Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Sonno 19 Aprile 2022

Primavera: come combattere insonnia, mal di testa e spossatezza

La stagione primaverile ci rende attivi, energici e con tanta voglia di fare. È bene, però, rispettare alcune regole di igiene del sonno per evitare le manifestazioni tipiche del periodo. Ecco quali sono

Immagine articolo

Aprile dolce dormire. L’antico detto popolare fa riferimento all’arrivo della primavera. La natura che fiorisce e il tepore tipico di questo periodo dell’anno causano, infatti, una condizione fisica caratterizzata da astenia, stanchezza e disturbi del sonno. Insonnia, mal di testa al risveglio o sensazione di non aver riposato abbastanza sono le manifestazioni più tipiche. Si tratta di sensazioni del tutto normali che possono durare da qualche giorno a qualche settimana.

Il cambio di stagione porta insonnia, stanchezza e astenia

In primavera il nostro organismo si riattiva: l’inverno lascia spazio alle miti temperature e le giornate si allungano. Cambiano il metabolismo, l’orologio biologico e le abitudini di vita. Il corpo fa fatica ad adattarsi in fretta ai nuovi ritmi e con i primi caldi tende a cercare il riposo più a lungo durante la notte. Ecco perché, il famoso “cambio di stagione” porta con sé stanchezza e astenia, la mancanza di forze che si avverte – lo dice la scienza – proprio nel passaggio da una stagione all’altra.

Le giornate più lunghe stimolano una maggiore attività fisica

L’ora legale, il bel tempo e il sole ci spingono fuori di casa per incontrare parenti e amici, organizzare i primi picnic al parco o fare lunghe passeggiate al mare. Le giornate lunghe stimolano una maggiore attività fisica che ci porta a fare più tardi la sera. Di conseguenza, sentiamo la necessità di dormire di più e la mattina siamo più stanchi. L’aumento della luce, inoltre, diminuisce la produzione di melatonina per cui ci addormentiamo con più difficoltà. Inoltre, le temperature più alte e le prime sudate peggiorano la qualità del sonno.

Il sonno in primavera: colpa della melatonina?

La melatonina, l’ormone prodotto dalla ghiandola pineale o epifisi, regola il ciclo sonno veglia. Quando la melatonina non viene secreta nel modo e nella quantità corretta, si manifesta l’insonnia e il sonno disturbato da continui risvegli.

La melatonina, in genere, viene prodotta tra le 2 e le 4 del mattino, per mantenere un sonno regolare. Un adulto dovrebbe dormire tra le 7 e le 9 ore di sonno costante ogni notte.  Se il sonno è frammentato, la mattina seguente ci si sentirà frastornati con conseguenza sull’umore e la concentrazione. Anche lo stress e l’ansia influiscono sul sonno, attivando meccanismi a livello ormonale che interferiscono con la produzione di melatonina, tenendoci svegli.

Come combattere la spossatezza di primavera? Le regole per dormire bene

Con una cattiva qualità del sonno, il mal di testa al risveglio è un sintomo frequente. Per dormire meglio, sotto consiglio del medico, si possono assumere integratori di passiflora, valeriana, camomilla magnesio, lavanda e melatonina. La vitalità della stagione primaverile ci rende attivi, energici, con tanta voglia di fare. È bene, però, rispettare alcune regole di igiene del sonno, come:

  • All’inizio del mese, complice l’ora legale possiamo dormire di più a patto di tornare ai ritmi ed orari abituali nel giro di qualche giorno. Andare a letto sempre alla stessa ora e alzarsi alla stessa ora, anche nei weekend
  • Seguire uno stile di vita corretto e una dieta sana e variegata: frutta, verdura pane, pasta, riso, orzo, pesce, frutta secca e tanta acqua. Ridurre nicotina, caffeina e alcol
  • Aprile è il mese ideale per praticare sport all’aria aperta e in mezzo alla natura. Sì alle passeggiate nei parchi comunali o sulla spiaggia ma non nelle 3-4 ore prima di coricarsi
  • Dormire il più possibile al buio, comodi e lontano dai rumori. Non abusare di smartphone e altri apparecchi elettronici la sera: influenzano la produzione di melatonina

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...