Speciale del 06 aprile 2018

Protezione dati sanitari

Si stanno facendo sempre più frequenti gli attacchi cibernetici a siti e strutture, un pericolo per le informazioni sensibili di chi naviga e usa i social. A rischio anche i dati sanitari, per difendere i quali ormai la riservatezza del medico non è più sufficiente

La salute nell’era dei Big Data: molte le opportunità, quali i rischi?

Monitorare, prevedere la comparsa di malattie, individuare e promuovere terapie su misura. Così i Big Data trasformeranno la medicina del futuro rispettando la privacy dei pazienti

Andriukaitis (Commissario Ue): «Il 25 maggio entrerà in vigore il nuovo Regolamento europeo sulla privacy. Il 70% dei cittadini europei è preoccupato per i propri dati sanitari»

La Commissione europea: «La protezione delle informazioni personali è elemento centrale della nostra legislazione. I cittadini avranno ancora più controllo». E su Cambridge Analytica: «Seguiamo le indagini con molta attenzione»   

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti

Giovani e fake news, Grignolio (Sapienza): «Superati i 30 anni difficile scardinare idee sbagliate»

Ai nostri microfoni l’autore del libro “Chi ha paura dei vaccini?”: «Essere “no vax” è una forma identitaria come tifare per una squadra di calcio»

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 aprile, sono 860.793 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 42.354 i decessi e 178.378 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...