Sanità internazionale 30 Marzo 2021 12:05

Un trattato internazionale per prepararci alle prossime emergenze sanitarie

L’appello è stato firmato dai leader di 25 Paesi del mondo: «Rafforzare la capacità e la resilienza nazionali, regionali e globali. Nessuno può farcela da solo»

Un trattato internazionale per prepararci alle prossime emergenze sanitarie

Un trattato internazionale per prepararsi a rispondere nel migliore dei modi alle prossime pandemie. La richiesta arriva da 25 Capi di Stato e di Governo, tra cui il Presidente del Consiglio italiano Mario Draghi, e dalle agenzie internazionali, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’obiettivo? «Costruire un’architettura globale più robusta che protegga le future generazioni», perché «ci saranno altre pandemie e altre importanti emergenze sanitarie cui nessun governo saprà rispondere da solo. La domanda non è se, ma quando» si verificherà nuovamente un evento simile a quello cui stiamo assistendo in questi mesi.

«La pandemia da Covid-19 ci ha insegnato che nessuno è al sicuro finché tutti sono al sicuro – continuano i leader nell’articolo di commento alla proposta -. Dobbiamo quindi lavorare insieme per prevedere, prevenire, rilevare, valutare e rispondere efficacemente alle pandemie in modo coordinato».

Si richiede, allora, un «approccio onnicomprensivo e multisettoriale per rafforzare la capacità e la resilienza nazionali, regionali e globali».

Tra i firmatari, figurano il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, Boris Johnson (Regno Unito), Angela Merkel (Germania), Emmanuel Macron (Francia) e Pedro Sánchez (Spagna). Mancano grandi Paesi come Stati Uniti d’America, Cina, India, Russia e
Brasile.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La doppia dose di AstraZeneca è meno efficace del mix con altri vaccini?
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe inoltre «plausibile il nesso tra AstraZeneca e casi di trombosi»
Variante Delta, OMS: «Nessun calo significativo della protezione dei vaccini da esiti gravi»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda che è «già previsto che si verifichi una quota di casi anche fra vaccinati»
Nel 2020 23 milioni di bambini non hanno ricevuto i vaccini di routine. L’allarme Oms-Unicef
23 milioni di bambini hanno saltato almeno una dose di un vaccino di base nel 2020, 17 milioni probabilmente non ne hanno ricevuta nemmeno una. Oms e Unicef chiedono ai paesi di tornare a impegnarsi per evitare focolai multipli
Mi sono vaccinato e non ho avuto effetti collaterali, vuol dire che il vaccino non ha funzionato?
Esiste una correlazione tra effetti collaterali e risposta immunitaria? Ecco cosa dice l'Organizzazione Mondiale della Sanità
In Africa, Asia e America Latina risalgono i contagi. Oms chiede di non dimenticare gli altri paesi
Mentre Europa e Usa si stabilizzano Africa, Indonesia e Colombia fissano nuovi record e affrontano la terza ondata. L'Oms lancia l'allarme vaccini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco