Sanità internazionale 27 Febbraio 2018

Il vino fa bene a denti e gengive. Il merito è di due polifenoli

Un brindisi alla salute del sorriso. Uno studio spagnolo allunga la lista dei benefici del vino, dimostrando che i polifenoli contenuti in particolare nel rosso sono validi alleati del benessere orale, perché riescono a contrastare i batteri responsabili di carie ai denti e disturbi alle gengive. Il lavoro, pubblicato sul ‘Journal of Agricultural and Food Chemistry‘ dell’American […]

Un brindisi alla salute del sorriso. Uno studio spagnolo allunga la lista dei benefici del vino, dimostrando che i polifenoli contenuti in particolare nel rosso sono validi alleati del benessere orale, perché riescono a contrastare i batteri responsabili di carie ai denti e disturbi alle gengive. Il lavoro, pubblicato sul ‘Journal of Agricultural and Food Chemistry‘ dell’American Chemical Society, è firmato dal gruppo di M. Victoria Moreno-Arribas del Cial di Madrid, Istituto specializzato nelle scienze dell’alimentazione, che opera all’interno del Consiglio nazionale della ricerca Csic.

Tradizionalmente – ricordano gli esperti – alcune virtù dei polifenoli sono state attribuite alle proprietà antiossidanti di questi composti, che quindi agirebbero contro i danni causati all’organismo dai radicali liberi. Ricerche più recenti suggeriscono tuttavia che i polifenoli potrebbero contribuire a mantenere un buono stato di salute anche interagendo direttamente con i batteri dell’intestino. Un’ipotesi che avrebbe senso considerando che le piante producono polifenoli proprio come arma per proteggersi da batteri pericolosi. Moreno-Arribas e colleghi hanno perciò cercato di capire se, e come a livello molecolare, queste sostanze possano funzionare da scudo anche per denti e gengive.

Gli studiosi hanno analizzato gli effetti di due polifenoli del vino rosso (l’acido caffeico e l’acido p-cumarico), nonché di estratti di semi d’uva e di vino rosso disponibili in commercio, sui batteri che causano placca dentale, carie e malattie parodontali. Lavorando su cellule del tessuto gengivale hanno così scoperto che le due sostanze isolate sono più efficaci degli estratti complessivamente considerati nel ridurre la capacità dei germi nemici del sorriso di attaccare le cellule bersaglio. Non solo. Se associati allo Streptococcus dentisani, considerato un probiotico orale, i due polifenoli riescono ancora meglio a rintuzzare l’offensiva dei patogeni. I ricercatori hanno inoltre scoperto che parte di queste azioni sono da collegare ai metaboliti che si formano quando nella bocca comincia il processo digestivo dei polifenoli del vino. Lo studio è finanziato dal ministero spagnolo dell’Economia, dell’Industria e della Competitività e dalla Comunità di Madrid.

Articoli correlati
Dal cuore ai denti, come influisce lo ‘stato di salute’ dei polmoni sul nostro organismo
Le ultime ricerche sono state presentate al XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO tenutosi a Firenze
Violenza di genere, anche piccole lesioni ai denti possono essere markers di un’aggressione
Dall’OMCeO di Napoli le nuove direttive per la formazione del personale sanitario. A odontoiatri e medici di Pronto Soccorso il ruolo di sentinelle per intercettare i primi segni. Formazione specifica anche sul piano della comunicazione
World Smile Day, l’Associazione Specialisti Italiani in Ortodonzia lancia la Guida del Sorriso per una bocca in salute
“Sorridiamo per simpatia, per salutare, per chiedere scusa ed esprimere riconoscenza”. A distanza di quasi un secolo le parole di Desmond Morris risultano sempre di grande attualità: il sorriso, si sa, è il nostro biglietto da visita. È per questo che in occasione del World Smile Day (4 ottobre) l’Associazione Specialisti Italiani in Ortodonzia (ASIO) […]
#UnGiornoCon | Igienista dentale. Dascola (Aidi): «Così miglioriamo il sorriso dei nostri pazienti»
Importante lo spazio dedicato all’accoglienza e al colloquio. L’esperta: «Durante ogni visita è necessario dedicare spazio al colloquio: conoscere la storia dentale del paziente garantisce il raggiungimento di migliori risultati»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale del sonno, ecco i rimedi per dormire bene. L’esperta: «Sì a pesce azzurro, no vino e cioccolata»
Occhi sbarrati e risvegli nel cuore della notte? La causa potrebbe risiedere in cattive abitudini alimentari o stili di vita sbagliati. Troppo stress, un utilizzo eccessivo del pc o la mancanza di momenti di relax concorrono infatti a farci perdere il sonno, con conseguenze dannose su fisico e umore.  «E’ importantissimo dormire perché recuperiamo energia, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...