Sanità internazionale 30 Aprile 2019 09:00

Marocco, i medici scioperano per quattro giorni contro stipendi bassi e condizioni di lavoro precarie

I medici marocchini hanno proclamato quattro giorni di sciopero per chiedere stipendi più alti e migliori condizioni di lavoro. Hanno iniziato lunedì, quando si sono riuniti a Rabat sotto le bandiere del sindacato indipendente dei medici del settore pubblico (SIMSP) e hanno manifestato insieme a farmacisti e dentisti davanti al ministero della Salute e al […]

Marocco, i medici scioperano per quattro giorni contro stipendi bassi e condizioni di lavoro precarie

I medici marocchini hanno proclamato quattro giorni di sciopero per chiedere stipendi più alti e migliori condizioni di lavoro. Hanno iniziato lunedì, quando si sono riuniti a Rabat sotto le bandiere del sindacato indipendente dei medici del settore pubblico (SIMSP) e hanno manifestato insieme a farmacisti e dentisti davanti al ministero della Salute e al Parlamento del Marocco. Fatti salvi i servizi di emergenza, i camici bianchi incrociano le braccia anche martedì, giovedì e venerdì.

Le proteste organizzate dalla SIMSP sono cominciate lo scorso dicembre, quando il ministro della Salute ha accolto alcune richieste del sindacato relative alle condizioni di lavoro, ma da allora pare che nulla sia cambiato.

«Non abbiamo visto alcun intervento positivo da parte del Ministro o del governo, che continuano ad ignorare i motivi delle nostre rivendicazioni. Siamo determinati a continuare questa battaglia», ha scritto la SIMSP.

Come riportato dalla stampa locale, i medici vorrebbero che i loro stipendi venissero calcolati tramite un indice che riconosca gli oltre otto anni di studio necessari per ottenere la laurea, mentre il sistema utilizzato attualmente riconosce solo cinque anni di formazione. Manifestano anche contro quella che è stata definita “anarchia chirurgica”: a causa della carenza di risorse, gli interventi non rispettano gli standard clinici ed i parametri di sicurezza.

Vogliono inoltre un’indagine sui professionisti che si sono dimessi in massa per protestare contro le condizioni di lavoro. La scorsa settimana, 120 medici della Regione centrale del Marocco si sono dimessi a causa delle «condizioni catastrofiche in cui riversa la sanità pubblica». Due settimane fa, hanno abbandonato il proprio posto oltre 300 camici bianchi della regione del Nord, parlando del «deterioramento del sistema sanitario della Regione» e dell’«assenza di condizioni di lavoro adeguate negli ospedali pubblici». Una situazione che va avanti da lungo tempo: lo scorso ottobre, ad esempio, si sono dimessi 200 medici in diverse province del Paese. Può essere che siano andati a lavorare all’estero, Italia compresa?

LEGGI ANCHE: MEDICI STRANIERI IN CORSIA, LEONI (CIMO VENETO): «DIFFICILE CHE ACCETTINO QUESTE CONDIZIONI ECONOMICHE. PREFERISCONO ALTRI PAESI» 

Articoli correlati
Sanità privata, la protesta di Cgil, Cisl e Uil: «Firma entro pochi giorni o sciopero generale»
Presidio di decine di lavoratori davanti alla Camera dei deputati: tra gli slogan «contratto subito» e «padroni predoni». Landini (Cgil): «Firmare il contratto vuol dire riconoscere il lavoro delle persone e mettere al centro la salute dei cittadini». Bombardieri (Uil): «Se non si rinnovano i contratti, lo scontro sarà inevitabile». Ai manifestanti la solidarietà del vicesegretario dem Andrea Orlando
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Cimop in Conferenza Regioni, confermato sciopero il 24 gennaio
Contratto nella sanità privata, i vertici della Cimop ricevuti e ascoltati dalla Conferenza delle Regioni. De Rango: “Grata a Venturi e Icardi per la sensibilità”
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Sciopero dei medici, c’è la data: 25 gennaio. Intersindacale: «Rinnovo del contratto, difesa dell’intramoenia e più fondi, ecco le ragioni della protesta»
La seconda giornata di sciopero sarà proclamata, nel rispetto della normativa, entro la prima settimana di febbraio dall’AAROI-EMAC. «La protesta –sottolineano - comprenderà altre iniziative, anche di carattere giudiziario, nei confronti di chi intende disattendere la sentenza della Corte Costituzionale in tema di diritto ad avere un contratto di lavoro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto