Sanità internazionale 25 Giugno 2018 16:48

I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari

I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone. Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono […]

I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari

I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone.

Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono essere soddisfatte anche da una farmacia. L’iniziativa si inserisce in uno scenario che vede studi e ambulatori di general practitioners sempre più affollati e, come rivelato da un sondaggio curato da Ipsos Mori Research Highlights, la disponibilità del 70% dei cittadini a pagare un ‘balzello’ per diminuire le visite inutili dal medico di famiglia e punire coloro che non si presentano all’appuntamento.

«Ai tempi dei nostri nonni si andava dal dottore solo in caso di vere malattie; oggi invece per problemi molto semplici», ha spiegato al Daily Mail Mike Foster del Gloucestershire Local Medical Committee, che ha avanzato la proposta, presentandola al governo anche come possibile nuova modalità per finanziare l’NHS. «Andare dal medico è diventata un’abitudine oramai, e introdurre un simile sistema potrebbe essere una freccia al nostro arco per migliorare i servizi dei medici di famiglia e nel frattempo far tornare molti pazienti ad aderire più spesso alla ricetta della nonna: letto, minestrina e riposo».

Immediata la reazione di alcuni gruppi di pazienti, secondo i quali invece una misura di questo genere porterebbe i pazienti più vulnerabili a non recarsi più dal medico di famiglia: «Chi non può permettersi di pagare un medico morirebbe senza motivo. Paghiamo già molto le assicurazioni e le tasse destinate al servizio sanitario nazionale. I medici dovrebbero richiedere soldi al governo, non ai loro pazienti».

Un’opinione in parte condivisa dal Royal College of General Practitioners, secondo il quale introdurre una tassa sarebbe complicato e aggiungerebbe un’ulteriore incombenza amministrativa ai medici di famiglia. «Una misura di questo genere si scontrerebbe con uno dei principi fondanti del NHS, ovvero la gratuità dell’assistenza in caso di bisogno – ha aggiunto la Professoressa Helen Stokes-Lampard, Presidente del Royal College dei medici di famiglia -. Rischierebbe di scoraggiare i pazienti a recarsi dal medico nelle prime fasi della malattia, quando questa può essere affrontata in modo più efficiente ed economico, invece di affidarsi ai costosi specialisti ospedalieri».

LEGGI ANCHE: UK, THERESA MAY “REGALA” 20 MILIARDI DI STERLINE PER I 70 ANNI DEL SERVIZIO SANITARIO GRAZIE ALLA BREXIT. E A PIÙ’ TASSE

Articoli correlati
Studio Uk, 30% di pazienti ricoverati per Covid torna in ospedale dopo 5 mesi. Il 12% muore
Secondo una ricerca pubblicata su MedrXive, in Inghilterra su 47mila ricoverati il 30% ha contratto malattie respiratorie dopo il ricovero. Percentuale più alta nei giovani e nelle minoranze etniche
Vaccini Covid, il Regno Unito ritarda i richiami. La scelta strategica fa discutere
Slittare le seconda dose fino a 12 settimane per vaccinare più persone possibile. Gli esperti si dividono: strategia azzardata o salvavita?
Covid-19, via libera a vaccino AstraZeneca/Oxford in Gran Bretagna
Il vaccino potrà essere somministrato a soggetti dai 18 anni in su. L'autorizzazione raccomanda la somministrazione di due dosi con un intervallo tra le quattro e le 12 settimane.
Covid-19, allerta in Gran Bretagna sui vaccini: stop per chi ha reazioni allergiche
Rasi (ex Direttore EMA): «Procedura UK su vaccino incauta ma rischi bassi»
Coronavirus, Regno Unito invia tamponi “arretrati” in Italia. Ma nessuno ne sa niente
I laboratori inglesi non riescono a tenere il passo. «Documenti trapelati rivelano un arretrato di 185.000 tamponi e test covid-19 inviati all'estero per l'elaborazione» rivela il Guardian
di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...