Sanità internazionale 30 Marzo 2021 12:05

Un trattato internazionale per prepararci alle prossime emergenze sanitarie

L’appello è stato firmato dai leader di 25 Paesi del mondo: «Rafforzare la capacità e la resilienza nazionali, regionali e globali. Nessuno può farcela da solo»

Un trattato internazionale per prepararci alle prossime emergenze sanitarie

Un trattato internazionale per prepararsi a rispondere nel migliore dei modi alle prossime pandemie. La richiesta arriva da 25 Capi di Stato e di Governo, tra cui il Presidente del Consiglio italiano Mario Draghi, e dalle agenzie internazionali, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’obiettivo? «Costruire un’architettura globale più robusta che protegga le future generazioni», perché «ci saranno altre pandemie e altre importanti emergenze sanitarie cui nessun governo saprà rispondere da solo. La domanda non è se, ma quando» si verificherà nuovamente un evento simile a quello cui stiamo assistendo in questi mesi.

«La pandemia da Covid-19 ci ha insegnato che nessuno è al sicuro finché tutti sono al sicuro – continuano i leader nell’articolo di commento alla proposta -. Dobbiamo quindi lavorare insieme per prevedere, prevenire, rilevare, valutare e rispondere efficacemente alle pandemie in modo coordinato».

Si richiede, allora, un «approccio onnicomprensivo e multisettoriale per rafforzare la capacità e la resilienza nazionali, regionali e globali».

Tra i firmatari, figurano il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, Boris Johnson (Regno Unito), Angela Merkel (Germania), Emmanuel Macron (Francia) e Pedro Sánchez (Spagna). Mancano grandi Paesi come Stati Uniti d’America, Cina, India, Russia e
Brasile.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I fumatori rischiano più degli altri di ammalarsi di Covid-19?
È una domanda che chiunque abbia il vizio o l’abitudine a consumare sigarette si sarà fatto almeno una volta durante questo anno di pandemia. La risposta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Origine virus, team Oms a Wuhan: «Servono ulteriori studi, ma laboratorio ipotesi meno probabile»
Arriva il primo report della missione Oms in Cina per trovare l'origine della pandemia. Ancora molti gli interrogativi, ma l'ipotesi di laboratorio sembra la meno indicata
Covid-19, l’OMS boccia l’idrossiclorochina: «Ricerca si concentri su altri farmaci»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità: «No ad uso in prevenzione: non evita l’infezione e non riduce ricoveri e decessi»
Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»
La missione Oms in Cina finisce dopo quattro settimane di ricerche. Il team definisce "estremamente improbabile" l'origine in laboratorio, tornando sull'ipotesi zoonotica. Ma sull'animale ospite ci sono ancora dubbi
Perché un anno fa nessuno ha ascoltato l’Oms?
Era il 30 gennaio 2020 quando l'Oms dichiarò l'emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Eppure nessun Paese ha implementato misure finché non è stato "troppo tardi"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...