Lavoro 24 novembre 2015

#BastaTurniMassacranti: «È ora di restituire ai medici tempo e salute». L’appello di Roberta Chersevani FNOMCeO

Il tempo è scaduto. I medici non possono più lavorare oltre l’orario consentito. Lo dice la legge, la categoria e migliaia di ricorsi in tribunale. Lo dice la tutela della loro salute e la sicurezza dei pazienti…

Immagine articolo

Il tempo è scaduto. I medici non possono più lavorare oltre l’orario massimo consentito. Lo chiedono loro per primi, a tutela della loro salute e, soprattutto, a tutela di quella dei pazienti. Lo chiedono i sindacati e la politica, che i medici e tutti i cittadini rappresentano.


Lo esigono da questo momento anche l’Europa, con una direttiva del 2003 finora inapplicata, e la Repubblica italiana, con una legge (la 161/2014) appena entrata in vigore. Lo pretendono migliaia di ricorsi che per quella violazione comunitaria si sono accumulati e si accumulano di ora in ora e che vedono i giudici sempre più propensi a far scattare i rimborsi. Si unisce al coro, ai microfoni di Sanità informazione, anche il capo dei medici italiani, Roberta Chersevani, Presidente FNOMCeO: «È ora di dire basta e restituire tempo e salute ai camici bianchi e ai pazienti».

«L’articolo 20 del codice deontologico parla di relazione di cura e descrive molto bene questo rapporto speciale di qualcuno che si affida ad un’altra persona per un bene che è così fondamentale come la salute. L’ultimo paragrafo dice che il tempo dedicato al paziente è tempo di cura. Se vado a vedere certi turni in cui torniamo all’ambito ecografico che è un ambiente che conosco, in 20 minuti si deve fare l’esame, refertarlo, vedere il paziente e comunicare il risultato; molto spesso la comunicazione diventa problematica, tanto più quando le situazioni sono serie (malattie importanti, malattie che richiedono grande dialogo, tarpato perché si è di corsa). Questo è fondamentale da recuperare».

L’Italia in questi giorni si adegua, almeno formalmente, alla normativa europea sul rispetto dei riposi e degli orari settimanali della classe medica. Che succede concretamente?
«Io sono un po’ preoccupata ma d’altra parte noi su tutto ciò che arriva dall’Europa abbiamo un ritardo cronico per cui è verosimile che anche questo diventi cronico. Staremo molto attenti e valuteremo».

Ma un medico che per senso di responsabilità e per tempo dedicato ai pazienti spesso e volentieri si sobbarca turni massacranti quali strumenti ha per tutelare la sua di salute?
«Tornando al codice, cui sono vicina perché ci ho lavorato durante il periodo di revisione, ci sono dei punti in cui effettivamente si dà importanza allo “star bene” del medico. Io arrivo a dire che potrebbe venire a Gorizia, presso l’Ordine di cui sono presidente, e dire ‘Guarda Roberta, io non ce la faccio più’ e probabilmente sarebbe il caso che l’Ordine si attivasse, sentendo la direzione generale e dica ‘guarda, questo ragazzo è in queste condizioni…‘. Se il pilota ha necessità di dormire il giusto e il volo viene rimandato, lo stesso può farsi per il collega medico».

Articoli correlati
Fondazione Ime, la protesta dei lavoratori: «Chiusura ingiustificabile. A rischio anche il diritto alle cure di molti pazienti da tutto il mondo»
“Ricollocazione”: è questa la richiesta unanime dei professionisti dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia che, dopo 15 anni di prestigiosa attività di cooperazione sanitaria internazionale, rischia la chiusura. Lavoratori chiedono un incontro con le Istituzioni
di Isabella Faggiano
Sanità, Cimo propone nuova governance: agenzia unica di contrattazione e passaggio del personale sanitario sotto il Ministero della Salute
Nel pacchetto anche il riconoscimento della specificità e dell’alta professionalizzazione dell’area medica rispetto agli altri settori della pubblica amministrazione, configurando un contratto collettivo diverso da quelli del personale dei ministeri, degli enti locali o altri comparti della PA. Quici: «Vogliamo rilanciare il dibattito sul tema della rappresentanza»
Medici specializzandi: cinque richieste al mondo della politica
FederSpecializzandi, Associazione Nazionale dei Medici in Formazione Specialistica, da 15 anni porta avanti istanze per il miglioramento della formazione dei medici Italiani. Da sempre si rivolge a tutti gli attori politici e istituzionali impegnati sul fronte della formazione dei professionisti della Salute, il cuore pulsante del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Si è da poco insediato il […]
Errori in sanità, Riccardo Tartaglia: «Istruire i medici ad una comunicazione ‘difficile’»
«È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ improntata alla massima trasparenza e chiarezza», così il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana
Protocollo d’intesa tutela disabilità oncologica INPS-REGIONE-IFO
Oggi, presso Palazzo Wedekind a Roma (piazza Colonna, 366) alle ore 12:30, si terrà la conferenza stampa di presentazione e firma del protocollo sperimentale di intesa finalizzato alla tutela della disabilità da patologie oncologiche. Il protocollo permetterà di semplificare l’iter sanitario per il riconoscimento delle prestazioni assistenziali di invalidità e di handicap alle quali hanno diritto i malati […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...