Sanità internazionale 23 febbraio 2016

Sanità internazionale 

Bene i “Caschi bianchi”. Ora la formazione internazionale

Una buona notizia arriva con la creazione di squadre e procedure internazionali per affrontare le pandemie. Ideato e realizzato in stretta collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il Corpo medico europeo rappresenta il nuovo strumento comunitario per fronteggiare le emergenze interne ed esterne attraverso una più rapida mobilitazione di équipe di medici e operatori sanitari e di attrezzature. Questo perché in un passato ancora molto recente, l’epidemia di Ebola ha messo in luce la carenza di personale medico addestrato da inviare rapidamente sui luoghi delle emergenze sanitarie. L’idea nacque a fine 2014, quando Francia e Germania promossero l’iniziativa “Caschi bianchi”, che oggi trova applicazione nel Corpo sanitario europeo: squadre mediche, gruppi di esperti in sanità pubblica, laboratori mobili di biosicurezza, capacità di evacuazione medica, esperti in sorveglianza e coordinamento sanitario, unità di supporto logistico. Il momento è decisamente azzeccato, dato che la rapida diffusione a livello globale di un’altra epidemia fa crescere la preoccupazione generale: quella causata dal virus Zika. Infatti, il Corpo medico europeo sarà parte anche della “Zika task force” voluta dall’OMS: un team di esperti istituito dal Global Virus Network, che raccoglie esperti virologi di fama internazionale di 35 centri di eccellenza in 26 nazioni. Task force di cui Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dell’Istituto per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, già membro attivo del GVN e in prima linea durante la lotta contro l’Ebola, è stato chiamato a fare parte come rappresentante esperto italiano. Marta Branca, Commissario straordinario dell’Inmi Spallanzani, nell’augurare a tutto il gruppo “Buon lavoro”, ha commentato: “Sono onorata che il nostro Istituto ancora una volta si attesti come risorsa a livello mondiale per le malattie infettive”. A questo punto per fronteggiare meglio le pandemie non resterebbe che istituire anche una rete di formazione d’eccellenza internazionale, più volte auspicata proprio dai vertici dello Spallanzani.

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...