OMCeO, Enti e Territori 12 aprile 2018

Sì alla medicina senza frontiere. Firmato protocollo d’ Intesa tra AMSI e Unicamillus

La Sanità è uno strumento di cooperazione che favorisce la conoscenza tra i popoli, le culture e le religioni e il loro avvicinamento: con questa premessa l’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI), la Confederazione Internazionale Unione Medica Euro-mediterranea _  UMEM, le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e il Movimento Internazionale “Uniti […]

La Sanità è uno strumento di cooperazione che favorisce la conoscenza tra i popoli, le culture e le religioni e il loro avvicinamento: con questa premessa l’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI), la Confederazione Internazionale Unione Medica Euro-mediterranea _  UMEM, le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e il Movimento Internazionale “Uniti per Unire” con le realtà aderenti, hanno siglato un protocollo di intesa con l’Università Unicamillus di Roma, Saint Camillus International University of Health Sciences. Un accordo che nasce spontaneamente sia dal lungo impegno sostenuto da AMSI, Uniti per Unire ed UMEM  a favore dell’integrazione dei professionisti della Sanità di origine straniera in Italia e della difesa del dialogo interculturale che dall’attività di formazione e ricerca condotta da Unicamillus attraverso i suoi corsi di Laurea medico-scientifici, aperti a studenti comunitari e non, e disponibili in lingua inglese (Medicina e Chirurgia; Fisioterapia; Ostetrica; Scienze Infermieristiche; Tecniche di Laboratorio Biomedico; Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia).

Nello specifico, tra i principali punti dell’accordo siglato dal Prof. Foad Aodi, medico fisiatra, Fondatore di AMSI e UMEM e Presidente di Uniti per Unire, e Gianni Profita, Rettore di Unicamillus: promuovere l’attività congiunta e l’offerta formativa dell’Ateneo nei Paesi Arabi, Africani, Euromediterranei e Sudamericani; incoraggiare la ricerca scientifica sulle patologie più emergenti, anche attraverso insegnamenti innovativi con il coinvolgimento di medici internazionali di Amsi e Uniti per Unire; sostenere la cooperazione internazionale; favorire lo scambio socio-sanitario, i gemellaggi, gli stage e l’uso della telemedicina; progettazione, sviluppo ed erogazione di corsi e conferenze di carattere scientifico per l’aggiornamento professionale.

«È un accordo molto importante che rafforza la nostra missione per la costruzione di ponti di dialogo interculturale e interreligioso tra l’Italia e i nostri Paesi di Origine – dichiara il Prof. Foad Aodi. – In questo modo viene valorizzata la medicina come strumento di cooperazione internazionale, di dialogo e conoscenza tra i popoli. Dagli sportelli AMSI e dalla nostra commissione studenti, abbiamo riscontrato una diminuzione degli studenti non comunitari del 70% negli ultimi 5 anni, a causa dei restrittivi esami di ammissione all’Università e per il carovita in Italia; al contrario, negli anni ’70-’80-’90,  l’Italia era la meta di studio preferita dagli studenti provenienti dai Paesi Arabi, Africani e Sudamericani e lo dimostrano gli attuali 62.000 professionisti della Sanità che lavorano oggi nel nostro Paese. Ci auguriamo quindi di poter riportare in Italia tanti studenti stranieri e di favorire la formazione e la ricerca medica grazie a questa prestigiosa collaborazione».

Da parte Sua, il Rettore Profita aggiunge: «Unicamillus ha anche l’ambiziosa missione di portare la sanità al centro del dialogo tra le Nazioni. La salute non ha colore politico e ancora meno colore della pelle. È un valore assoluto per il quale il Nord e il Sud del mondo devono impegnarsi senza sosta. Gli studenti dell’Università proveranno da molti Paesi del pianeta che spesso sono in guerra tra loro. Non vediamo l’ora di vederli seduti gomito a gomito intenti a prendere appunti di chimica e anatomia. Saranno gli stessi che tra pochi anni dialogheranno anche per costruire migliori relazioni. E ci piace pensare che lo faranno nella lingua italiana che inevitabilmente impareranno nelle aule del nostro Ateneo di Roma di via  di Sant’Alessandro» conclude.

Articoli correlati
Foad Aodi (OMCeO Roma): «Grazie al comune di Ladispoli per averci coinvolto nel convegno Città della Salute»
Continua l’attività a favore del Manifesto: “Comuni Uniti” dell’OMCeO di Roma. Dopo il Comune di Cerveteri, infatti, tocca a Ladispoli, sabato 21 aprile, con il Convegno: “Città della Salute – Screening e prevenzione” una giornata di visite gratuite. Presenti il Sindaco di Ladispoli Alessandro Grando, il Direttore Sanitario Asl Rm4 Giuseppe Quintavalle, il Prof. Foad Aodi – Consigliere dell’Ordine […]
Al Teatro dei Dioscuri l’evento: “Comunicare la medicina, tra ricerca, salute e politica sanitaria”
Il 20 Aprile 2018 – dalle ore 9:00 – si terrà la manifestazione: “Comunicare la medicina, tra ricerca, salute e politica sanitaria” al Teatro dei Dioscuri al Quirinale. I saluti iniziali saranno affidati a Lazzaro Pappagallo (Segretario Associazione Stampa Romana) mentre il moderatore dell’evento sarà Tommaso Polidoro (giornalista) che si occuperà anche di introdurre il tema. L’evento […]
Ricerca, creata mappa con identikit di 33 tipi di cancro. Rivoluzione per l’approccio terapeutico
I ricercatori: «È come guardare la Terra dall'orbita per la prima volta: finalmente abbiamo il quadro completo del cancro e vediamo che la sua complessità non è infinita». L'Atlante genetico è il frutto di 10 anni di studi condotti dal National Cancer Institute e National Human Genome Research Institute
Janssen open house, porte aperte ai pazienti
Porte aperte ai pazienti oggi in Janssen Italia – azienda farmaceutica di Johnson & Johnson – grazie all’evento “Janssen Open House”, una giornata di confronto, dialogo e collaborazione con 40 rappresentanti di Associazioni italiane, attive nelle aree terapeutiche chiave per la salute generale: onco-ematologia, neuroscienze, infettivologia, immunologia, malattie del metabolismo e cardio-metaboliche, patologie polmonari. Realtà […]
Napoli, parte “Mi voglio bene” il programma per la salute
La prevenzione è uno stile di vita vero e proprio e un’alleata della nostra salute. Controlli e visite di tipo preventivo sono indispensabili per arrivare a una diagnosi precoce di malattie importanti, quando è ancora possibile intervenire in modo tempestivo e radicale. È necessario aumentare la consapevolezza dei cittadini sulla importanza di queste visite; per questo, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...