Sanità internazionale 25 giugno 2018

I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari

I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone. Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono […]

Immagine articolo

I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone.

Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono essere soddisfatte anche da una farmacia. L’iniziativa si inserisce in uno scenario che vede studi e ambulatori di general practitioners sempre più affollati e, come rivelato da un sondaggio curato da Ipsos Mori Research Highlights, la disponibilità del 70% dei cittadini a pagare un ‘balzello’ per diminuire le visite inutili dal medico di famiglia e punire coloro che non si presentano all’appuntamento.

«Ai tempi dei nostri nonni si andava dal dottore solo in caso di vere malattie; oggi invece per problemi molto semplici», ha spiegato al Daily Mail Mike Foster del Gloucestershire Local Medical Committee, che ha avanzato la proposta, presentandola al governo anche come possibile nuova modalità per finanziare l’NHS. «Andare dal medico è diventata un’abitudine oramai, e introdurre un simile sistema potrebbe essere una freccia al nostro arco per migliorare i servizi dei medici di famiglia e nel frattempo far tornare molti pazienti ad aderire più spesso alla ricetta della nonna: letto, minestrina e riposo».

Immediata la reazione di alcuni gruppi di pazienti, secondo i quali invece una misura di questo genere porterebbe i pazienti più vulnerabili a non recarsi più dal medico di famiglia: «Chi non può permettersi di pagare un medico morirebbe senza motivo. Paghiamo già molto le assicurazioni e le tasse destinate al servizio sanitario nazionale. I medici dovrebbero richiedere soldi al governo, non ai loro pazienti».

Un’opinione in parte condivisa dal Royal College of General Practitioners, secondo il quale introdurre una tassa sarebbe complicato e aggiungerebbe un’ulteriore incombenza amministrativa ai medici di famiglia. «Una misura di questo genere si scontrerebbe con uno dei principi fondanti del NHS, ovvero la gratuità dell’assistenza in caso di bisogno – ha aggiunto la Professoressa Helen Stokes-Lampard, Presidente del Royal College dei medici di famiglia -. Rischierebbe di scoraggiare i pazienti a recarsi dal medico nelle prime fasi della malattia, quando questa può essere affrontata in modo più efficiente ed economico, invece di affidarsi ai costosi specialisti ospedalieri».

LEGGI ANCHE: UK, THERESA MAY “REGALA” 20 MILIARDI DI STERLINE PER I 70 ANNI DEL SERVIZIO SANITARIO GRAZIE ALLA BREXIT. E A PIÙ’ TASSE

Articoli correlati
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Energy drink, in Inghilterra proposto divieto di vendita ai minori
Presto in Inghilterra la vendita di energy drink a bambini e ragazzi potrebbe essere vietata. Ad indirizzare il governo verso questa ipotesi, i rischi per la salute legati all’elevato consumo di caffeina e zucchero contenuti nelle bevande energizzanti. In particolare, preoccupa l’impatto che Red Bull & Co. possono avere sulla salute di denti, stomaco e […]
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Morbillo, nessun allarme di casi dall’Italia al Regno Unito
Il ministero della Salute attraverso la Direzione generale della prevenzione sanitaria, rende note le informazioni scambiate sui casi di morbillo nell’ultimo semestre tra il nostro Paese ed il Regno Unito
di Ministero della Salute
UK, Theresa May “regala” 20 miliardi di sterline per i 70 anni del servizio sanitario grazie alla Brexit. E a più tasse
Il Primo Ministro britannico intende mantenere la promessa sbandierata nella campagna elettorale per l’uscita dall’Unione Europea: i contributi al bilancio di Bruxelles saranno destinati al NHS. Ma per gli esperti i conti non tornano…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila