Salute 14 maggio 2018

Contratto medici, Papotto (Cisl): «Da Aran solo tanti no. Vogliamo compartecipare alla gestione della nostra vita»

In stallo la trattativa. Tra i nodi l’indennità di esclusività e le relazioni sindacali. Il Segretario della Cisl Medici: «Vogliamo incontro con le Regioni che sono sorde alle nostre richieste»

Immagine articolo

Non si sblocca la trattativa per il rinnovo del contratto della dirigenza medica. Partita a febbraio sotto i migliori auspici, il confronto tra Aran e sindacati non ha portato a risultati significativi. Il primo scoglio è di tipo economico ed è rappresentato dall’inserimento dell’indennità di esclusività nella massa salariale: la proposta non è stata accolta ed ha provocato l’abbandono dei leader sindacali dal tavolo politico. Il nuovo scoglio è ora rappresentato dal capitolo “Relazioni sindacali al livello periferico”: le distanze sui nodi fondamentali (certezza attuativa, strumenti e ambiti di partecipazione sindacale, maggioranza sindacale minima necessaria per firmare gli accordi, ruolo delle regioni) non sono state superate. Un aspetto che sta a cuore anche a Biagio Papotto, Segretario generale della Cisl Medici: «Vogliamo che l’Aran e le Regioni prendano coscienza che la dirigenza medica e sanitaria non è un ruolo amministrativo, noi siamo medici – spiega Papotto a Sanità Informazione -. E quindi vogliamo entrare nella compartecipazione della gestione della nostra vita, in particolare in periferia».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SINDACATI ABBANDONANO TAVOLO POLITICO. FILIPPI: (FP CGIL): «NON SIAMO ULTIMA RUOTA DEL CARRO. DIRIGENTI MEF ESCANO DA TORRE D’AVORIO»

Segretario, a che punto è la trattativa con l’Aran?

«L’Aran non vuole minimamente contrattare, non vuole minimamente aprire un dialogo con i sindacati. A qualsiasi nostra proposta risponde picche, picche, picche. Prenderemo le nostre decisioni nell’Intersindacale».

Sul tavolo c’è anche la possibilità di un nuovo sciopero?

«E contro chi lo facciamo? Non abbiamo un governo, non abbiamo niente. Stiamo chiedendo un incontro con le Regioni perché in questo momento sono sorde alle richieste minime dei sindacati della dirigenza medica».

Ma il nodo è sempre la questione dell’indennità di esclusività?

«In realtà siamo ancora alle relazioni sindacali, ai minimi concetti di sopravvivenza, non ci vogliono dare neanche la sopravvivenza».

Cos’è che non vogliono darvi?

«I concetti generali come contrattazione, informazione, concertazione. Secondo loro basta solo l’informazione senza poter contrattare nessuna norma a livello periferico, sull’orario di lavoro, sull’organizzazione, su tutto. Restiamo al tavolo, la prossima settimana saremo riconvocati sulla progressione delle carriere, ma in futuro decideremo il da farsi perché così non può andare».

La Cisl ha delle richieste particolari da rivolgere all’Aran?

«Noi vogliamo che l’Aran e le regioni prendano coscienza che la dirigenza medica e sanitaria non è un ruolo amministrativo, noi siamo medici. E quindi vogliamo entrare nella compartecipazione della gestione della nostra vita, in particolare in periferia. Soldi non ce ne sono, l’esclusività non sappiamo come finisce: è chiaro che almeno un minimo di voce in capitolo sulla vita all’interno dei nostri ospedali vorremmo averla».

Che iniziative pensate di prendere nell’intersindacale?

«Stiamo chiedendo un incontro alle regioni per capire cosa vogliono fare. E poi decideremo insieme nell’intersindacale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell’incontro con l’intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l’emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall’Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
Rappresentatività sindacale, nell’Area sanità aumento deleghe di Cimo, FVM e Uil Fpl
In testa confermato Anaao-Assomed, con il 24,41% della rappresentatività. Per il Comparto, i confederali guadagnano il podio, con Fp Cgil sul gradino più alto
Contratto medici, Quici (CIMO): «Partita denuncia a Corte europea. Chiudiamo subito quello scaduto e pensiamo al nuovo»
«La denuncia alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e la class action, a cui i medici potranno aderire da aprile, sono atti dovuti nei confronti dei colleghi, che attendono il rinnovo contrattuale da 10 anni». Intervista al presidente della CIMO Guido Quici, che sullo spot sui ricorsi per errore medico aggiunge: «Se le strutture affogano nei contenziosi legali, ridurranno i servizi ai cittadini» 
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...