Sanità internazionale 15 Febbraio 2018

L’Oregon propone diritto all’assistenza sanitaria in Costituzione. Primo stato USA

L’Oregon potrebbe essere il primo stato degli USA ad introdurre il diritto alla sanità nella propria Costituzione. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato un emendamento costituzionale volto ad introdurre, per ogni residente dello stato, il diritto fondamentale ad un servizio sanitario appropriato e accessibile. La proposta approderà ora al Senato dello stato e, qualora venisse approvato, […]

L’Oregon potrebbe essere il primo stato degli USA ad introdurre il diritto alla sanità nella propria Costituzione. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato un emendamento costituzionale volto ad introdurre, per ogni residente dello stato, il diritto fondamentale ad un servizio sanitario appropriato e accessibile. La proposta approderà ora al Senato dello stato e, qualora venisse approvato, saranno i cittadini a decidere, esprimendo il proprio parere in un referendum costituzionale nel prossimo novembre.

Circa il 95% dei cittadini dell’Oregon ha già stipulato un’assicurazione sanitaria. I democratici hanno tentato di raggiungere il 100% di copertura, ma ora ritengono che, considerati i tentativi del Presidente Trump di cancellare la riforma sanitaria voluta da Obama, sia giunto il momento che a decidere siano gli elettori.

Il democratico Mitch Greenlick, 82 anni, sostiene con forza la proposta: «Sono molto orgoglioso del lavoro che è stato fatto negli ultimi 30 anni per rendere l’Oregon uno stato in cui solo il 5% della popolazione non è assicurato. Tuttavia, c’è ancora molto da fare. L’assistenza sanitaria è un diritto fondamentale e la mia speranza è che, un giorno, ogni cittadino dell’Oregon potrà contare sul diritto fondamentale all’assistenza sanitaria».

Al contrario, il repubblicano Cedric Hayden da un lato sostiene che l’accesso ad una sanità di qualità sia un bisogno di base, proprio come il cibo o l’acqua. Tuttavia, l’introduzione di un emendamento costituzionale potrebbe «cambiare radicalmente lo stato in un modo che ancora non conosciamo, e per me questo è incredibilmente rischioso».

L’Oregon è uno degli stati più liberali degli USA: è stato il primo ad introdurre delle tutele per gli immigrati clandestini e il primo a legalizzare il suicidio assistito per i malati terminali. L’introduzione del diritto all’assistenza sanitaria sarebbe una novità assoluta negli Stati Uniti. Alcuni stati considerano già da tempo la copertura sanitaria come universale, ma nessun riferimento in tal senso è mai stato approvato e inserito in una costituzione statale.

Articoli correlati
Origine coronavirus, pesanti accuse tra USA e Cina. Trump: «Prove di errori e ritardi». Pechino: «Falsità»
E così quelle che erano nate come teorie complottiste sull’origine del virus arrivano ad occupare la scena della geopolitica internazionale. Maggio si è infatti aperto con un duro scambio di accuse tra l’amministrazione statunitense ed il colosso cinese, all’ombra di una guerra commerciale che sembrava essersi sopita e di una campagna presidenziale che entra sempre […]
Coronavirus, Andreoni (Tor Vergata): «Iniezioni disinfettante per sconfigger virus? Inizi prima Trump»
Il primario del reparto di Malattie infettive del policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) risponde così all'idea del Presidente degli Stati Uniti: «Una persona così autorevole deve fare molta attenzione ai messaggi che lancia, soprattutto quando possono rivelarsi letali»
Coronavirus, Trump congela finanziamenti all’Oms. Guterres (Onu): «Non è il momento dei bilanci»
Il presidente americano annuncia la sospensione dei fondi destinati all'Organizzazione mondiale della Sanità per un periodo tra i 60 e i 90 giorni. Il motivo? Aver «sottostimato la portata dell’epidemia e portato avanti la disinformazione della Cina riguardo al Coronavirus». Le reazioni internazionali
Emergenza Covid-19 negli USA, Anthony Fauci rischia il licenziamento. L’appello di Ippolito (Spallanzani): «Sarebbe un disastro»
Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, scrive alle istituzioni. Secondo la stampa, Fauci rischia di essere estromesso dal Presidente Trump dalla task force incaricata di gestire l’emergenza Covid-19 negli USA
Dal remdesivir alla clorochina, la “mappa della speranza” contro il Covid19
Non c’è solo il tocilizumab: tanti i farmaci su cui si punta per contrastare l’infezione da coronavirus, in primis gli antivirali. Potrebbero essere autorizzati nel giro di qualche mese. Per i vaccini si punta sull’anticorpo 47D11 allo studio in Germania. Ne abbiamo parlato con la farmacologa e deputata M5S Angela Ianaro: «Sono stati individuati tutti i possibili target sia nell’ambito della replicazione virale che in quello dei meccanismo di entrata e di uscita del virus dalla cellula»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...