Sanità internazionale 4 Gennaio 2016 15:55

Sanità internazionale

I falsi miti duri a morire

Molte idee riguardanti la biologia ed il comportamento umano resistono tra le persone – compresi gli scienziati – nonostante l’evidenza scientifica ne abbia dimostrato l’infondatezza. Gli scienziati dovrebbero lavorare per demolire i falsi miti esistenti, ma al tempo stesso devono evitare che ne nascano altri. Come? Capendo innanzitutto il motivo per cui prendono piede e perché diventano così radicati e persistenti. Alcune dicerie pericolose sono state sfatate, ma altre continuano a circolare danneggiando le persone, causando sprechi di denaro, infangando le scoperte scientifiche – o semplicemente facendo innervosire gli scienziati. La rivista Nature ha effettuato un sondaggio tra medici e ricercatori per sapere quali falsi miti della sanità trovano più frustranti. Ecco cosa è emerso.

1) I vaccini causano l’autismo: nonostante alcuni effetti collaterali associati ai vaccini, la connessione con i disordini neurologici è stata demolita molto tempo fa.

2) I meccanismi di funzionamento del paracetamolo sono conosciuti: nonostante sia largamente usato, ci sono solo indizi su come questo ed altri comuni principi attivi agiscano.
3) Il cervello è separato dal sistema immunitario: il cervello ha le sue proprie cellule immunitarie, e di recente è stato scoperto un sistema linfatico che lo connette al sistema immunitario del corpo.
Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...