Sanità internazionale 16 aprile 2018

USA, la sanità sarà decisiva per le elezioni di metà mandato di novembre

La sanità avrà un ruolo fondamentale nelle elezioni americane di metà mandato del prossimo novembre. A rivelarlo, un sondaggio dell’HuffingtonPost/YouGov, secondo il quale per il 30% degli elettori la sanità è il settore ritenuto più importante per l’esito delle prossime elezioni. A seguire, economia, armi e immigrazione. Una buona notizia per i Democratici, visto che la […]

La sanità avrà un ruolo fondamentale nelle elezioni americane di metà mandato del prossimo novembre. A rivelarlo, un sondaggio dell’HuffingtonPost/YouGov, secondo il quale per il 30% degli elettori la sanità è il settore ritenuto più importante per l’esito delle prossime elezioni. A seguire, economia, armi e immigrazione.

Una buona notizia per i Democratici, visto che la maggioranza dell’opinione pubblica è a favore della riforma sanitaria voluta da Obama e che l’attuale Presidente Trump ha tentato più volte di smantellare. I Democratici intendono quindi puntare sulla sanità, che aveva invece contribuito alla disfatta del partito alle elezioni di medio termine del 2010. Adesso potranno invece additare i Repubblicani come i responsabili dell’aumento dei costi delle assicurazioni che sarà annunciato il prossimo autunno.

È interessante poi notare come il 34% di coloro che hanno scelto la sanità come tema fondamentale per le elezioni sia Democratico, mentre il 26% Repubblicano. Inoltre, è stato chiesto agli intervistati di scegliere i due temi che, secondo loro, sono stati maggiormente trattati dai due partiti nell’attuale campagna elettorale. La sanità ha ottenuto un 16% per i candidati Democratici ed un 8% per i Repubblicani. Secondo gli americani, i Democratici sono più focalizzati su armi (34%), i risultati della Presidenza Trump (24%) e immigrazione (18%), mentre i Repubblicani su immigrazione e riforma fiscale (entrambi al 24%), economia (22%) e armi (16%). Le priorità dei candidati rispecchiano quindi solo parzialmente quelle dei cittadini.

Ovviamente le elezioni di metà mandato, che rinnoveranno il Congresso, le assemblee elettive dei singoli Stati ed alcuni Governatori, sono ancora molto lontane e le possibilità che gli elettori cambino idea sono molto probabili. La campagna elettorale potrebbe virare su altre tematiche e lasciare la sanità in secondo piano. Inoltre, come sottolinea l’HuffPost, le elezioni di medio termine sono in genere influenzate più dall’appartenenza partitica che dai programmi elettorali. Ma chissà se i risultati di questo sondaggio influenzeranno i prossimi lunghi e torridi mesi e porteranno l’healthcare dove i cittadini vorrebbero: al centro della campagna elettorale.

LEGGI ANCHE: TRUMP VS HUNT: SCONTRO SULLA SANITÀ A COLPI DI TWEET

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
FIMMG, Scotti fa bilancio del Congresso: «Dignità per MMG. Formazione sia centralizzata. Leghiamo redditività medici a salute pazienti»
Il segretario della Federazione dei medici di Famiglia continua a invocare risorse per il settore «o i cittadini rischiano di dover pagare servizio sanitario». Rapporto tra spesa sanitaria e Pil «non scenda sotto il 6,5% come dice l’OMS»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila