Non Categorizzato 21 Maggio 2020

Iandolo (CAO): «Il dopo per l’odontoiatria è già ora»

di Raffaele Iandolo, Presidente Commissione Albo Odontoiatri nazionale 

di Raffaele Iandolo, Presidente CAO

Il “dopo”, per l’Odontoiatria, è già ora. Il Comitato Tecnico scientifico per l’emergenza Covid-19 ha dato parere favorevole alle “Indicazioni operative per l’attività odontoiatrica durante la Fase 2 della pandemia di Covid-19”, messe a punto dal Tavolo ministeriale istituito dal Viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri. Le Indicazioni costituiscono l’unico documento istituzionale di riferimento in materia avendo superato brillantemente le varie analisi a cui è stato sottoposto.

Siamo particolarmente orgogliosi che il percorso sia iniziato con una nostra Idea, concretizzatasi nella costituzione del gruppo interno alla Commissione Albo Odontoiatri nazionale, che ha riunito il lavoro e le proposte di oltre trenta colleghi, che ringrazio e che saranno oggetto della nostra gratitudine anche a mezzo della pubblicazione del lavoro svolto.

Tale lavoro, unitamente a quello svolto dal tavolo tecnico ordinato dal viceministro Sileri e coordinato dal professor Enrico Gherlone, ha reso possibile l’intesa sul documento finale, poi validato.

Non nascondiamo la nostra piena soddisfazione nell’aver ottenuto un risultato di assoluto rilievo, pressoché unico nel mondo della libera professione e preso come punto di riferimento dentro e fuori il nostro àmbito professionale.

È opportuno precisare che il documento andrà aggiornato periodicamente, tenendo conto dell’andamento pandemico, di nuove informazioni scientifiche validate e di eventuali difficoltà applicative.

In effetti credo che si possa affermare, senza tema di smentite, che la professione odontoiatrica, coadiuvata da associazioni sindacali, prestigiosi accademici e tutte le componenti del mondo odontoiatrico, ha dato prova di efficienza, concretezza e rilievo sociale nella tutela della sicurezza di pazienti e di operatori del comparto.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Odontoiatria, 1231 posti all’università nel 20/21. Iandolo (CAO): «Tenere conto dei laureati all’estero nei fabbisogni»
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale si dice preoccupato per i numeri troppo alti: «Se sforiamo quale sarà il loro destino? La disoccupazione»
Odontoiatria, il Covid-19 aggrava la crisi. Iandolo (CAO): «Ci aspettiamo un calo di accessi pari a quello dei consumi»
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri rassicura sulla sicurezza degli studi dentistici e sottolinea le difficoltà dell'odontoiatria italiana
Odontoiatri, CTS approva indicazioni operative per la fase 2 elaborate dal Tavolo ministeriale
Dal triage alla ‘svestizione’, dai dispositivi di protezione individuale all’aerazione degli ambienti, passando per la disinfezione delle superfici alla tenuta dell’agenda e il consenso informato fino ad arrivare ai tamponi e ai test sierologici. Le linee guida per gli studi odontoiatrici
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
Odontoiatri, boom laureati all’estero: sono il 40% dei nuovi iscritti all’Albo
Il Presidente Cao Iandolo: «Dato di cui tenere conto per una corretta programmazione». Tra i motivi quello di aggirare il test d’ingresso o la volontà di fare esperienza fuori dall’Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...