Covid-19 Il virus della paura 25 Giugno 2020 07:20

Covid-19, i medici vogliono una formazione di qualità. Zucchiatti (Sanità In-Formazione): «Nel lockdown,+40% di fruizioni di corsi»

«I medici sono stati virtuosi. Un medico formato non si ferma. Questa è una certezza anche per noi pazienti, da cui trarre beneficio». Così Alessandra Zucchiatti, amministratore del provider ECM Sanità in-Formazione e production manager del docufilm “Covid-19 Il virus della paura”

Del progetto formativo ideato da Consulcesi, il docufilm ‘Covid 19 Il virus della paura’ è solo una parte. La proposta formativa, infatti, si compone anche di un libro cartaceo, di un ebook e di una collana di corsi di formazione ECM del provider Sanità in-Formazione dedicata al Covid-19.

«Il docufilm è solo la punta di diamante – spiega Alessandra Zucchiatti, amministratore del provider Sanità In-Formazione -. I protagonisti, oltre ad essere degli attori, sono anche degli esperti in materia. Hanno collaborato con noi i medici dello Spallanzani insieme a quelli di Tor Vergata con il valore aggiunto dello psicoterapeuta Giorgio Nardone».

LEGGI ANCHE: MEDICI SENTINELLE ANTI-VIRUS, CONSULCESI LANCIA LA PRIMA COLLANA ECM SUL COVID-19

Il SARS-CoV-2 è stato riconosciuto, identificato e isolato, abbiamo avuto prova della sua pericolosità e stiamo imparando a conviverci. Tuttavia, molti importanti aspetti del nuovo coronavirus, anche dal punto di vista epidemiologico, restano ancora poco conosciuti. Dai farmaci al vaccino, passando per i sintomi e le manifestazioni fino ad arrivare alla contagiosità e l’immunizzazione. È questo l’obiettivo della collana formativa dedicata al Covid-19 che contiene raccomandazioni e informazioni utili al personale sanitario sulla pandemia che ha sconvolto il mondo.

LEGGI ANCHE: COVID-19, ON LINE LA PRIMA COLLANA FORMATIVA. ZUCCHIATTI (SANITÀ IN-FORMAZIONE): «NOZIONI FONDAMENTALI PER PREVENIRE IL CONTAGIO» 

E sono i numeri ad indicare la richiesta da parte del mondo della sanità di corsi di formazione e aggiornamento sul Covid-19: durante i mesi di lockdown infatti i professionisti sanitari hanno seguito in percentuali molto più alte i corsi offerti dal provider. «I medici sono stati virtuosi – spiega Zucchiatti -: dall’inizio del lockdown noi abbiamo registrato un aumento delle fruizioni del 40%. Oltre ad iscriversi, hanno completato il loro percorso formativo e ottenuto l’attestato ECM».

«La formazione è importante – conclude la dottoressa Zucchiatti – e un medico formato non si ferma. Questa è una certezza di risultato anche per noi pazienti, da cui trarre beneficio».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco