E non è chiaro se una quantità sufficiente di esse possano entrare nel cervello e causare abbastanza danni da portare alla demenza.

Non si possono ancora quantificare gli effetti dell’inquinamento atmosferico sul cervello

I ricercatori hanno scoperto, tuttavia, che una volta nel cervello, le particelle vengono eliminate solo lentamente, se non del tutto. «Questo è chiaramente un punto a favore dell’ipotesi che il materiale particolato che entra nel cervello potrebbe produrre effetti dannosi», hanno scritto gli scienziati. Negli studi sugli animali, è stato dimostrato che lo scarico del motore diesel crea una risposta infiammatoria nel cervello e danneggia le cellule. Ma non è chiaro come questo si traduca per gli esseri umani. «Riteniamo che l’attuale base di prove sia inadeguata per la quantificazione diretta degli effetti degli inquinanti atmosferici sul declino cognitivo o sulla demenza», hanno affermato i ricercatori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tecnologia e design innovativo delle RSA per far vivere meglio i malati di Alzheimer
Nella due giorni di Varese Uneba, Fondazione Molina e Fondazione Don Gnocchi hanno portato all’attenzione degli enti e delle istituzioni le nuove strategie per prendersi cura del paziente affetto da Alzheimer e lanciato un appello affinché il Governo riveda l’impegno economico verso le RSA e vengano incrementati i posti di specializzazione per medici e infermieri
Lo smog provoca danni non solo ai polmoni e al cuore, anche al cervello
Lo studio DeprAir coordinato da Michele Carugno ha evidenziato come la qualità dell’aria possa influenzare negativamente la salute mentale fino a comportare cambiamenti biologici nell’organismo tale da aumentare la vulnerabilità e sviluppare sintomi depressivi
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
Alzheimer, AIMA: «Dopo bocciatura EMA su Aducanumab discriminazione di fatto tra pazienti in Europa e USA»
La presidente dell'Associazione italiana malattia di Alzheimer Patrizia Spadin (Presidente AIMA): «Appello alle Regioni: investire sulla diagnosi precoce per investire davvero sul futuro»
Congresso mondiale neurologia, 3 miliardi di persone vivono con cefalea e 50 milioni con demenza ed epilessia
Alla conferenza stampa di presentazione del Congresso Sin italiano si è parlato dell’impatto della pandemia sul sistema neurologico, delle ultime novità terapeutiche per ictus e Alzheimer e di malattie rare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale