Sanità internazionale 15 Febbraio 2018

L’Oregon propone diritto all’assistenza sanitaria in Costituzione. Primo stato USA

L’Oregon potrebbe essere il primo stato degli USA ad introdurre il diritto alla sanità nella propria Costituzione. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato un emendamento costituzionale volto ad introdurre, per ogni residente dello stato, il diritto fondamentale ad un servizio sanitario appropriato e accessibile. La proposta approderà ora al Senato dello stato e, qualora venisse approvato, […]

L’Oregon potrebbe essere il primo stato degli USA ad introdurre il diritto alla sanità nella propria Costituzione. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato un emendamento costituzionale volto ad introdurre, per ogni residente dello stato, il diritto fondamentale ad un servizio sanitario appropriato e accessibile. La proposta approderà ora al Senato dello stato e, qualora venisse approvato, saranno i cittadini a decidere, esprimendo il proprio parere in un referendum costituzionale nel prossimo novembre.

Circa il 95% dei cittadini dell’Oregon ha già stipulato un’assicurazione sanitaria. I democratici hanno tentato di raggiungere il 100% di copertura, ma ora ritengono che, considerati i tentativi del Presidente Trump di cancellare la riforma sanitaria voluta da Obama, sia giunto il momento che a decidere siano gli elettori.

Il democratico Mitch Greenlick, 82 anni, sostiene con forza la proposta: «Sono molto orgoglioso del lavoro che è stato fatto negli ultimi 30 anni per rendere l’Oregon uno stato in cui solo il 5% della popolazione non è assicurato. Tuttavia, c’è ancora molto da fare. L’assistenza sanitaria è un diritto fondamentale e la mia speranza è che, un giorno, ogni cittadino dell’Oregon potrà contare sul diritto fondamentale all’assistenza sanitaria».

Al contrario, il repubblicano Cedric Hayden da un lato sostiene che l’accesso ad una sanità di qualità sia un bisogno di base, proprio come il cibo o l’acqua. Tuttavia, l’introduzione di un emendamento costituzionale potrebbe «cambiare radicalmente lo stato in un modo che ancora non conosciamo, e per me questo è incredibilmente rischioso».

L’Oregon è uno degli stati più liberali degli USA: è stato il primo ad introdurre delle tutele per gli immigrati clandestini e il primo a legalizzare il suicidio assistito per i malati terminali. L’introduzione del diritto all’assistenza sanitaria sarebbe una novità assoluta negli Stati Uniti. Alcuni stati considerano già da tempo la copertura sanitaria come universale, ma nessun riferimento in tal senso è mai stato approvato e inserito in una costituzione statale.

Articoli correlati
Sigarette elettroniche, Trump vuole vietarle: «Siamo di fronte a vero e proprio dramma»
Negli USA sono saliti a 6 i morti per insufficienza polmonare. Il ministro della Sanità, Alex Azar: «È un'epidemia»
Puglia, Anelli (OMCeO Bari) plaude i medici: «La buona sanità pugliese cammina sulle loro gambe»
«Le due bambine salvate dai medici dell’Ospedale Giovanni XXIII di Bari sono l’esempio di come la qualità dell’assistenza sanitaria che la nostra regione può offrire, insieme alla passione e alla dedizione dei suoi medici, non sono seconde a nessuno». Così Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei medici di Bari, commenta i casi recenti delle due bambine […]
Alzheimer, sbarca negli Stati Uniti il primo kit per la diagnosi precoce
Ogni anno 9,9 milioni di nuovi casi della malattia. Nel mese dedicato dall’Organizzazione mondiale della sanità all’auto-cura, via al programma che permette di diagnosticare la presenza di fattori di rischio della malattia tra cui il Rame Libero
di Federica Bosco
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Infezioni ospedaliere, Bartoletti (Fimmg): «Riorganizzare e potenziare assistenza sanitaria sul territorio»
Il vicesegretario nazionale della Fimmg denuncia le condizioni strutturali degli ospedali italiani e auspica nuovi modelli organizzativi dell’assistenza per prevenire le infezioni: «Se nei Pronto soccorso ci sono anziani che rimangono lì per giorni, la contaminazione batterica diventa certezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali