Sanità internazionale 26 Gennaio 2016

Sanità internazionale

“Giovani medici di tutto il mondo, unitevi!” 

Con il termine ingannevole ‘Giovani medici’ o ‘Junior Doctors’, s’intendono tutti i medici che non hanno ancora completato il percorso di specializzazione. Un periodo che va dai cinque ai sette/otto anni dal conseguimento della laurea, e che prevede tirocini diversificati a seconda delle strade che si intende intraprendere. Si tratta quindi di una componente fondamentale della sanità pubblica di ogni Paese. Eppure in alcuni Paesi UE si sentono l’ultima ruota del carro della sanità. Ad esempio, nel Regno Unito, dei 55mila giovani medici britannici, circa 37mila (il 67%) sono iscritti alla BMA (British Medical Association) il sindacato di categoria dei medici, che ha organizzato lo sciopero del 12 gennaio scorso e programmato il successivo in data odierna, 26 gennaio 2016, sospeso in seguito per via di consultazioni in essere con il Governo in materia di contratto. Infatti, alla base della protesta, c’è la volontà del Governo di modificare i loro orari di lavoro (e le relative retribuzioni) in un modo che i medici considerano inaccettabile: significativa riduzione delle ore considerate “straordinarie” senza aumento di stipendio, e avanzamento di carriera non più legato all’anzianità ma alla formazione extra. Sul sito del SNJMG, il Sindacato nazionale dei giovani medici di base francesi (Syndicat National des Jeunes Médecins Généralistes) si legge il sostegno totale per i fratelli d’Oltremanica, mentre i colleghi italiani annunciano altre due date di sciopero continuativo, dopo quella del 16 dicembre scorso: il 17 e il 18 marzo 2016 la sanità del belpaese si bloccherà nuovamente, e stavolta per ben 48 ore. Nel palesare il generale malcontento, vogliono ribadire il loro ‘no’ ai tagli delle prestazioni erogate ai cittadini e “all’indifferenza del governo ai problemi della Sanità”.

Articoli correlati
Giovani medici, Anelli (FNOMCeO): «Subito 10mila borse di studio e rinnovo contratti»
Il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini spiega ai nostri microfoni quali sono i provvedimenti da prendere oggi per evitare, un domani, il tracollo del Ssn
di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Specializzandi, Massimo Minerva (ALS): «Negli ultimi anni perse 900 borse: 90 milioni che non vengono riutilizzati»
«Contrastare l'imbuto formativo aumentando le borse - medicina generale e specializzazione - recuperare quelle perse negli anni e modificare il decreto Fedeli per l'abilitazione all'esercizio della professione medico-chirurgica». Queste le indicazioni del presidente dell'Associazione liberi specializzandi
Carenza medici, Bonsignore (Giovani Fnomceo): «Regioni investano in formazione, altro che assumere camici bianchi dall’estero o richiamarli dalla pensione»
Tra le tematiche emerse durante gli Stati Generali del giovane medico è l’assoluta necessità di salvaguardare il numero che «non deve essere "chiuso" bensì programmato in base alle esigenze del SSN da qui ai prossimi anni». Queste le considerazioni del coordinatore dell’Osservatorio Giovani medici Fnomceo a Sanità Informazione
Giovani medici, Emanuele Spina (Sigm): «Risolvere imbuto formativo e lavorativo con una presa in carico globale dei problemi»
«Tutti i laureati in medicina devono poter accedere alla formazione e poi al mondo del lavoro - ha dichiarato a Sanità Informazione il Presidente del Segretariato italiano giovani medici– siamo favorevoli all’apertura dei concorsi agli specializzandi all’ultimo anno»
Stati generali del giovane medico, Di Silverio (Anaao): «Si apra tavolo serio per salvare SSN»
Tra i punti proposti dal sindacato, la partecipazione delle Regioni alla spesa per formare i medici e la collaborazione di università e ospedali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...