Salute 15 giugno 2018

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le regioni hanno utilizzato queste risorse per altri scopi»

Immagine articolo

Procede a rilento la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. I sindacati continuano a mostrare la loro insoddisfazione, non solo per impossibilità di includere l’indennità di esclusività nel monte salari su cui calcolare l’aumento del 3,48%, ma anche per gli aspetti normativi. Dopo l’abbandono del tavolo da parte dei segretari politici e il proseguo degli incontri tecnici all’Aran, non si registrano passi avanti. «Si va avanti come una lumaca, tutte le proposte dell’Aran fino ad oggi sono sempre peggiorative rispetto a prima – spiega a Sanità Informazione Guido Quici, Presidente del sindacato CIMO -. È un copia e incolla del contratto del comparto ma noi abbiamo esigenze completamente diverse».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, CONTRATTO MEDICI, PAPOTTO (CISL): «DA ARAN SOLO TANTI NO. VOGLIAMO COMPARTECIPARE ALLA GESTIONE DELLA NOSTRA VITA»

Presidente, si è insediato il nuovo Governo e anche il nuovo Ministro della Salute Giulia Grillo. Cosa si aspetta dall’esecutivo Conte? Ci sono speranze dal punto di vista del rinnovo del contratto della dirigenza medica?

«Come programma, quindi come patto di governo, è sicuramente confortante leggere alcune dichiarazioni, alcuni atti. Io mi sono permesso punto per punto di sostenere quanto il governo vuole portare avanti però al tempo stesso ho voluto evidenziare cosa bisogna fare, quali sono le lacune. Perché si può sostenere che occorre l’universalismo delle cure e quindi recuperare la legge 833 che ha istituito il Servizio sanitario nazionale, ma a condizione che ci siano le risorse».

Sul contratto a che punto siamo?

«Il problema del contratto è legato a due aspetti: le regioni in questi anni non hanno messo da parte le risorse necessarie per il rinnovo mentre lo Stato le finanziava attraverso il Fondo sanitario nazionale. Quindi lo Stato ha incluso le risorse nel fondo mentre le regioni hanno utilizzato queste risorse per altri scopi. Tra l’altro il famoso 3,48% di aumento non è del tutto finanziato perché l’esclusività di rapporto per problemi di MEF non è inclusa nel monte salari. Di conseguenza io come presidente di CIMO vedo un contratto difficile, non sono disposto a firmare nessuna forma di contratto che sia peggiorativo, non solo da un punto di vista economico ma soprattutto normativo. Si stanno facendo gli incontri all’Aran, si va avanti come una lumaca, tutte le proposte dell’Aran fino ad oggi sono sempre peggiorative rispetto a prima. È un copia e incolla del contratto del comparto ma noi abbiamo esigenze completamente diverse».

È pessimista?

«Molto ma soprattutto sono molto arrabbiato, detto sinceramente».

Articoli correlati
Contratto, Quici (CIMO): «A queste condizioni non firmiamo». E propone passaggio medici sotto ministero Salute
Tra i tanti temi affrontati dal presidente nel corso dell’intervista esclusiva a Sanità Informazione, la proposta di una scheda curriculare che registri il percorso dei medici: «Dagli ECM alla casistica, così imbrigliamo i dg a scegliere i migliori professionisti». Sul ricalcolo delle “pensioni d’oro” aggiunge: «È una truffa» 
Medici, Anaao pronta a 72 ore di sciopero: «Inarrestabile peggioramento condizioni di lavoro, contratto scomparso da agenda politica»
Duro documento della Direzione nazionale del sindacato: pronto stato di agitazione e manifestazione nazionale: «Il blocco priva medici e dirigenti sanitari dipendenti di un fondamentale strumento di cambiamento delle condizioni di lavoro, che restituisca dignità e sicurezza ai professionisti»
Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qualità di vita e delle condizioni di lavoro, firmano anzitempo la risoluzione del rapporto di lavoro». Tra le cause anche blocco del turnover e giovani disincentivati
Carenza medici, le proposte dei sindacati: tutti d’accordo su aumento borse ma distanze su apertura concorsi a specializzandi
L'Anaao Assomed propone teaching hospital e richiede nuova programmazione del fabbisogno. Fp Cgil medici, Cisl medici e Uil Fpl medici: «Necessario drastico cambio di rotta». CIMO: «Rivedere il sistema attraverso una programmazione seria del fabbisogno del personale e dei meccanismi di accesso alla professione medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...