Sanità internazionale 16 maggio 2016

Quando la formazione continua non è indipendente

____

L’allarme è stato lanciato in Francia, ma potrebbe interessare i medici di tutto il mondo. Una parte dei 10.000 medici degli ospedali di Parigi di Pubblica Assistenza (AP – HP), si trova in una “situazione pericolosa” di fronte al conflitto di interessi tra la professione medica e l’industria farmaceutica, secondo una ricerca condotta dall’ente stesso. Per evitare che i professionisti siano collocati, “volenti o nolenti”, in tali situazioni, è necessario cambiare questa prassi. Le attività nel mirino sarebbero l’informazione farmaceutica, le conferenze, i fondi per gli studi clinici. Il rapporto denuncia i comportamenti che, in particolare, sarebbero un ostacolo alla missione principale dell’attività ospedaliera: “Contribuire al progresso della medicina, alla sua diffusione e alla sua fruibilità su larga scala”. “Un centro ospedaliero universitario (CHU) ha una triplice missione: la cura, l’insegnamento e la ricerca”, possiamo ancora leggere. Ognuno di essi è un potenziale bersaglio per i conflitti di interesse. Le proposte della relazione sottolineano tre punti generali. L’accumulo di attività deve essere più strettamente regolamentato. La relazione afferma che l’impegno di tempo, la compensazione e la natura dei servizi forniti devono essere compatibili con l’esercizio ospedale e gli interessi della AP – HP. In particolare, queste attività esterne devono ricevere il permesso dall’università, che ne definirà la natura.

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
In Francia si vogliono affidare attività mediche a farmacisti
Per combattere la carenza di medici in quelli che vengono chiamati “les déserts médicaux”, in Francia alcune attività riservate ai camici bianchi potrebbero essere affidate ai farmacisti. È una delle proposte finite ieri sulla scrivania del ministro della Salute Agnès Buzyn ed elaborate dai delegati nazionali che si sono occupati di studiare possibili miglioramenti all’accesso […]
Autodimissioni degli ospedalieri e fuga dal SSN, le reazioni dei lettori al racconto di una vita soffocante
L’intervista al vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni è stata l’articolo più letto di settembre ed il più condiviso sui social network. È il sintomo della diffusione del malessere di una categoria che, a lavorare nel sistema sanitario pubblico, proprio non ce la fa più
Emilia-Romagna, il Gruppo San Donato acquisisce la Casa di Cura Villa Chiara
Il Gruppo ospedaliero San Donato (GSD) ha perfezionato l’acquisizione della quota di maggioranza del capitale sociale di Villa Chiara S.p.A., ospedale privato accreditato con il servizio sanitario dell’Emilia Romagna. L’Assemblea di Villa Chiara, riunitasi il 28 settembre scorso, ha provveduto al rinnovo del Consiglio di Amministrazione dell’ospedale, che ha nominato Presidente il dottor Paolo Rotelli, […]
Contratto, Vergallo (Aaroi-Emac): «Sciopero di un anestesista blocca dieci professionisti. Faremo sentire peso della categoria»
Il presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri spiega i motivi che hanno condotto l’intersindacale allo stato di agitazione. E manda un messaggio ai cittadini: «Volete il reddito di cittadinanza o la sanità pubblica?»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...