Speciale del 06 aprile 2018

Protezione dati sanitari

Si stanno facendo sempre più frequenti gli attacchi cibernetici a siti e strutture, un pericolo per le informazioni sensibili di chi naviga e usa i social. A rischio anche i dati sanitari, per difendere i quali ormai la riservatezza del medico non è più sufficiente

La salute nell’era dei Big Data: molte le opportunità, quali i rischi?

Monitorare, prevedere la comparsa di malattie, individuare e promuovere terapie su misura. Così i Big Data trasformeranno la medicina del futuro rispettando la privacy dei pazienti

Andriukaitis (Commissario Ue): «Il 25 maggio entrerà in vigore il nuovo Regolamento europeo sulla privacy. Il 70% dei cittadini europei è preoccupato per i propri dati sanitari»

La Commissione europea: «La protezione delle informazioni personali è elemento centrale della nostra legislazione. I cittadini avranno ancora più controllo». E su Cambridge Analytica: «Seguiamo le indagini con molta attenzione»   

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti

Giovani e fake news, Grignolio (Sapienza): «Superati i 30 anni difficile scardinare idee sbagliate»

Ai nostri microfoni l’autore del libro “Chi ha paura dei vaccini?”: «Essere “no vax” è una forma identitaria come tifare per una squadra di calcio»

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone