Salute 26 marzo 2018

Consiglio Fnomceo, Anelli convoca Stati generali professione medica: «Coinvolgiamo società civile e decidiamo il nostro destino»

Il presidente denuncia le disuguaglianze nella salute tra nord e sud: «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo». Nel suo discorso un passaggio contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne

Immagine articolo

Una dura denuncia delle disuguaglianze di salute tra Nord e Sud Italia. E la convocazione degli Stati Generali della professione medica. Questi i punti salienti della relazione del Presidente della Fnomceo Filippo Anelli al Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri che si è svolto il 24 marzo a Roma.

«È il tempo di indire gli Stati generali della professione medica. È il tempo di attivarci, di essere concreti e di avviare un confronto con tutta la professione, coinvolgendo l’intera società civile», ha affermato Anelli all’assemblea dei 106 presidenti degli Ordini provinciali.

LEGGI ANCHE: FILIPPO ANELLI (FNOMCeO): STOP AI TEMPARI, SERVE TEMPO AL MEDICO PER COSTRUIRE DIALOGO CON I PAZIENTI

Un appello a «lavorare tutti insieme» per creare «un grande evento politico», «un avvenimento attraverso il quale la professione decide cosa fare. Decide il proprio destino». Un’occasione per denunciare le prime «rughe» del Servizio Sanitario nazionale che quest’anno compie 40 anni e che spesso non riesce più a garantire appieno uguaglianza equità e solidarietà nell’accesso alle cure. «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo», si è indignato Anelli.

Un’ampia denuncia quella del Presidente dei medici italiani, contro le disuguaglianze di salute tra Nord e Sud Italia ma anche contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne. Sono 159.669 i medici donna oggi in Italia, 11.825 le odontoiatre, 4.439 le professioniste iscritte a entrambi gli albi. In totale quasi 176mila professioniste, che, in tutte le fasce di età sotto i cinquant’anni, hanno ‘sorpassato’ per numero i colleghi uomini. E la forbice è tanto più evidente tra le generazioni più giovani. «Eppure – sottolinea Anelli – rappresentano ancora una parte che viene penalizzata, nella professione medica come in altri ambiti». Le donne presidenti di Ordine dei medici sono 11 su 106, mentre le presidenti Cao (Commissione albo odontoiatri) sono appena 5. Esiste quindi, oltre al divario retributivo, anche un problema di rappresentatività delle donne negli Ordini e in Fnomceo. Per questo è stato istituito dal Comitato Centrale, di comune accordo, un tavolo permanente di confronto tra l’esecutivo nazionale e le Presidenti Omceo e Cao.

Anelli ha poi puntato il dito contro le riforme degli anni ‘90 che hanno introdotto «meccanismi di carattere manageriale sostituendo gli obiettivi di salute con obiettivi economici: hanno trasformato il Ssn in un’azienda e dato rilievo a figure manageriali a discapito dei medici e degli operatori sanitari. Il rapporto tra medico e cittadino è stato minato dall’introduzione delle leggi di mercato, che hanno trasformato la salute in un prodotto».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Scuole di specializzazione, aumentano i contratti: per il prossimo anno accademico sono 6934. Martedì la prova nazionale
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Marco Bussetti ha firmato il decreto. Rispetto allo scorso anno, previsti 259 posti in più, ma per la FNOMCeO sono ancora troppo pochi e non distribuiti in modo uniforme sul territorio nazionale: «Di questo passo le Regioni più in difficoltà offriranno sempre minori servizi alla popolazione. È necessaria una gara di solidarietà tra Regioni»
Leoni (FNOMCeO): «La più grande sfida del 2018 per gli ospedali? Pianificare le ferie dei medici»
Il Vicepresidente FNOMCeO e Presidente dell’OMCeO di Venezia avverte: «Se non si aumentano le borse di studio per specializzazioni e corsi MMG assisteremo ad un peggioramento del SSN, e anche con una certa velocità»
Nuovo traguardo per la chirurgia oftalmica italiana: 52° impianto di protesi su pazienti con retinite pigmentosa
Sono ora ben 52 gli interventi di impianto di protesi retinica Argus II eseguiti in Italia in quasi 7 anni. Un traguardo importante per il nostro Paese, raggiunto grazie ad eccellenze italiane nel campo della chirurgia oftalmica e alla possibilità di usufruire in alcune Regioni della copertura del servizio sanitario nazionale, quali Toscana, Lombardia e […]
Stati Generali della Professione, Anelli (FNOMCeO): «Medico torni ad essere al servizio del cittadino e non dello Stato»
La relazione del Presidente applaudita dal Consiglio nazionale. Magi (OMCeO Roma): «Si inizia a fare sul serio. Bisogna ridare dignità alla professione e difendere il SSN». Rossi (OMCeO Milano): «Percorso condivisibile ma molto complesso. Per ottenere veri risultati, bisogna riuscire a redigere un documento finale realmente condiviso da professionisti e società civile»
Consiglio FNOMCeO, Anelli: «Agli Stati Generali la Magna Charta della professione medica. Presto proposta di legge contro aggressioni»
«Solo con recupero dell’autonomia e della dignità possiamo contrastare fake news in sanità e la violenza contro gli operatori», spiega il Presidente della Federazione degli Ordini che ha annunciato una pubblicità progresso sul tema
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...