Sanità internazionale 15 febbraio 2018

L’Oregon propone diritto all’assistenza sanitaria in Costituzione. Primo stato USA

L’Oregon potrebbe essere il primo stato degli USA ad introdurre il diritto alla sanità nella propria Costituzione. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato un emendamento costituzionale volto ad introdurre, per ogni residente dello stato, il diritto fondamentale ad un servizio sanitario appropriato e accessibile. La proposta approderà ora al Senato dello stato e, qualora venisse approvato, […]

L’Oregon potrebbe essere il primo stato degli USA ad introdurre il diritto alla sanità nella propria Costituzione. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato un emendamento costituzionale volto ad introdurre, per ogni residente dello stato, il diritto fondamentale ad un servizio sanitario appropriato e accessibile. La proposta approderà ora al Senato dello stato e, qualora venisse approvato, saranno i cittadini a decidere, esprimendo il proprio parere in un referendum costituzionale nel prossimo novembre.

Circa il 95% dei cittadini dell’Oregon ha già stipulato un’assicurazione sanitaria. I democratici hanno tentato di raggiungere il 100% di copertura, ma ora ritengono che, considerati i tentativi del Presidente Trump di cancellare la riforma sanitaria voluta da Obama, sia giunto il momento che a decidere siano gli elettori.

Il democratico Mitch Greenlick, 82 anni, sostiene con forza la proposta: «Sono molto orgoglioso del lavoro che è stato fatto negli ultimi 30 anni per rendere l’Oregon uno stato in cui solo il 5% della popolazione non è assicurato. Tuttavia, c’è ancora molto da fare. L’assistenza sanitaria è un diritto fondamentale e la mia speranza è che, un giorno, ogni cittadino dell’Oregon potrà contare sul diritto fondamentale all’assistenza sanitaria».

Al contrario, il repubblicano Cedric Hayden da un lato sostiene che l’accesso ad una sanità di qualità sia un bisogno di base, proprio come il cibo o l’acqua. Tuttavia, l’introduzione di un emendamento costituzionale potrebbe «cambiare radicalmente lo stato in un modo che ancora non conosciamo, e per me questo è incredibilmente rischioso».

L’Oregon è uno degli stati più liberali degli USA: è stato il primo ad introdurre delle tutele per gli immigrati clandestini e il primo a legalizzare il suicidio assistito per i malati terminali. L’introduzione del diritto all’assistenza sanitaria sarebbe una novità assoluta negli Stati Uniti. Alcuni stati considerano già da tempo la copertura sanitaria come universale, ma nessun riferimento in tal senso è mai stato approvato e inserito in una costituzione statale.

Articoli correlati
Perché gli USA hanno minacciato i Paesi favorevoli ad una risoluzione OMS sull’allattamento al seno
Gli Stati Uniti avrebbero provato a boicottare la risoluzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che incoraggia l‘allattamento al seno e limita il latte artificiale. A denunciare la vicenda è stato il New York Times, secondo il quale l’amministrazione USA avrebbe tentato di difendere gli interessi di aziende americane produttrici di latte artificiale, nonostante numerose ricerche abbiano […]
Per vivere più a lungo non bisogna cambiare dottore. Lo dimostra uno studio inglese
Andare dallo stesso medico ogni volta che si ha bisogno di un consulto aiuta a ridurre la mortalità. È un altro tassello che si aggiunge alla lunga lista di benefici che la continuità terapeutica assicura ai pazienti: dalla maggiore attenzione alla prevenzione e al rispetto delle prescrizioni del medico al minor numero di accessi d’emergenza […]
Bambini strappati alle famiglie al confine USA-Messico: la condanna della SIPPS
«La SIPPS non può rimanere indifferente di fronte al grido di dolore di bambini separati dai genitori appena varcato il confine e considerati erroneamente minori migranti non accompagnati, come sta avvenendo nella zona tra il Messico e gli Stati Uniti». E’ quanto dichiara il Dottor Leo Venturelli, membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di […]
USA, la sanità sarà decisiva per le elezioni di metà mandato di novembre
La sanità avrà un ruolo fondamentale nelle elezioni americane di metà mandato del prossimo novembre. A rivelarlo, un sondaggio dell’HuffingtonPost/YouGov, secondo il quale per il 30% degli elettori la sanità è il settore ritenuto più importante per l’esito delle prossime elezioni. A seguire, economia, armi e immigrazione. Una buona notizia per i Democratici, visto che la […]
Siria, OMS: «500 persone con segni di esposizione ad armi chimiche». USA pronti a colpire Assad
L'Organizzazione Mondiale della Sanità esprime «profondo allarme» per il sospetto utilizzo di armi chimiche nell'attacco di sabato scorso nella città di Douma a Ghouta Est. Trump promette di far pagare «un caro prezzo» ai responsabili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...