Lavoro 26 marzo 2018

Contratto medici, Grasselli (FVM): «Senza nulla osta del Mef niente rivalutazione indennità di esclusività del rapporto»

Il Presidente della Federazione Medici e Veterinari ai nostri microfoni: «Siamo usciti da contrattazione ma continua il dialogo con l’Aran perché attendiamo rinnovo da 9 anni e non vogliamo perdere altro tempo»

L’impasse in cui si trova il dibattito sul contratto di lavoro della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria è «emblematica dello stallo in cui si trova il nostro Paese». In particolare, secondo Aldo Grasselli, Presidente della Federazione Medici e Veterinari, ciò che continua a mancare è la «rivalutazione di indennità di esclusività», attesa da 18 anni. Nonostante questo, però, continua il confronto con l’Aran (l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni) perché «non possiamo perdere altro tempo». Il Presidente di FVM ai nostri microfoni spiega a 360 gradi i motivi per cui la questione del rinnovo del contratto è ancora ferma al palo.

Presidente Grasselli, parliamo di contratto del personale sanitario. A che punto ci troviamo?

«Il contratto di lavoro della dirigenza medica veterinaria e sanitaria è emblematica dello stallo del nostro Paese. Nessuno si prende la responsabilità di decidere su una questione molto chiara: nel contratto precedente non è stata rivalutata l’indennità di esclusività di rapporto che viene data ai medici perché gli è stata inibita l’attività libero-professionale in modo da difendere l’appartenenza al Servizio sanitario nazionale. Sono 18 anni che non viene rivalutata. Doveva succedere con questo contratto, ma manca il nulla osta del Ministero dell’Economia. Sembra che non si voglia fare altro che punire ancora una volta il personale della sanità, in particolare i medici, i veterinari e i sanitari. Evidentemente non è bastato il segnale delle ultime elezioni».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SINDACATI ABBANDONANO TAVOLO POLITICO. FILIPPI (FP CGIL): «NON SIAMO ULTIMA RUOTA DEL CARRO. DIRIGENTI MEF ESCANO DA TORRE D’AVORIO»

Qualche vostra proposta per superare lo stallo?

«Il Ministero dell’Economia deve intervenire a breve e darci il nulla osta. Deve dire che ciò che chiediamo ha senso perché lo hanno riconosciuto plausibile anche le Regioni e lo dicono i contratti sottoscritti. Non c’è alcun impedimento, se non il fatto che l’intero Paese gravita intorno ai diktat del Mef. Evidentemente non esiste più l’autonomia della sanità e delle Regioni, ma c’è soltanto il Ministero dell’Economia che decide per tutti e regola la nostra vita. Noi però, bisogna ricordarlo, ci siamo ritirati dalla contrattazione, perché sino a quando non arriverà questo tipo di risposta non ci sono le condizioni per andare avanti. Il fatto che i nostri tecnici si confrontino con i colleghi dell’Aran per analizzare gli aspetti giuridici che potranno essere risolti avviene perché la categoria che sta negli ospedali, sul territorio, nei servizi e dà garanzie a questo Paese ha bisogno di un contratto dopo 9 anni e non possiamo far perdere altro tempo. Noi non siamo disposti a perdere altro tempo. Stiamo dunque portando avanti il lavoro sul piano tecnico ma senza una condivisione politica dell’indennità di esclusività del rapporto questo contratto non si può fare».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Maxi simulazione in esterna a Lampedusa: 130 medici italiani si formano sull’emergenza sanitaria
È in corso la II edizione del SIAARTI Academy CREM (Critical Emergency Medicine), evento formativo innovativo della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva rivolto ai medici in formazione provenienti dalle 39 scuole di specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore. Fino al 26 maggio Lampedusa sarà teatro naturale dell’evento SIAARTI […]
Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma
Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio De Palma di Nursing Up ribadisce il suo no ad un contratto che «penalizza gli infermieri italiani»
Quando la cura passa dallo smartphone: «Le analisi del sangue? Può inviarmele su whatsapp»
Il 58% dei medici specialisti e il 63% di quelli di medicina generale usa WhatsApp per scambiare facilmente e rapidamente dati, immagini e informazioni con i pazienti, evitando visite superflue. I dati rilevati dall'Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità della School of Management del Politecnico di Milano presentati al convegno: "Sanità e digitale: uno spazio per innovare"
Il SIVeMP denuncia un’altra aggressione al personale veterinario
Ennesima aggressione ai danni di un veterinario del servizio sanitario pubblico; solo l’ultima di una lunga serie di intimidazioni nei confronti del personale sanitario. «Il SIVeMP FVM (Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica) deve nuovamente denunciare una aggressione a un collega: nella notte fra sabato e domenica è stata incendiata l’auto di un dirigente veterinario dell’Asp […]
Aggressioni medici, pioggia di adesioni al sit in dell’OMCeO Palermo
Da Cittadinanzattiva Sicilia all'Associazione diabetici Palermo fino al Comitato consultivo dell'azienda Arnas Civico di Palermo: tante le realtà presenti alla manifestazione in in Piazza Politeama. Amato: «Sensibilizzare i cittadini investendo nella comunicazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»