Sanità internazionale 10 luglio 2017

OMS Al G20: «Prossima epidemia sarà doppia: una causata dal virus, l’altra dalla paura»

Per la prima volta un summit importante come il G20 ha affrontato temi legati alla salute. All’incontro di Amburgo dei giorni scorsi era quindi presente anche il nuovo Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom, che, nel suo discorso, ha illustrato ai potenti della terra le priorità da affrontare per evitare l’insorgere di nuove […]

Per la prima volta un summit importante come il G20 ha affrontato temi legati alla salute. All’incontro di Amburgo dei giorni scorsi era quindi presente anche il nuovo Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom, che, nel suo discorso, ha illustrato ai potenti della terra le priorità da affrontare per evitare l’insorgere di nuove pandemie ed emergenze sanitarie e quindi risparmiare non solo molte vite umane ma anche molto denaro: «Non sappiamo né dove né quando scoppierà la prossima pandemia, ma causerà un numero alto di vite e di spese: senza parlare delle sofferenze causate alle persone, le perdite economiche saranno pari a miliardi, se teniamo conto della perdita del turismo, della fiducia dei consumatori, dei problemi e delle sfide politiche. Saranno due le epidemie: una causata dal virus, una dalla paura». Ecco perché è importante prevenire queste emergenze, partendo dalle radici del problema: il mancato accesso delle persone più vulnerabili alle cure, soprattutto primarie. «La copertura sanitaria globale e la sicurezza sanitaria sono due facce della stessa medaglia. Quest’anno nel mondo 400 milioni di persone, per lo più in situazioni di povertà, non hanno accesso alle cure. Sistemi sanitari forti rappresentano non solo la nostra migliore difesa ma saranno anche essenziali per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile».

Sono quattro le strade da percorrere per affrontare queste sfide secondo Adhanom: «Finanziamenti sostenibili per la sicurezza sanitaria globale per prevenire, rilevare ed affrontare le minacce emergenti, che siano naturali o causate dall’uomo; classificare e localizzare tutte le capacità e le abilità presenti nei Paesi del mondo ed utilizzarle in modo coordinato per aiutarci a vicenda ad andare avanti e a rafforzare la nostra prontezza di azione; supportare l’obiettivo della copertura sanitaria universale in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile, l’unica soluzione strategica per prevenire le epidemie ed offrire cure di qualità alle nostre popolazioni, rafforzando i sistemi sanitari statali, soprattutto nelle parti del mondo più fragili e vulnerabili; e infine, dare priorità all’implementazione di nuove misure mediche attraverso il progetto di ricerca e sviluppo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Affrontare queste priorità costerà denaro, che però rappresenterà una frazione molto piccola rispetto a quanto sarebbe necessario spendere se si rimanesse impreparati». Il dato riportato riguarda l’epidemia di SARS, costata circa 60 milioni di dollari all’economia mondiale: «Abbiamo vissuto l’aviaria e Zika; stiamo assistendo al ritorno del colera e della febbre gialla. L’Organizzazione Mondiale della Sanità rileva circa 3000 segnali al mese che potrebbero evolversi in emergenze sanitarie, ma il mondo ne conosce una percentuale quasi irrilevante».

Infine, Adhanom ha sottolineato: «I virus non conoscono e non rispettano i confini né gli interessi nazionali. La vulnerabilità di uno stato porta quindi alla vulnerabilità di tutti. La facilità e la velocità dei viaggi aerei poi comporta il rischio della diffusione in tutto il mondo di agenti patogeni nel giro di qualche ora. Ecco perché è necessaria una risposta globale forte per far fronte a queste situazioni, che non siamo abbastanza pronti da affrontare. L’OMS è pronto ad interpretare il suo ruolo di guida, ma insieme abbiamo la responsabilità di rendere il mondo un posto più salutare e più sicuro».

Per leggere il discorso integrale del Direttore Generale, visita il sito dell’OMS.

 

Articoli correlati
Aids, vaccino italiano abbatte il 90% del virus
Lo studio è condotto in otto centri clinici in Italia e presenta i dati del monitoraggio clinico a lungo termine di 92 volontari vaccinati del precedente studio clinico condotto dall'Iss.
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Allattamento materno, vitale per la salute dei bambini. Grillo: «È importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di sostegno»
Numeri ancora bassi: 41% lo pratica, auspicabile arrivare al 50%. Ministro Grillo: «Allattare al seno è importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di consapevolezza e sostegno»
di Lucia Oggianu
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
Il primo rapporto OMS sulla salute di migranti e rifugiati, che non portano malattie
Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...