Covid-19 Il virus della paura 25 Giugno 2020 07:20

Covid-19, i medici vogliono una formazione di qualità. Zucchiatti (Sanità In-Formazione): «Nel lockdown,+40% di fruizioni di corsi»

«I medici sono stati virtuosi. Un medico formato non si ferma. Questa è una certezza anche per noi pazienti, da cui trarre beneficio». Così Alessandra Zucchiatti, amministratore del provider ECM Sanità in-Formazione e production manager del docufilm “Covid-19 Il virus della paura”

Del progetto formativo ideato da Consulcesi, il docufilm ‘Covid 19 Il virus della paura’ è solo una parte. La proposta formativa, infatti, si compone anche di un libro cartaceo, di un ebook e di una collana di corsi di formazione ECM del provider Sanità in-Formazione dedicata al Covid-19.

«Il docufilm è solo la punta di diamante – spiega Alessandra Zucchiatti, amministratore del provider Sanità In-Formazione -. I protagonisti, oltre ad essere degli attori, sono anche degli esperti in materia. Hanno collaborato con noi i medici dello Spallanzani insieme a quelli di Tor Vergata con il valore aggiunto dello psicoterapeuta Giorgio Nardone».

LEGGI ANCHE: MEDICI SENTINELLE ANTI-VIRUS, CONSULCESI LANCIA LA PRIMA COLLANA ECM SUL COVID-19

Il SARS-CoV-2 è stato riconosciuto, identificato e isolato, abbiamo avuto prova della sua pericolosità e stiamo imparando a conviverci. Tuttavia, molti importanti aspetti del nuovo coronavirus, anche dal punto di vista epidemiologico, restano ancora poco conosciuti. Dai farmaci al vaccino, passando per i sintomi e le manifestazioni fino ad arrivare alla contagiosità e l’immunizzazione. È questo l’obiettivo della collana formativa dedicata al Covid-19 che contiene raccomandazioni e informazioni utili al personale sanitario sulla pandemia che ha sconvolto il mondo.

LEGGI ANCHE: COVID-19, ON LINE LA PRIMA COLLANA FORMATIVA. ZUCCHIATTI (SANITÀ IN-FORMAZIONE): «NOZIONI FONDAMENTALI PER PREVENIRE IL CONTAGIO» 

E sono i numeri ad indicare la richiesta da parte del mondo della sanità di corsi di formazione e aggiornamento sul Covid-19: durante i mesi di lockdown infatti i professionisti sanitari hanno seguito in percentuali molto più alte i corsi offerti dal provider. «I medici sono stati virtuosi – spiega Zucchiatti -: dall’inizio del lockdown noi abbiamo registrato un aumento delle fruizioni del 40%. Oltre ad iscriversi, hanno completato il loro percorso formativo e ottenuto l’attestato ECM».

«La formazione è importante – conclude la dottoressa Zucchiatti – e un medico formato non si ferma. Questa è una certezza di risultato anche per noi pazienti, da cui trarre beneficio».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...