Specializzazioni 9 dicembre 2014

Ex specializzandi ’94-2006: nuova vittoria da 25 milioni 

La Corte d’Appello di Roma, con la sentenza n. 1628, ha riconosciuto oltre 20mila euro all’anno per ogni singolo medico. E la prescrizione decorre dal 2017

Immagine articolo

La prescrizione è ancora lontana e i medici danneggiati hanno diritto ad oltre 20mila euro per ogni anno di specializzazione, per un totale di oltre 25 milioni.

È quanto stabilito da una recente sentenza (la n.1628) della Corte d’Appello di Roma, che accoglie pienamente  le istanze dei medici specialisti ’94-2006 stabilendo per loro un risarcimento per la mancata adeguata retribuzione per gli anni di scuola post-laurea, prevista invece dalla direttiva europea 93/16. Il danno è quantificato nella differenza tra il trattamento concretamente percepito (incrementato della rideterminazione triennale) e quello riconosciuto soltanto dal 2007. Per quanto riguarda i termini di prescrizione, invece, questi decorrono a partire dall’emanazione dei decreti attuativi del 2007 e non dal D. Lgs. n. 368/1999. Ciò significa che il diritto non è prescritto sino al 2017.

La vicenda degli ex specializzandi risale agli anni ’80, quando furono promulgate le direttive europee 75/362/CEE, 75/363/CEE e 82/76/CEE che imponevano agli Stati membri di corrispondere il giusto compenso ai camici bianchi per gli anni di specializzazione in medicina. Nonostante l’obbligo sia entrato in vigore a partire dal 1983, i medici immatricolatisi ad una scuola di specialità tra gli anni 1982-1991 e 1994-2006 non si sono visti riconoscere il corretto trattamento economico. In particolare, i primi non hanno ricevuto alcun compenso, mentre i secondi sono stati privati della rivalutazione periodica, delle coperture previdenziali e assicurative e delle differenze contributive.

Questa mancanza da parte dello Stato italiano potrebbe gravare sulle casse pubbliche per diversi miliardi di euro, considerato che ciascun medico può ricevere una cifra che arriva fino a 180mila euro. La questione è da tempo già all’attenzione delle Istituzioni: in Parlamento sono stati infatti presentati, negli ultimi anni, diversi Disegni di legge volti a trovare una soluzione definitiva, cercando un equilibrio tra il rispetto dei diritti dei professionisti danneggiati e la necessità, per lo Stato, di contenere il più possibile le uscite.

Articoli correlati
Test d’ammissione a medicina e professioni sanitarie, pubblicate le date
È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione il calendario delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per l’Anno Accademico 2018-2019. Si inizia il 4 settembre con medicina e odontoiatria in italiano; il 5 è prevista medicina veterinaria; il 12 sarà la volta delle professioni sanitarie; il 13 di medicina e odontoiatria in […]
Università di Firenze: test d’ammissione sbagliati per cinque facoltà. Tutti ammessi
I quesiti proposti non erano conformi a quelli indicati nel bando per l’ammissione: meno domande, materie diverse e parti mancanti. Per questo i 1.329 candidati che lo scorso 8 settembre avevano tentato il test d’ingresso per le facoltà di Biotecnologie, Scienze biologiche, Scienze farmaceutiche applicate, Farmacia e Controllo qualità, Chimica e tecnologia farmaceutiche all’Università di […]
Università, al via il test d’accesso a Medicina 2017: Come tutelarsi e vincere l’ansia
Il fatidico giorno del test nazionale per la facoltà di Medicina e Chirurgia è arrivato: il 5 settembre infatti, 66.907 ragazzi proveranno a superare la temutissima prova d’ingresso
Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Sì al Ddl Lorenzin, serve ordine professionale». Primo censimento per la categoria
L’Associazione Italiana Fisioterapisti insieme al Ministero della Salute per fare il punto della situazione. «Siamo 65mila, servono più anni di formazione» la parola al Presidente dell’Associazione Mauro Tavarnelli
Ex specializzandi, transazione all’esame finale. Aiello (NCD): «In tempi brevi si arriverà a soluzione»
Sanità Informazione ha intervistato il primo firmatario (insieme ad altri 20 senatori) del Disegno di legge unificato che propone un accordo transattivo per chi ha frequentato una scuola post-laurea in medicina tra il 1978 e il 2006. Nel frattempo, altri 18 milioni di euro consegnati da Consulcesi ai camici bianchi di Napoli e provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi