Salute 20 Febbraio 2018

Il 22 febbraio è lo #SconnessiDay. Gli attori del film “Sconnessi”: «Mettiamo via gli smartphone almeno un’ora al giorno»

L’iniziativa promossa da Consulcesi Club per riconnettersi con familiari e amici e un corso ECM per il personale sanitario sull’Internet Addiction Disorder saranno lanciati in un evento al Ministero della Salute in occasione dell’uscita del film “Sconnessi” di Christian Marazziti

Immagine articolo

«Cosa si prova a stare sconnessi? Panico!». È immediata la reazione di Giulia Elettra Gorietti, tra i protagonisti del film di Christian Marazziti “Sconnessi”, dal 22 febbraio al cinema. «Mentre giravamo il film ero veramente sconnessa, perché eravamo in montagna e il telefono non prendeva. I primi giorni ero un po’ nervosa ma alla fine non poter accedere a Internet e social network mi ha dato una pace che non trovavo da tanto. Adesso ci presto un po’ più di attenzione, o almeno ci provo…».

La commedia racconta proprio le conseguenze rocambolesche che deve affrontare una famiglia rimasta senza connessione Internet in uno chalet di montagna per porre luce su un fenomeno, quello della dipendenza da Internet, che preoccupa sempre più. «Internet ci ha dato tanto, ma ci ha anche tolto – prosegue la Gorietti -, questa è la malattia del secolo. Il film non solo fa riflettere sulla tematica della dipendenza da Internet e social, ma sottolinea anche i vuoti che la perenne connessione ha creato tra padri e figli, mariti e mogli, fratelli e sorelle. Con ironia, tocca dei tasti molto importanti».

Ecco perché in occasione dell’uscita del film, il 22 febbraio si celebra lo #SconnessiDay, la prima Giornata Mondiale della s-connessione: 24 ore senza social, rete, whatsapp e email; un esperimento sociale da ripetere il 22 febbraio di ogni anno per disconnettersi dai device e riconnettersi tra di noi. È questo l’invito del cast, di cui fanno parte, tra gli altri, Fabrizio Bentivoglio, Carolina Crescentini, Stefano Fresi e Maurizio Mattioli, indirizzato a famiglie, presidi ed insegnanti delle scuole italiane.

L’iniziativa, promossa in collaborazione con Consulcesi Club, sarà presentata il 22 presso il Ministero della Salute insieme al corso ECM del provider Sanità in-Formazione dal titolo “Internet e adolescenti: I.A.D. (Internet Addiction Disorder) e cyberbullismo”, curato dal dottor David Martinelli del Centro Pediatrico Interdipartimentale Psicopatologia da Web presso la Fondazione “Policlinico Gemelli” di Roma.

LEGGI ANCHE: SAFER INTERNET DAY: «RAGAZZI IPERCONNESSI, MA ANCHE GLI ADULTI…»

«La giornata sarà senz’altro una cosa interessante che potrà aiutare a sensibilizzare qualcuno sull’argomento», commenta Ricky Memphis, anche lui nel cast del film di Marazziti. «Però io non credo alle cose che si fanno una volta l’anno, bisogna lavorare sul tessuto sociale sennò diventa come l’8 marzo, quelle giornate che purtroppo poi lasciano il tempo che trovano».

Perché non sconnettersi un’ora al giorno, allora, in cui si posano smartphone e tablet e si pensa solo a raccontare la propria giornata a familiari e amici? «Basterebbe non usare il telefono durante i pasti – risponde Giulia Elettra Gorietti – e sfruttare il pranzo e la cena per parlare. Secondo me un’ora al giorno è anche poco, non usare il telefono per un po’ di tempo in più farebbe veramente molto bene».

«Io non penso che utilizzare il telefono ci impedisca di comunicare realmente – afferma Ricky Memphis -. Io lo uso molto eppure quando sto con la mia famiglia lo poso e parlo con loro faccia a faccia. Poi, certo, se stai tutto il giorno con gli occhi sul telefono è normale che sia difficile comunicare, ma in quel caso si entra nel mondo della dipendenza e della malattia, ma quello è un altro discorso. Anche gli antidolorifici possono essere una cosa meravigliosa o una droga».

LEGGI ANCHE: PAURA DI RIMANERE “SCONNESSI”? «ATTENZIONE LA DIPENDENZA PUO’ AVERE GRAVI CONSEGUENZE» IL MONITO DELLA MINISTRA FEDELI

Articoli correlati
Adolescenti iperconnessi? I 7 campanelli d’allarme dell’internet-dipendenza
A un anno di distanza dalla proposta di istituire una Giornata Mondiale della S-connessione, Consulcesi Club riaccende i riflettori sulla web-addiction attraverso la Pagina Facebook “Sconnessi Day”
Bullismo e cyberbullismo, lo sport è una cura. Giovanni Malagò (Coni): «Campioni italiani siano esempio per i nostri giovani»
Il 77% delle vittime, è obeso o in sovrappeso. Massaccesi (Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping): «Prima si giocava nel cortile di casa, oggi si gioca nel cortile del web. Lo sport è uno strumento fondamentale per spingere i ragazzi ad avere una vita attiva»
di Isabella Faggiano
Bullismo, 1220 ospiti nel 2018 alla Casa Pediatrica Sacco. Il direttore Luca Bernardo: «Disagio giovanile piaga sociale, servono risposte dinamiche e certe»
L’istituto è un polo di eccellenza voluto da Regione Lombardia. Il professor Bernardo: Formiamo anche il personale Ata perché spesso quelli che una volta venivano chiamati ‘bidelli’ sono le persone più a contatto con i giovani». Nella struttura anche stanze per chi ha malattie infettive e quelle monitorate con telecamere per gli adolescenti hanno tentato il suicidio
di Federica Bosco
Bullismo, con “I respect” a Milano si insegna l’autostima e l’autodifesa. Gabrielle Fellus: «Così le vittime elaborano l’aggressione e tornano a vivere»
L’ideatrice è da 16 anni istruttrice di Krave Maga, tecnica di difesa israeliana. Il progetto è realizzato per casa pediatrica Fatebenefratelli-Sacco, da anni in prima linea con il suo centro Multidisciplinare sul disagio adolescenziale
di Federica Bosco
Web addiction, Alberto Oliveti (Enpam): «Importante formazione medici per riconoscere sintomi legati al problema»
«Internet è una grande invenzione, ma l’altro lato della medaglia nasconde pericoli che è bene saper affrontare» così il Presidente Enpam sulle dipendenze dal web
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti