Salute 5 Giugno 2019 18:28

Alimentazione, tra microbiota e serotonina la felicità si costruisce a tavola

Il tour “ La buona salute. Intestino, alimentazione consapevole e biochimica della gioia” organizzato da Aboca con il dottor Pier Luigi Rossi e Patrizio Roversi analizza la relazione tra nutrizione e tono dell’umore

«La gioia, la felicità, la tristezza nascono da ciò che mangiamo e non soltanto dai condizionamenti psicologici, sociali e affettivi che ci riguardano» afferma il dottor Pier Luigi Rossi, specialista in Scienza dell’Alimentazione, nel suo ultimo libro “L’intestino, il sesto senso del nostro corpo. Alimentazione consapevole e biochimica della gioia” edito da Aboca Edizioni, il cui contenuto si fa talk show live in un inedito road show in giro per l’Italia, per raccontare al pubblico il rapporto che intercorre tra cervello e intestino, laddove le stimolazioni viscerali raccolte dal nervo vago e portate al cervello condizionano il ruolo del cervello determinando stati di tristezza o di gioia. Ad accompagnare il dottor Rossi il volto noto della TV Patrizio Roversi.

L’alimentazione moderna, ricca di grassi saturi e carboidrati raffinati, ha determinato un aumento dei disturbi metabolici, compreso il diabete, e delle patologie cardiovascolari, ma soprattutto ha fatto sviluppare nel microbiota umano batteri aggressivi, responsabili della produzione di lipopolisaccaride che crea nel cervello depressione, tristezza, tono dell’umore negativo, apatia e affaticamento.

«E’ necessario raggiungere un nuovo livello di consapevolezza rispetto a ciò che si mangia – sostiene il dottor Rossi – La nostra mano porta alla bocca dai due ai tre chili di cibo al giorno senza che noi ce ne accorgiamo. Ma il cibo è molto più di un banale calcolo delle calorie ingerite. Il nostro intestino produce serotonina – continua il dottor Rossi – l’ormone della felicità, ma se la flora intestinale è alterata a causa di una eccessiva e sbilanciata alimentazione la produzione di quest’ormone è inibita. La mancanza di serotonina autoprodotta spingerà l’individuo in depressione e a ricorrere all’uso di farmaci per combatterla, quindi a delegare ad altri il proprio benessere, quando potrebbe esserne lui stesso l’artefice. Quella che io promuovo è una medicina della sintomatologia, perchè il nostro organismo è un unicum, e non una mera somma di organi. E’ per questo che io sostengo – conclude Rossi – che la consapevolezza e la responsabilità generano libertà».

Alle parole del nutrizionista fanno eco quelle del “turista per caso” più famoso d’Italia, Patrizio Roversi, che ha raccontato ai nostri microfoni la sua esperienza. «Effettivamente, ogni volta che riesco a controllare la mia alimentazione mi sento bene, sono fiero di me, e sono quindi più felice! Al di là di questo – aggiunge Roversi – trovo che l’opera di divulgazione del dottor Rossi sia importantissima anche ai fini della prevenzione, che resta uno strumento di salute fondamentale».

 

Articoli correlati
Tumori: il microbiota intestinale può aumentare l’efficacia dell’immunoterapia
L'immunoterapia ha rivoluzionato il trattamento di molte forme di tumore. Tuttavia, non tutti i pazienti ne beneficiano allo stesso modo e ancora oggi non ne conosciamo chiaramente le motivazioni. Ora un nuovo studio dell'Harvard Medical School e del Dana-Farber Cancer Institute suggerisce un nuovo possibile fattore chiave che potrebbe influenzare i risultati della terapia immunitaria:  il microbiota intestinale di un individuo, ovvero quei miliardi di microorganismi che vivono nell'intestino umano
SLA: e se fosse “colpa” dei batteri intestinali?
Individuato, dai microbiologi del Gemelli, in un 69enne affetto da SLA un batterio Gram positivo anaerobio. Il ricercatore: «Il microbiota intestinale potrebbe essere coinvolto nella disfunzione dei linfociti T regolatori che, in pazienti con SLA, sarebbero una concausa di questa patologia multifattoriale. L’obiettivo futuro è cercare di rallentare la progressione della patologia agendo sulla modulazione del microbiota»
Dal trapianto di microbiota nuove speranze per le terapie oncologiche. Valdagni (Istituto Tumori Milano): «Scoperta sconvolgente»
Dagli studi più recenti emerge che la flora batterica influisce sulle infiammazioni del corpo e, per questo, può essere un’arma per colpire il cancro. Di questo si parlerà al primo convegno internazionale “MIBIOC – The way of the microbiota in Cancer”, in programma il 21 e 22 novembre presso l’istituto dei tumori di Milano
di Federica Bosco
Pelle sana con microbiota sano: le infiammazioni si combattono anche a tavola
La disbiosi intestinale alla base dell’acne e delle dermatiti atopiche. Anche di questo si è discusso all’ultimo congresso mondiale di dermatologia a Milano. «Occorre ridurre drasticamente il consumo di zuccheri, stare attenti al consumo di alcol, aumentare il consumo di fibra come frutta, verdura e cereali, mangiare grassi buoni, come olio d’oliva, pesce, frutta secca e burro chiarificato». Questi i consigli di Marco Pignatti, Clinica dermatologica di Modena e Reggio Emilia
di Federica Bosco
Cancro del seno, la flora batterica del tessuto mammario potrebbe predisporre alla malattia. Lo studio del Gemelli
Grazie a uno studio condotto presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS – Università Cattolica, in collaborazione con l’Università della Tuscia di Viterbo, si è scoperto che anche la composizione della flora batterica che si annida nel tessuto delle mammelle potrebbe avere un ruolo nel predisporre certe donne al cancro del seno. In futuro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...