Sanità internazionale 9 ottobre 2018

La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»

«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]

Immagine articolo

«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe successo se. Il dramma di un bambino nato malato, il coraggio di un padre di assumersi il rischio di lasciare il proprio lavoro, l’occasione di dare una sterzata improbabile alla propria carriera, cambiando del tutto traiettoria per inseguire il sogno che da bambino teneva nel cassetto: indossare il camice bianco.

LEGGI ANCHE: «HO 60 ANNI E VOGLIO FARE IL MEDICO». STORIA NON COMUNE DI UN ASPIRANTE CAMICE BIANCO

«Sin dai primi giorni di vita di mio figlio – racconta Mark – era chiaro che avremmo affrontato molte sfide complesse. Non riesco nemmeno a raccontare lo stress fisico ed il turbamento emotivo di quelle settimane. L’unica costante era la gentilezza e la compassione mostrata dalla squadra di medici e infermieri che cercava di curare mio figlio».

Ed è proprio il costante e drammatico contatto con il personale sanitario che ha fatto riaccendere una passione da tempo sopita. «Quando mi sono ritrovato davanti all’entrata della facoltà di Medicina dell’ospedale, sono entrato e ho chiesto quale fosse l’età massima per iscriversi. Ho scoperto che non c’era e ho deciso di diventare un dottore. Non solo per mio figlio, in onore della meravigliosa assistenza che ha ricevuto nel suo breve ma difficile periodo di vita su questo mondo. Ma anche per me stesso, per continuare sempre a puntare più in alto, e non avere mai rimorsi».

Inizia quindi il suo periodo formativo all’interno del National Health Service britannico, a cui non era assolutamente preparato: «Non ho mai lavorato così tanto per guadagnare così poco e, la gran parte del tempo, con così poco supporto. Poche settimane dopo la laurea mi sono ritrovato spesso a dover affrontare da solo situazioni complicate, lavorando tre fine settimana su quattro, tenendo il cercapersone sempre acceso, all’improvviso responsabile di centinaia di pazienti, molti dei quali molto malati. Ho trovato faticoso – continua Mark – il passaggio da studente di medicina a medico e ammiravo continuamente la capacità dei miei colleghi più giovani, quasi tutti ventenni, di resistere alla pressione».

«Lavorare nel NHS negli ultimi quattro anni mi ha fatto capire quanto il sistema sanitario sia complesso, e le tantissime opportunità di miglioramento che offre. Non potrei essere più contento di potermi chiamare dottore. Nonostante gli orari infiniti, la mancanza di riposo e l’enorme carico di lavoro – conclude Mark -, mi rendo conto del privilegio di poter aiutare gli altri, come l’NHS ha aiutato, e continua ad aiutare, mio figlio. È la scelta migliore che abbia preso nella mia vita».

LEGGI ANCHE: AUTODIMISSIONI MEDICI, TURNI MASSACRANTI E POCO PERSONALE. LEONI (FNOMCEO): «ECCO PERCHÉ SI LASCIA L’OSPEDALE»

Articoli correlati
NHS, medici connessi 7 giorni su 7: l’assistenza in Inghilterra si fa ‘online’. Ecco come si combatte la Brexit
Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’. I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, […]
NHS, il piano di Theresa May: «L’obiettivo è diventare miglior sistema al mondo». E su Brexit: «Libererà fondi per pagare spese»
«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che […]
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Morbillo, nessun allarme di casi dall’Italia al Regno Unito
Il ministero della Salute – come da impegni presi dal ministro Giulia Grillo nel corso della recente conferenza stampa sul tema dei vaccini – attraverso la Direzione generale della prevenzione sanitaria, rende note le informazioni scambiate sui casi di morbillo nell’ultimo semestre tra il nostro Paese ed il Regno Unito (UK), per mezzo del sistema […]
I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari
I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone. Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...