Covid-19 Il virus della paura 25 Giugno 2020 07:07

Il regista Christian Marazziti parla del docufilm: «Dedicato ai veri eroi della pandemia, gli operatori sanitari»

«La pellicola ha una duplice valenza, scientifica e divulgativa, fruibile dal grande pubblico in preda all’infodemia e alle fake news»

Il Covid-19 ha portato con sé dolore e angoscia, ma anche un grande bombardamento di informazioni. Uno degli obiettivi del docufilm “Covid-19 Il Virus della Paura” è allora proprio quello di curare infodemia, complottismo e fake news in ambito sanitario.

Realizzato dalla sceneggiatrice Manuela Jael Procaccia e da Christian Marazziti, già regista di “E-bola” e “Sconnessi”, ricostruisce l’esplosione e la diffusione della pandemia in due principali aspetti, quello scientifico e quello psicologico, attraverso le voci dei personaggi autorevoli intervistati.

LEGGI ANCHE: COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA’, ECCO COM’È NATO IL DOCUFILM CHE PUNTA SULLA FORMAZIONE DI QUALITÀ. VENERDÌ LA PRESENTAZIONE

«Il docufilm – spiega Marazziti a Sanità Informazione, media partner del progetto – è stato ideato dal presidente di Consulcesi Massimo Tortorella che ha avuto l’intuizione e il bisogno, in tempi non sospetti, proprio agli albori della pandemia, di formare i medici e gli operatori sanitari attraverso un progetto che avesse un respiro cinematografico». Il progetto formativo di cui il docufilm fa parte si compone anche di un libro cartaceo, di un ebook e di una collana di corsi di formazione ECM del provider Sanità in-Formazione dedicata al Covid-19.

La narrazione alterna spazi di approfondimento scientifico a momenti di finzione cinematografica. «Mi sono avvalso di quattro attori che potessero interpretare quattro ruoli» spiega il regista. Un complottista che si informa sul web e attraverso canali non ufficiali, una ragazza cinese che viene discriminata, una signora ipocondriaca che teme continuamente per la propria salute e un uomo incosciente che se ne infischia delle misure introdotte per contenere l’epidemia e che finirà per contagiarsi. Le loro vicende vengono quindi commentate e spiegate dagli esperti intervenuti.

LEGGI ANCHE: «FINALMENTE LA RIVINCITA DELLA SCIENZA». INTERVISTA A MASSIMO ANDREONI, AUTORE DEL LIBRO ANTI-FAKE NEWS “COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA”

«Il docufilm – prosegue Marazziti – infatti, ha una duplice valenza, sia scientifica che divulgativa, fruibile dal grande pubblico in preda all’infodemia e alle fake news». Il film quindi smonta bufale e false accuse circolate nei mesi di pandemia e sottolinea l’importanza di avere medici e professionisti sanitari formati e aggiornati sulle novità cliniche e terapeutiche per aiutare i cittadini a orientarsi nella giungla dell’iperinformazione.

«Insieme agli esperti della sanità nazionale – conclude Marazziti – abbiamo dato vita a ‘Covid-19 Il virus della paura’, un progetto dedicato ai veri eroi di questa pandemia: gli operatori sanitari».

Il docufilm è già disponibile sul sito www.covid-19virusdellapaura.com per tutti i professionisti sanitari e sarà fruibile anche sulle piattaforme on-demand e destinato ai principali festival cinematografici.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco