Sanità internazionale 10 luglio 2017

OMS Al G20: «Prossima epidemia sarà doppia: una causata dal virus, l’altra dalla paura»

Per la prima volta un summit importante come il G20 ha affrontato temi legati alla salute. All’incontro di Amburgo dei giorni scorsi era quindi presente anche il nuovo Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom, che, nel suo discorso, ha illustrato ai potenti della terra le priorità da affrontare per evitare l’insorgere di nuove […]

Per la prima volta un summit importante come il G20 ha affrontato temi legati alla salute. All’incontro di Amburgo dei giorni scorsi era quindi presente anche il nuovo Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom, che, nel suo discorso, ha illustrato ai potenti della terra le priorità da affrontare per evitare l’insorgere di nuove pandemie ed emergenze sanitarie e quindi risparmiare non solo molte vite umane ma anche molto denaro: «Non sappiamo né dove né quando scoppierà la prossima pandemia, ma causerà un numero alto di vite e di spese: senza parlare delle sofferenze causate alle persone, le perdite economiche saranno pari a miliardi, se teniamo conto della perdita del turismo, della fiducia dei consumatori, dei problemi e delle sfide politiche. Saranno due le epidemie: una causata dal virus, una dalla paura». Ecco perché è importante prevenire queste emergenze, partendo dalle radici del problema: il mancato accesso delle persone più vulnerabili alle cure, soprattutto primarie. «La copertura sanitaria globale e la sicurezza sanitaria sono due facce della stessa medaglia. Quest’anno nel mondo 400 milioni di persone, per lo più in situazioni di povertà, non hanno accesso alle cure. Sistemi sanitari forti rappresentano non solo la nostra migliore difesa ma saranno anche essenziali per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile».

Sono quattro le strade da percorrere per affrontare queste sfide secondo Adhanom: «Finanziamenti sostenibili per la sicurezza sanitaria globale per prevenire, rilevare ed affrontare le minacce emergenti, che siano naturali o causate dall’uomo; classificare e localizzare tutte le capacità e le abilità presenti nei Paesi del mondo ed utilizzarle in modo coordinato per aiutarci a vicenda ad andare avanti e a rafforzare la nostra prontezza di azione; supportare l’obiettivo della copertura sanitaria universale in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile, l’unica soluzione strategica per prevenire le epidemie ed offrire cure di qualità alle nostre popolazioni, rafforzando i sistemi sanitari statali, soprattutto nelle parti del mondo più fragili e vulnerabili; e infine, dare priorità all’implementazione di nuove misure mediche attraverso il progetto di ricerca e sviluppo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Affrontare queste priorità costerà denaro, che però rappresenterà una frazione molto piccola rispetto a quanto sarebbe necessario spendere se si rimanesse impreparati». Il dato riportato riguarda l’epidemia di SARS, costata circa 60 milioni di dollari all’economia mondiale: «Abbiamo vissuto l’aviaria e Zika; stiamo assistendo al ritorno del colera e della febbre gialla. L’Organizzazione Mondiale della Sanità rileva circa 3000 segnali al mese che potrebbero evolversi in emergenze sanitarie, ma il mondo ne conosce una percentuale quasi irrilevante».

Infine, Adhanom ha sottolineato: «I virus non conoscono e non rispettano i confini né gli interessi nazionali. La vulnerabilità di uno stato porta quindi alla vulnerabilità di tutti. La facilità e la velocità dei viaggi aerei poi comporta il rischio della diffusione in tutto il mondo di agenti patogeni nel giro di qualche ora. Ecco perché è necessaria una risposta globale forte per far fronte a queste situazioni, che non siamo abbastanza pronti da affrontare. L’OMS è pronto ad interpretare il suo ruolo di guida, ma insieme abbiamo la responsabilità di rendere il mondo un posto più salutare e più sicuro».

Per leggere il discorso integrale del Direttore Generale, visita il sito dell’OMS.

 

Articoli correlati
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»
L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»
Influenza, Calabrese (FIMMG): «Vaccino unico strumento di prevenzione valido. Picco previsto per fine dicembre»
«Tra i soggetti più deboli le complicanze sono maggiormente frequenti», sottolinea il vicesegretario nazionale della Federazione dei Medici di Medicina Generale che consiglia: «Non frequentare luoghi affollati e lavarsi accuratamente le mani in qualsiasi situazione, soprattutto - ha concluso Calabrese - ogni qual volta si entra in contatto con altre persone»
di Isabella Faggiano
Antibiotico-resistenza, nuovo test per distinguere le infezioni batteriche da quelle virali
Infezioni virali e infezioni batteriche Distinguere rapidamente un’infezione virale da un’infezione batterica offrendo al medico la risposta sul trattamento corretto e adeguato da somministrare al paziente. Questa la novità rappresentata da un nuovo erivoluzionario test che consente di stabilire, attraverso la risposta del sistema immunitario all’infezione, se necessario ricorrere all’uso di antibiotici. Obiettivo è quello […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...