Lavoro 22 settembre 2015

Responsabilità professionale, Lorenzin: «Chiarezza sulla “colpa” per tutelare al meglio medici e pazienti»

Il ministro sulla relazione del giurista Guido Alpa al vaglio della commissione Affari Sociali della Camera: «Arrivati al punto di svolta»

Immagine articolo

Finalmente chiarezza. Potrebbe essere questo il momento decisivo, la particolare congiuntura che porterà a una svolta nell’annoso problema della responsabilità professionale del medico, definendo i limiti e le condizioni in cui questa agisce, in alcuni casi riformandoli.


Sono ripresi, infatti, la scorsa settimana i lavori della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati per l’esame del testo unico sulle Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario. Contestualmente si è svolta l’audizione del Professor Guido Alpa, presidente della Commissione apposita, istituita lo scorso marzo presso il Ministero della Salute. Tra le proposte del giurista, appunto, c’è l’inserimento di alcune modifiche all’attuale disciplina di legge in materia di errori sanitari. Di questa “svolta annunciata” Sanità informazione ha parlato con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

L’ordine del giorno sono i tanto discussi tagli al comparto sanità. Un tema che tocca da vicino anche quello delle medicina difensiva, e delle Rc professionale per i medici.
«Credo che finalmente siamo a un momento di svolta. Abbiamo presentato la relazione Alpa alla Commissione Sanità e Affari Sociali e alla Camera dei Deputati che sta lavorando su un Disegno di legge per dare un contributo concreto e operativo ai lavori, per poterli licenziare il prima possibile, durante la legge di Stabilità».

Tanti disegni di legge presentati finora: la necessità di una legge quadro sembra più che mai bipartisan.
«Sì, perché c’è un obiettivo da raggiungere: da una parte garantire al medico di poter lavorare in serenità e quindi di non temere nel compiere interventi che possono salvare la vita delle persone, che questi possano essere trasformati in occasioni di denuncia. Avere un chiarimento su cosa significa la “colpa” per il medico e l’operatore sanitario, e al contempo garantire al cittadino che in caso di malasanità possa oggettivamente avere un risarcimento. Coniugare queste due istanze e lavorare sui premi assicurativi che sono cresciuti a un livello tale da impedire a molti operatori del settore di poter lavorare serenamente».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
Il medico è responsabile per l’omessa o incompleta informazione anche se il paziente era consapevole delle conseguenze della terapia?
La Corte di Cassazione con la sentenza 7516 del 27 marzo 2018 ha specificato che il medico non può astenersi dall’informare un paziente anche quando quest’ultimo abbia le conoscenze mediche necessarie per conoscere i rischi di una terapia (nel caso di specie si trattava di un’infermiera che svolgeva le sue mansioni proprio nel reparto dell’ospedale […]
Piano nazionale cronicità, Cittadinanzattiva in Cabina di regia: «Contrasto alle disuguaglianze nostra priorità»
Cittadinanzattiva-Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici – con Decreto del Ministero della Salute dell’11 dicembre 2017 – è stata nominata componente della Cabina di regia nazionale del Piano nazionale della Cronicità, insediata e riunitasi oggi. «Dopo aver contribuito attivamente, insieme ad altre Organizzazioni civiche, alla stesura e all’approvazione del Piano nazionale della cronicità, apprezziamo e […]
Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»
In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»
«Il 50% dei magistrati ancora non applica Legge Gelli sulla nomina dei consulenti»
Il Professor Macrì: «Molti magistrati stanno vanificando le innovazioni della Legge. Medici e cittadini hanno diritto ad avere un vaglio tecnico di qualità, negato dalle nomine di un solo un consulente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...