Salute 24 febbraio 2015

Liberalizzazioni farmaci, l’analisi dell’Aifa: “Nessun vantaggio per i pazienti”

Sui medicinali di fascia C effetto boomerang tra crisi dei consumi e aumento dei prezzi

Immagine articolo

E‘ un dibattito mai come ora animato, quello sulle liberalizzazioni dei farmaci. Tante le voci e le prese di posizione che si sono accavallate nel corso delle scorse settimane. Il Governo ha prima provato a tenere le redini del dialogo trasmettendo il suo atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione con le farmacie al Comitato di Settore Sanità delle Regioni.

Pochi giorni dopo ha dato il via libera al Ddl Guidi lasciando alle farmacie l’esclusiva della vendita dei farmaci di Fascia C con ricetta.

Un punto fermo nella discussione lo ha però messo l’Agenzia Italiana del Farmaco, che ha tentato di fare chiarezza su un aspetto fondamentale: riferendosi alla “lenzuolata” avvenuta nove anni fa per volontà del Governo Prodi, se l’obiettivo della liberalizzazione della vendita dei medicinali di fascia C-SOP/OTC – ovvero i farmaci da banco – era quello di rappresentare un vantaggio per i pazienti, con una riduzione dei prezzi tramite una vera concorrenza e un complessivo risparmio a loro vantaggio, “i dati obiettivi e certificati evidenziano il completo fallimento di tale presupposto, perlomeno nel settore dell’assistenza farmaceutica”.

Aifa ha infatti analizzato il mercato dei medicinali di fascia C a partire dal 2006, anno di emanazione del “Decreto Bersani” (ovvero il Dl 4 luglio 2006, n. 223, convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto 2006, n. 248). I consumi totali sono rimasti stabili fino al 2010. Successivamente, probabilmente a causa della crisi economica, il consumo (ma non i costi) di questi medicinali ha visto una progressiva flessione fino al 2013, attestandosi ad una riduzione dell’11,5% rispetto al 2006. Questa contrazione dei consumi rispetto al 2006 “ha riguardato – spiega Aifa – in particolare i medicinali di fascia C con ricetta medica, dispensati esclusivamente attraverso le farmacie aperte al pubblico”. In totale si parla del meno 15,7% rispetto al 2006. “Al contrario –  si legge ancora nella nota – la riduzione dei consumi dei SOP/OTC, dispensabili anche attraverso le parafarmacie e la GDO, è stata più contenuta (-7,4%)”.

Gli effetti dei provvedimenti di liberalizzazione che si sono avuti negli ultimi anni non sembrerebbero dunque “aver portato alcun vantaggio ai pazienti, a parte la comodità di avere una più facile disponibilità di punti vendita”. Secondo l’Agenzia del Farmaco “non vi sono stati risparmi per i cittadini visto che la spesa a loro carico ha avuto una crescita del +2,2% dal 2006 al 2013”. In altri termini, “a fronte di un paziente che per effetto della crisi tendeva a contrarre il volume dei propri acquisti di medicinali di fascia C, il sistema produttivo e distributivo ha “compensato” sfruttando la nota attitudine al consumo del mondo occidentale con un costante incremento dei prezzi di questi medicinali”.

L’effetto economico dei provvedimenti effettuati, nell’intento di favorire la concorrenza, ha invece paradossalmente determinato un complessivo aggravio per i cittadini di circa 200 milioni di euro. Tutto ciò è avvenuto nonostante la contrazione dei consumi. Si tratta di uno scenario che comunque “non ha caratterizzato i medicinali di fascia C con ricetta che – conclude Aifa – oltre ad aver subito una rilevante riduzione del consumo (soprattutto dopo il 2012, ovvero dopo la riclassificazione da DM 18 aprile 2012), hanno avuto anche una contrazione della spesa a carico del cittadino del -3%”.

Articoli correlati
Psicologo in farmacia, al via il Gruppo di Lavoro. Esposito (CNOP): «Può aiutare a migliorare l’aderenza terapeutica»
Il prossimo 21 maggio si incontreranno psicologi, farmacisti e rappresentanti del Ministero della Salute per regolamentare la figura tramite apposite linee di indirizzo. La psicoterapeuta commenta: «È un grande aiuto per la popolazione, e non entra in conflitto con gli altri professionisti»
Padova, il “Viaggio al centro della scienza” con Silvio Garattini e Vittorino Andreoli
Il mercato della medicina da una parte, la cura della mente dall’altra. Sono questi i temi al centro delle due conferenze che apriranno, a Padova, la prima edizione di “Viaggio al centro della scienza”, la rassegna di divulgazione scientifica promossa dall’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza e dal Comitato Italiano per il Controllo delle […]
SIFO lancia l’allarme da Goteborg: è emergenza farmaci pediatrici
I bambini hanno necessità di farmaci sviluppati specificamente per loro: non è più possibile derogare da questo obiettivo. Questo è il messaggio che la SIFO (la Società dei Farmacisti ospedalieri e dei Servizi territoriali delle aziende sanitarie) ha voluto lanciare da Goteborg, dove si è appena concluso il 23° Congresso annuale dei farmacisti europei che […]
Napoli, detrazione del 19% sugli alimenti aproteici per chi ha malattie renali croniche
Una buona notizia per gli oltre 348.000 pazienti nefropatici residenti in Campania: potranno infatti usufruire di una detrazione del 19% sull’acquisto di alimenti aproteici. Un’opportunità di risparmio che ad oggi è l’unica, dato che la Regione non prevede alcun tipo di rimborso sull’acquisto di questi alimenti, nonostante per chi soffre di insufficienza renale siano stati […]
“In farmacia per i bambini”, l’iniziativa per raccogliere e donare medicinali pediatrici ai bimbi in difficoltà
In occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia, la Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus e il Comune di Milano presentano la quinta edizione di “In farmacia per i bambini” lunedi 13 novembre 2017, ore 12 presso la sala stampa, di palazzo marino in piazza della scala a Milano. All’incontro sarà esposta l’iniziativa nazionale […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...