Mondo assicurativo 14 marzo 2017

Responsabilità fuori dai confini nazionali, quando è efficace?

Sono un professore associato di chirurgia, cioè dipendente universitario e convenzionato con l’azienda ospedaliera per ciò che riguarda l’attività cinica. Ho in corso una polizza per la mia responsabilità professionale in caso di colpa grave. Avrei bisogno di alcuni chiarimenti su una clausola relativa ai “Limiti territoriali” della mia polizza RC colpa grave. Infatti io […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un professore associato di chirurgia, cioè dipendente universitario e convenzionato con l’azienda ospedaliera per ciò che riguarda l’attività cinica. Ho in corso una polizza per la mia responsabilità professionale in caso di colpa grave. Avrei bisogno di alcuni chiarimenti su una clausola relativa ai “Limiti territoriali” della mia polizza RC colpa grave. Infatti io vado ad operare in altri Paesi non “su incarico della azienda sanitaria” bensì in base ad accordi inter-universitari, su mia decisione e col benestare dell’università. Questo cambia qualcosa? Secondo, vorrei sapere se la mia polizza è comunque efficace anche nel caso in cui le pretese dei danneggiati vengono fatte valere in paesi diversi dall’Italia, cosa altamente probabile.

La questione che lei pone – quella della efficacia territoriale della copertura assicurativa – si interseca con quella della portata effettiva della polizza per colpa grave. Tento quindi di chiarire la situazione in maniera più ampia del quesito che mi ha posto. In primo luogo quindi rammento che la sua copertura assicurativa, in quanto dirigente sanitario della PA, è limitata al caso di azione di rivalsa della azienda di appartenenza (nel suo caso l’Università) a fronte di eventuali danni a terzi cagionati da un suo comportamento gravemente colposo (colpa grave). La copertura vale anche in caso di attività intramoenia da lei esercitata nell’ambito o anche al di fuori della sua struttura sanitaria pubblica (intramoenia allargata). Tutto ciò premesso, è necessario che venga preliminarmente chiarito con il suo Ente di appartenenza se la fattispecie da lei descritta (non vado ad operare in altri Paesi su incarico dell’azienda sanitaria bensì in base ad accordi interuniversitari su mia decisione e con il benestare dell’università) realizzi il caso di “attività intramoenia”.

In tal caso, ove si verificasse un danno, la sua polizza avrebbe efficacia nel caso in cui la sua Università iniziasse nei suoi confronti tramite la Corte dei Conti un’azione per il recupero di quanto liquidato a terzi per sua colpa grave. Quanto alla territorialità la clausola della polizza che lei mi ha fatto esaminare stabilisce semplicemente che l’azione legale debba, a prescindere dal luogo della prestazione sanitaria e dalla nazionalità del danneggiato, essere esercitata in Italia. Per completezza preciso comunque che, ove la sua Università intendesse considerare la sua attività all’estero, come da lei descritta, attività meramente libero professionale – e quindi non intramoenia-  allora la copertura per colpa grave prestata con la polizza sopra citata, non sarebbe più sufficiente in quanto lei risponderebbe non soltanto per colpa grave ma in maniera estensiva come un libero professionista nei confronti del terzo danneggiato. Spero di averle chiarito in maniera sufficiente il suo dubbio.

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Fineschi (“La Sapienza”): «Nuova normativa ha fatto maturare il sistema»
Limiti ai risarcimenti per i professionisti sanitari e un fondo di garanzia per i pazienti. La Legge Gelli-Bianco ha rivoluzionato la gestione del rischio, la sicurezza delle cure e gli obblighi assicurativi. Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell'Ordine degli avvocati di Roma: «Certezze per un settore che non ne aveva»
Legge Responsabilità Professionale, arriva primo decreto su società scientifiche
«Una Legge che ha delineato la gestione corretta del rischio clinico e la responsabilità del contenzioso» lo dichiara Paola Frati Professoressa di Medicina Legale a La Sapienza, in occasione del convegno "Le novità introdotte dalla Legge 24/2017 Gelli”
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
Avvocati e medici a confronto su Legge Gelli. Lavra (OMCeO Roma): «Inizio di un percorso che andava assolutamente intrapreso»
Il Presidente dell’Ordine più grande d’Europa commenta ai nostri microfoni la riforma della responsabilità professionale in sanità: «Chi opera in ambito sanitario può stare più tranquillo. Importanti novità su risk management e assicurazioni, ma aspettiamo i decreti attuativi»
La clausola dei fatti noti rischia di neutralizzare l’efficacia della garanzia retroattiva?
Sono un medico libero professionista assicurato fino ad un paio di anni fa con una polizza per la responsabilità professionale stipulata tramite il mio agente di fiducia con il quale ho in corso anche altri contratti assicurativi. Proprio un paio di anni fa ho disdetto questa polizza per aderire ad un’offerta pervenutami da un altro […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...