Sanità internazionale 25 Giugno 2018

I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari

I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone. Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono […]

Immagine articolo

I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone.

Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono essere soddisfatte anche da una farmacia. L’iniziativa si inserisce in uno scenario che vede studi e ambulatori di general practitioners sempre più affollati e, come rivelato da un sondaggio curato da Ipsos Mori Research Highlights, la disponibilità del 70% dei cittadini a pagare un ‘balzello’ per diminuire le visite inutili dal medico di famiglia e punire coloro che non si presentano all’appuntamento.

«Ai tempi dei nostri nonni si andava dal dottore solo in caso di vere malattie; oggi invece per problemi molto semplici», ha spiegato al Daily Mail Mike Foster del Gloucestershire Local Medical Committee, che ha avanzato la proposta, presentandola al governo anche come possibile nuova modalità per finanziare l’NHS. «Andare dal medico è diventata un’abitudine oramai, e introdurre un simile sistema potrebbe essere una freccia al nostro arco per migliorare i servizi dei medici di famiglia e nel frattempo far tornare molti pazienti ad aderire più spesso alla ricetta della nonna: letto, minestrina e riposo».

Immediata la reazione di alcuni gruppi di pazienti, secondo i quali invece una misura di questo genere porterebbe i pazienti più vulnerabili a non recarsi più dal medico di famiglia: «Chi non può permettersi di pagare un medico morirebbe senza motivo. Paghiamo già molto le assicurazioni e le tasse destinate al servizio sanitario nazionale. I medici dovrebbero richiedere soldi al governo, non ai loro pazienti».

Un’opinione in parte condivisa dal Royal College of General Practitioners, secondo il quale introdurre una tassa sarebbe complicato e aggiungerebbe un’ulteriore incombenza amministrativa ai medici di famiglia. «Una misura di questo genere si scontrerebbe con uno dei principi fondanti del NHS, ovvero la gratuità dell’assistenza in caso di bisogno – ha aggiunto la Professoressa Helen Stokes-Lampard, Presidente del Royal College dei medici di famiglia -. Rischierebbe di scoraggiare i pazienti a recarsi dal medico nelle prime fasi della malattia, quando questa può essere affrontata in modo più efficiente ed economico, invece di affidarsi ai costosi specialisti ospedalieri».

LEGGI ANCHE: UK, THERESA MAY “REGALA” 20 MILIARDI DI STERLINE PER I 70 ANNI DEL SERVIZIO SANITARIO GRAZIE ALLA BREXIT. E A PIÙ’ TASSE

Articoli correlati
Vaccinazioni adulti, Maio(FIMMG): «Medico di famiglia è primo front office per il paziente»
Sulle fake news riguardanti i vaccini, il Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG, Tommasa Maio sottolinea: «Pazienti ascoltino fonti attendibili»
Studio rivela: visite dal medico di famiglia allungano la vita. Fiorenzo Corti (FIMMG): «Camici bianchi devono poter compilare un piano assistenziale individuale»
Il vicesegretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale commenta la ricerca pubblicata su BMC Medicine secondo cui i pazienti con malattie a lungo termine che hanno saltato due o più appuntamenti l'anno vedevano aumentare di tre volte il rischio di morte (per qualsiasi tipo di malattia) nei mesi successivi
NHS, medici connessi 7 giorni su 7: l’assistenza in Inghilterra si fa ‘online’. Ecco come si combatte la Brexit
Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’. I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, […]
NHS, il piano di Theresa May: «L’obiettivo è diventare miglior sistema al mondo». E su Brexit: «Libererà fondi per pagare spese»
«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che […]
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...