Lavoro 26 agosto 2014

Altro che costume… nel trolley ci metto il camice bianco

Si parte, ma non per le vacanze. I giovani medici vanno all’estero, soprattutto a Londra: la nuova capitale dei “Paperoni” oltre che delle opportunità

Ferragosto è passato, ma non è tardi per preparare le valigie. Pochi e leggeri indumenti, senza dimenticare il costume per godersi (finalmente) sole e mare.

In tanti si preparano a partire, ma non proprio tutti hanno davanti a sé una settimana, o addirittura due, di puro relax. C’è chi chiude il trolley dopo averci messo dentro rabbia e speranze insieme al camice bianco.

Non si arresta, infatti, la fuga all’estero dei medici. Un esodo incontrollabile. Proprio mentre l’Italia si ferma, i suoi talenti spiccano il volo, cercano altre destinazioni per poter svolgere quel lavoro a cui si sono dedicati anni di studi e sacrifici. Ma l’Italia, nonostante gli sforzi (va riconosciuto al ministro Lorenzin il tentativo di rilancio del comparto sanitario, sfruttando l’onda lunga delle nuove tecnologie e delle riforme strutturali) non è ancora un Paese per medici. Non lo è soprattutto per i giovani. I posti di lavoro sono pochi, le retribuzioni magre e la meritocrazia è purtroppo ancora una perfetta sconosciuta.

Non è semplice, ma in fondo non resta che tentare fortuna altrove. Dove? In Inghilterra ad esempio. Qui non ci sono certo ”offerte speciali” per specializzandi e giovani medici. Accedere al mondo del lavoro è selettivo e complicato: le scuole di formazione sono durissime, la perfetta conoscenza della lingua è un must e soprattutto si deve dimostrare flessibilità e resistenza a turni massacranti, anche di oltre 40 ore settimanali.

Nessuno regala nulla, ma le occasioni ci sono e chi le sfrutta resta appagato. E magari decide di stabilirsi a vita a Londra, città ormai diventata la capitale mondiale di tanti primati, compresi quelli della ricchezza. E non è un caso che il mercato immobiliare abbia raggiunto picchi elevatissimi con tanti stranieri – con gli italiani in prima fila – a caccia dell’affare migliore per consolidare “mattone su mattone” la nuova vita in riva al Tamigi.

Tags

Articoli correlati
Il movimento aumenta la produttività fino al 50%. Ecco perché le aziende aprono palestre per i dipendenti
Tra i nuovi propositi dell’anno che si svolge davanti ​a noi c’è spesso quello​ di muoversi di più e imparare qualcosa di nuovo: “Mens sana in corpore sano”. Questo è assodato ma gli effetti del movimento con il suo corollario di ossigenazione cerebrale, endorfine e neurotrofine da alcuni anni è indagato anche come potenziatore sul […]
Disparità di trattamento e mancata attuazione direttive UE: Stato rischia valanga di ricorsi da Medici di Famiglia
Pronta la prima azione collettiva: rimborsi fino a 150mila euro. Consulcesi: «Differenze retributive con i colleghi specializzati dal 2006 in poi. In più hanno dovuto provvedere da soli alla copertura assicurativa e hanno subito indebitamente la tassazione Irpef ai compensi»
Pizza e birra al posto dello stipendio. Giovani medici protestano su Facebook: «No alla sanità low cost»
È legittimo offrire ad un medico una cena a base di pizza e birra al posto dell’onorario che gli spetta di diritto? E uno stipendio di 3,50 euro all’ora? E il medico, cosa deve fare quando riceve proposte del genere? «Nel momento in cui un collega accetta una tariffa che viola il tariffario minimo dev’essere […]
Contratto in Sanità, la proposta dell’ARAN: «Quattro ‘aree prestazionali’ e più formazione»
Professionista specialista e quattro aree prestazionali. Sono questi i punti principali della proposta dell’ARAN (Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni) relativa alla classificazione del personale sanitario italiano
80° Congresso Nazionale SIMLII, la medicina del lavoro dalla ricerca alla professione
Dibattiti, confronti, corsi di aggiornamento specifici e linee guida su tutte le tematiche inerenti la medicina del lavoro: ecco le tematiche che verranno affrontate durante l'incontro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...