Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Psicologia e Salute Mentale 21 Settembre 2021

Il disturbo esplosivo intermittente: come controllare la rabbia

Aggressività e rabbia incontrollabile sono tipiche del disturbo esplosivo intermittente. Come riconoscerlo e curarlo?

Il Disturbo esplosivo intermittente è classificato nel DSM-5 sotto la categoria “Disturbi dirompenti del controllo degli impulsi e della condotta”. Il 28 settembre ricorre la Giornata mondiale della rabbia: chi ha questo disturbo psichiatrico sente un impulso irrefrenabile a compiere azioni o gesti violenti e aggressivi. Le persone che soffrono di questa problematica non sono in grado di controllare l’emozione, manifestando reazioni del tutto spropositate rispetto alle provocazioni e agli altri fattori stressanti a cui sono sottoposte.

Disturbo Esplosivo Intermittente: caratteristiche e manifestazioni

Si parla di Disturbo Esplosivo Intermittente quando una persona ha spesso reazioni aggressive esagerate rispetto alle situazioni e potrebbe rappresentare un pericolo per sé stessa e per gli altri. Si manifesta, solitamente, nella tarda infanzia o nell’adolescenza anche in modo improvviso. Può essere temporaneo o cronico.

Disturbo Esplosivo Intermittente: caratteristiche e manifestazioni

Ecco i comportamenti che evidenziano la mancanza di controllo della rabbia:

  • aggressione verbale (insulti, litigi e minacce)
  • aggressione fisica ad animali o persone (ferimento o lesioni, distruzione di oggetti e cose (danni alla proprietà)

I pazienti non riescono a resistere all’ impulso violento: provano una forte tensione – una specie di eccitazione – che si calma solo dopo averlo sfogato e compiuto. Subito dopo, infatti, si sentono sollevati, gratificati. Altre volte, invece, si temono rimorsi o conseguenze legali per il gesto compiuto. I ricorrenti episodi di aggressività, di solito, durano meno di trenta minuti.

Gli attacchi di rabbia incontrollata

Chi soffre di questa disfunzione travisa la comunicazione o distorce negativamente la realtà e i comportamenti degli altri. Reagisce, quindi, con un’aggressività abnorme e incontrollata a situazioni normalmente gestibili attraverso il dialogo. I soggetti coinvolti descrivono gli episodi come scatti di rabbia improvvisi ed incontrollabili preceduti da una sensazione di tensione o eccitazione a cui segue un sentimento di liberazione e sollievo. A volte la rabbia si manifesta senza un motivo apparente. Spesso il paziente si vergogna o si sente in colpa, dispiaciuto o imbarazzato dal suo comportamento.

Disturbo Esplosivo Intermittente: i sintomi e le conseguenze

I sintomi che anticipano o accompagnano gli eventi aggressivi sono:

  • irritabilità;
  • eccitamento psichico;
  • grande energia e forza;
  • accelerazione dei pensieri;
  • formicolii e tremori;
  • palpitazioni e pressione alla testa e al torace;
  • sensazione di avvertire l’eco.

La tensione si scioglie non appena è stato compiuto.

È un disturbo che provoca un grande disagio psicologico e può causare: stress, difficoltà sociali e familiari, economiche e con la giustizia. Le esplosioni di rabbia impattano notevolmente sulla vita di chi ne soffre e ne compromettono il funzionamento sociale, lavorativo finanziario e legale. Da questi comportamenti possono nascere seri problemi a scuola, sui luoghi di lavoro e nascere cause civili conseguenti a risse e litigi.

Esiste un test per diagnosticarlo?

Le cause del disturbo non sono note, ma sono sicuramente da ricercare nella storia e nel vissuto della persona, ma anche nel contesto in cui vive e ha vissuto. Alcuni studi hanno inoltre dimostrato che nelle persone affette da questo disturbo possono esserci alterazioni nel sistema neurologico o nel metabolismo della serotonina. Non esiste un test di disturbo esplosivo intermittente. La diagnosi viene fatta da uno specialista solo dopo aver escluso altri disturbi mentali e sulla base di valutazioni fisiche e psicologiche.

Come si cura?

Si procede, di solito, con un trattamento farmacologico e terapeutico per modificare il comportamento e acquistare un maggiore controllo degli impulsi aggressivi.
Nel trattamento psicoterapico si identificano le situazioni e i comportamenti che possono innescare una risposta aggressiva e da dove proviene la sintomatologia attuale disfunzionale. Con tecniche specifiche (problem solving, tecniche di rilassamento, tecniche cognitive, terapia EMDR) il paziente conosce meglio se stesso e le proprie reazioni e ricerca modalità alternative per gestire e per manifestare la rabbia.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?