Non Categorizzato 25 Maggio 2020 10:50

I neurologi: «Migliore interazione ospedale-territorio, reti hub-spoke non solo per patologie acute e aumento numero specialisti e reparti»

L’emergenza Covid-19 ha giustamente spostato l’attenzione della filiera sanitaria verso le terapie intensive e i reparti infettivologici e pneumologici. Sono stati creati nuovi posti letto per queste discipline, nonché in diversi casi nuovi ospedali dedicati all’emergenza e trovo giusto che queste nuove strutture, anche se al momento sottoutilizzate, rimangano attive per una eventuale “rebound” dell’epidemia. […]

di Gioacchino Tedeschi, Presidente Sin

L’emergenza Covid-19 ha giustamente spostato l’attenzione della filiera sanitaria verso le terapie intensive e i reparti infettivologici e pneumologici. Sono stati creati nuovi posti letto per queste discipline, nonché in diversi casi nuovi ospedali dedicati all’emergenza e trovo giusto che queste nuove strutture, anche se al momento sottoutilizzate, rimangano attive per una eventuale “rebound” dell’epidemia.

Nel frattempo, tutte le altre discipline sono state penalizzate e questo include la Neurologia. Molte neurologie sono state cancellate o hanno subito una notevole riduzione dei posti letto e tutte le attività elettive (incluse quelle ambulatoriali) sono state ridotte o soppresse. Di conseguenza i pazienti neurologici, specialmente quelli con patologie croniche complesse, sono rimasti privi di assistenza. Il ricorso ai video consulti e alla telemedicina si è rivelato di grande aiuto e questa esperienza ci potrà servire da insegnamento anche in futuro ad epidemia risolta. In questa nuova fase 2 abbiamo avuto una parziale ripresa delle attività, ma il rispetto dell’indispensabile distanziamento spazio-temporale non permette di soddisfare la richiesta di salute dei pazienti neurologici ed è impensabile che la Neurologia possa continuare per molto tempo a lavorare a “scartamento ridotto”.

Nell’attesa che passi la bufera, oltre a implementare ulteriormente il ricorso ai video consulti e alla telemedicina, è auspicabile che: si programmi una migliore interazione ospedale-territorio con una più efficiente distribuzione dei compiti; si rafforzi l’organizzazione delle reti hub-spoke e questo non solo per le patologie acute come l’ictus, ma anche per le patologie croniche complesse; e si aumenti il numero di specialisti in Neurologia, nonché il numero dei reparti.

Infine, l’esperienza COVID ha rinforzato un concetto già da tempo evidente. Fin quando gli ospedali saranno tanto dedicati alle patologie acute e il territorio non sarà in grado di accogliere istanze complesse, il bisogno dei pazienti cronici complessi continuerà a non trovare una adeguata soluzione. Il progresso scientifico, che in medicina è stato fondamentale per migliorare la qualità di vita della popolazione, ha reso la medicina e la Neurologia in particolare molto più complessa che in passato e ha fatto giustamente crescere la richiesta di prestazioni di alta specificità. Questo nuovo scenario non può essere fronteggiato se non aumentando le risorse per le Neurologie di alta specializzazione.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
SMA 1, la storia del primo bambino trattato in Sicilia con la terapia genica
Il neurologo Giuseppe Vita: «È la prima terapia genica esistente per una malattia neurologica. Nel trattamento della SMA 1 il farmaco agisce sostituendo la funzione del gene difettoso SMN1, gli si affianca producendo la proteina mancante che causa la malattia»
di Isabella Faggiano
Il quoziente intellettivo è in calo: ecco cosa sta accadendo alla nostra intelligenza
Cappa (neurologo): «E se fossero i test che misurano il quoziente intellettivo a non essere adeguati alla società in cui viviamo e non i giovani a possedere meno capacità di genitori e nonni?»
di Isabella Faggiano
Giornata Internazionale Epilessia: la Sin fa il punto alla luce dell’emergenza pandemica
L'epilessia è una malattia che interessa circa 50 milioni di persone in tutto il mondo e non meno di 500.000 in Italia. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la inserisce tra le malattie sociali
Sclerosi multipla, un trattamento in compresse per 20 giorni in 2 anni è il più efficace per le forme recidivanti
Le terapie innovative per la sclerosi multipla tra i temi portanti del 51° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia. De Stefano: «Migliorare non solo l’instabilità fisica dei nostri pazienti, ma anche quella cognitiva»
di Isabella Faggiano
Mosca (presidente Sin) avverte la politica: «Se non si investe sul welfare rischio crollo nascite dopo il Covid»
Il presidente Mosca: «Italia prima nel mondo a non separare neonati da mamme affette da Covid. Scelta coraggiosa, controtendenza, ma vincente»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco