Sanità internazionale 9 Ottobre 2018

La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»

«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]

Immagine articolo

«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe successo se. Il dramma di un bambino nato malato, il coraggio di un padre di assumersi il rischio di lasciare il proprio lavoro, l’occasione di dare una sterzata improbabile alla propria carriera, cambiando del tutto traiettoria per inseguire il sogno che da bambino teneva nel cassetto: indossare il camice bianco.

LEGGI ANCHE: «HO 60 ANNI E VOGLIO FARE IL MEDICO». STORIA NON COMUNE DI UN ASPIRANTE CAMICE BIANCO

«Sin dai primi giorni di vita di mio figlio – racconta Mark – era chiaro che avremmo affrontato molte sfide complesse. Non riesco nemmeno a raccontare lo stress fisico ed il turbamento emotivo di quelle settimane. L’unica costante era la gentilezza e la compassione mostrata dalla squadra di medici e infermieri che cercava di curare mio figlio».

Ed è proprio il costante e drammatico contatto con il personale sanitario che ha fatto riaccendere una passione da tempo sopita. «Quando mi sono ritrovato davanti all’entrata della facoltà di Medicina dell’ospedale, sono entrato e ho chiesto quale fosse l’età massima per iscriversi. Ho scoperto che non c’era e ho deciso di diventare un dottore. Non solo per mio figlio, in onore della meravigliosa assistenza che ha ricevuto nel suo breve ma difficile periodo di vita su questo mondo. Ma anche per me stesso, per continuare sempre a puntare più in alto, e non avere mai rimorsi».

Inizia quindi il suo periodo formativo all’interno del National Health Service britannico, a cui non era assolutamente preparato: «Non ho mai lavorato così tanto per guadagnare così poco e, la gran parte del tempo, con così poco supporto. Poche settimane dopo la laurea mi sono ritrovato spesso a dover affrontare da solo situazioni complicate, lavorando tre fine settimana su quattro, tenendo il cercapersone sempre acceso, all’improvviso responsabile di centinaia di pazienti, molti dei quali molto malati. Ho trovato faticoso – continua Mark – il passaggio da studente di medicina a medico e ammiravo continuamente la capacità dei miei colleghi più giovani, quasi tutti ventenni, di resistere alla pressione».

«Lavorare nel NHS negli ultimi quattro anni mi ha fatto capire quanto il sistema sanitario sia complesso, e le tantissime opportunità di miglioramento che offre. Non potrei essere più contento di potermi chiamare dottore. Nonostante gli orari infiniti, la mancanza di riposo e l’enorme carico di lavoro – conclude Mark -, mi rendo conto del privilegio di poter aiutare gli altri, come l’NHS ha aiutato, e continua ad aiutare, mio figlio. È la scelta migliore che abbia preso nella mia vita».

LEGGI ANCHE: AUTODIMISSIONI MEDICI, TURNI MASSACRANTI E POCO PERSONALE. LEONI (FNOMCEO): «ECCO PERCHÉ SI LASCIA L’OSPEDALE»

Articoli correlati
A Londra i numeri del Covid-19 non spaventano. Un cardiologo italiano racconta come viene gestita la pandemia
Francesco Logiudice: «Ospedali pronti per tempo, buoni margini in terapia intensiva. 70% dei pazienti curato a casa con paracetamolo, 30% in ospedale con ossigeno, tra 5 e 10% in terapia intensiva». E si inizia a pensare alla riapertura
di Federica Bosco
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Brexit, rapporto National Audit Office mette in guardia: fornitura medicinali a rischio con no deal
Con l’avvicinarsi del 31 ottobre, data prevista per la Brexit, non è chiaro se il sistema sanitario nazionale (Nhs) britannico riuscirà a gestire l’impatto di un possibile no-deal. È quanto sottolineato nel rapporto del National Audit Office, citato dal Guardian, secondo il quale ci sono ancora rischi dal momento che il Dipartimento della Salute ha […]
Regno Unito, l’annuncio di Boris Johnson: «1,8 miliardi di sterline alla sanità pubblica»
Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale. Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco