Rischio professionale, Gelli: «Stabilite le regole sulle polizze per medici e ospedali»

Gelli, promotore dell’omonima legge 24/2017 illustra le novità: «Modello RC auto su azione diretta, era ora». E ricorda l’importanza della formazione e l’influenza che avrà sull’uso dell’assicurazione per sanitari e strutture

Immagine articolo

È dello scorso 9 febbraio l’annuncio della Conferenza Stato-Regioni sull’approvazione del nuovo schema di decreto e regolamento sui requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative, previsto nell’articolo 10 della Legge Gelli (24/2017). Fissate le regole per i massimali minimi di garanzia delle coperture assicurative obbligatorie per responsabilità civile verso terzi per le strutture, i quali potranno essere rivisti ogni anno.

Gelli: «Modello RC auto su azione diretta, era ora»

Su Quotidiano Sanità, in un’intervista diretta, ha chiarito le nuove disposizioni Federico Gelli, “padre” della legge e responsabile della direzione sanitaria della Toscana. Lui l’ha definito un «tassello cruciale che coniuga l’utenza, per la possibilità di un adeguato ristoro, e i legittimi interessi d’impresa del mondo assicurativo e delle strutture». L’esperto ricorda che ora viene applicato il modello Rc auto dell’azione diretta che «contribuirà assieme all’accertamento tecnico preventivo e alla conciliazione obbligatoria, a semplificare e accorciare i tempi di risarcimento del danno». Un’approvazione che permetterà un ultimo passaggio normativo: «quel decreto attuativo sul fondo di solidarietà che servirà per ristorare i cittadini che non sono stati indennizzati a causa di disservizi nelle coperture assicurative o massimali insufficienti». Nonché per abbattere i costi delle coperture assicurative dei liberi professionisti.

Formazione, come influenzerà l’uso delle assicurazioni

Dal provvedimento è stata stralciata la parte che imponeva l’obbligo di adempimento del 70% dei crediti formativi previsti dalla formazione obbligatoria del proprio triennio per accedere alla copertura completa delle assicurazioni. Tuttavia, la norma resta operativa nelle modalità prevista dal PNRR. Gelli ci individua la «volontà di introdurre un incentivo all’aggiornamento professionale e un’ulteriore garanzia di cure e assistenza adeguate ai pazienti». In caso di errore medico e qualora il medico non sia in regola con i propri crediti, struttura o professionista non potranno beneficiare di copertura assicurativa. Per sottolineare l’importanza dell’aggiornamento continuo in una professione come quella medica.

Secondo l’articolo 6 della Legge, strutture sanitarie ed esercenti di professioni sanitarie sono tenuti a rispettare gli obblighi di pubblicità e trasparenza. Un punto valido anche per la formazione, ricorda Gelli. «Le strutture dovranno rendere i dati disponibili – spiega nell’intervista – mediante pubblicazione nel proprio sito internet, di tutti i risarcimenti erogati nell’ultimo quinquennio, verificati nell’ambito dell’esercizio delle attività della funzione di risk management. Non sfuggiranno a questo obbligo anche le informazioni riguardanti lo stato formativo del singolo professionista sanitario riguardo il suo adempimento di formazione Ecm».

 

Pronto Assicuratore: più sicurezza per la professione e la vita privata

Un team di esperti a tua disposizione per soddisfare tutte le tue esigenze, non soltanto per la sfera professionale ma anche per la vita familiare e privata. Pronto Assicuratore fa parte dell’offerta Consulcesi Club, chiedi più informazioni.

 

Approccio sistemico ed errore medico

A proposito di risk management, Gelli ha aggiunto che già l’obiettivo della Legge 24 era quello di favorire un approccio sistemico per prevenire l’errore medico. Ora «si punta a creare un sistema capace di anticipare i rischi individuando le situazioni di pericolo presunto e conseguentemente prevedendo delle procedure e delle pratiche controllate». In questo modo gli ospedali diventerebbero “assicurabili”, «in grado cioè di adempiere allo stesso obbligo di assicurazione imposto dalla legge». Il decreto prevede inoltre la presenza obbligatoria di un risk manager nella struttura sanitaria, e di altre figure con le quali valutare su piano medico-legale, clinico e giuridico le richieste arrivate.

«Formare e valorizzare la presenza di queste figure professionali – conclude Gelli – sarà quindi fondamentale per garantire il buon funzionamento ma anche la stessa sostenibilità delle strutture».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...