Non Categorizzato 21 Maggio 2020 10:20

Gli anestesisti rianimatori: «La formazione essenziale per la qualità dei servizi ai cittadini»

La società scientifica di riferimento dei 21.000 Anestesisti Rianimatori Intensivisti e Terapisti del Dolore Italiani – SIAARTI – ha sviluppato una peculiare vocazione alla formazione, alla ricerca ed all’assistenza, assumendo negli anni una posizione sempre più solida di riferimento internazionale. In questo senso la visione sul futuro che vogliamo esprimere parte dalla fase della drammatica […]

di Antonello Giarratano, Vice Presidente SIAARTI

La società scientifica di riferimento dei 21.000 Anestesisti Rianimatori Intensivisti e Terapisti del Dolore Italiani – SIAARTI – ha sviluppato una peculiare vocazione alla formazione, alla ricerca ed all’assistenza, assumendo negli anni una posizione sempre più solida di riferimento internazionale. In questo senso la visione sul futuro che vogliamo esprimere parte dalla fase della drammatica “era Covid-19” (dove le figure professionali rappresentate dalla Società e che rappresentano la Società hanno lavorato senza risparmio al fine di tutelare nelle migliori condizioni possibili la salute pubblica), e vuole giungere alla fase post “era Covid-19”, periodo di enormi sfide per tutto il Paese, dove i Sistemi Sanitari saranno sempre più orientati a potenziare il Territorio e gli Ospedali.

L’obiettivo da raggiungere sarà uno solo, da sottolineare con forza e senza tentennamenti: la promozione della qualità dell’offerta sanitaria e della salute pubblica.

Ebbene: sia sul Territorio che negli Ospedali, la SIAARTI avrà un ruolo specifico sia nella elaborazione di nuovi percorsi di medicina perioperatoria e chirurgia, che nella gestione dell’Emergenza e Area Critica che dal territorio parte e negli Ospedali si sviluppa. Si può quindi intuire che questo ruolo della nostra Società scientifica nel futuro sarà interpretato dando massima importanza alla formazione ed alla ricerca. Formazione al fianco dei Ministeri competenti (della Salute e dell’Università) per qualificare e formare in modo certificato e continuo i professionisti in formazione (specializzandi), che entreranno poi in servizio nei Sistemi sanitari regionali per potenziare le aree critiche e intensive. Un’azione che si trasformerà anche in aggiornamento continuo degli specialisti sulla ricerca più avanzata e sulle più recenti raccomandazioni e linee guida.

In questo scenario che prefigura l’immediato futuro, SIAARTI è dinamicamente aperta a strette relazioni interdisciplinari e interprofessionali, collabora quotidianamente con l’Istituto Superiore di Sanità, ed ha le competenze specifiche per produrre Linee Guida certificate e condivise: questi sono gli elementi di forza che permetteranno a Siaarti di incidere nel futuro del Sistema Sanitario Nazionale in modo significativo e propositivo con un solo fine, quello già dichiarato in premessa della strenua e continua promozione della qualità dell’offerta sanitaria a tutto vantaggio dei cittadini e in risposta ai loro sempre più vasti e specifici bisogni di salute.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Se i no vax rifiutano pure le cure. Giannini (SIAARTI): «Non fermiamoci al primo “no”. Non possiamo lasciarli morire»
“Usura da negazione”, il componente del comitato etico della SIAARTI: «Un medico o un professionista sanitario di fronte ad un paziente che rifiuta una cura, appropriata e potenzialmente utile, prova un’enorme sofferenza. Si genera quello che in inglese viene definito il “moral distress”»
Covid, anestesisti sul piede di guerra: «Pronti a protestare contro l’aumento di posti in TI senza personale»
Vergallo (AAROI – EMAC): «Scaricare di nuovo l’emergenza sugli ospedali è un gioco al massacro a cui non ci presteremo»
Quarta ondata, Giarratano (SIAARTI): «Terapie intensive rischiano l’intasamento entro un mese»
Il presidente degli anestesisti-rianimatori: «Subito terza dose e massima attenzione alle norme di prevenzione»
Gli anestesisti contestano Anelli: «Il documento Fnomceo disegna contorni aberranti per il 118»
Aaroi Emac disapprova l’audizione in Senato della Federazione degli Ordini dei Medici sulla riforma del 118
Carenza medici Anestesisti Rianimatori e di PS, AAROI-EMAC: «Risposte concrete, non fantasiose»
Carenza di medici di Pronto Soccorso e Anestesisti Rianimatori, è questione nota. Evitare facili escamotage e favorire attività aggiuntive dei professionisti disponibili, incrementando remunerazioni è la richiesta di AAROI-EMAC
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre