Sanità internazionale 17 Novembre 2015 16:36

Sanità internazionale

Il dilemma tra qualità ed efficienza

Nove Clinical Commissioning Groups in Gran Bretagna (equivalenti delle nostre Asl) offrono premi in denaro ai medici di famiglia se evitano che i loro pazienti effettuino troppi esami a carico della sanità pubblica: ne parla un’inchiesta della rivista Pulse. In qualche caso il risparmio è raccomandato anche quando si deve accertare la presenza di un tumore; del resto, il National Health Service del premier Cameron punta a risparmiare decine di miliardi di sterline entro il 2020.
Per quanto le iniziative d’Oltremanica possano costituire un precedente inquietante per il nostro Ssn, c’è comunque una differenza forte per ora tra la via italiana all’appropriatezza – il decreto Lorenzin con i limiti alle prescrizioni diagnostiche – e quella rivelata dall’indagine inglese. Sostanzialmente il decreto Lorenzin  punta ad evitare che i cittadini si sottopongano, come talora accade, ad esami non necessari subendo effetti collaterali (esempio, raggi x) e comunque c’è da aspettarsi che qualora vengano negati esami indispensabili, i pazienti si mobiliterebbero con dei ricorsi.
La situazione in Francia è meno controversa, come spiega Serdar Dalkılıç, vice-presidente della Federazione europea dei medici dipendenti: «Secondo l’opinione dell’OMS, il Sistema Sanitario Nazionale francese è uno dei migliori: vanta fondi di previdenza sociale che finanziano il 75% della spesa sanitaria nazionale attraverso trattenute sui salari, mentre l’11% della spesa è sostenuta dai privati». Nonostante ciò, il sistema del terzo pagante, acclamato da cittadini francesi con il 63% di favorevoli, spaventa i medici francesi, preoccupati per il sovraccarico di compiti amministrativi e maggiori spese di gestione.

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...